Ricevi Aleteia tutti i giorni

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Un assassinio, una madre e un figlio di immigrati. Una storia di perdono e di accoglienza

MOLLIE TIBBETS
Fair use
Condividi

Una famiglia statunitense ha saputo trasformare il dolore per la morte della figlia in perdono, amore e bontà

Laura Calderwood, 55 anni, che vive a Brooklyn, nell’Iowa (Stati Uniti), ha accettato che Ulises Félix (17), figlio di immigrati messicani, vivesse a casa sua, per mediazione di uno dei suoi tre figli, Scott.

La storia potrebbe sembrare particolare già solo per il fatto che Laura è una statunitense dai capelli biondi mentre Ulises è scuro, figlio di immigrati irregolari provenienti dallo Stato messicano di Durango, compagno di scuola e della squadra locale di basket di Scott, il figlio minore di Laura.

Ma la particolarità del caso non è questa. Il fatto sorprendente – che Juan Manuel Cotelo avrebbe voluto registrare nella sua saga del perdono del film El Mayor Regalo – è che Laura è la madre di Mollie Tibbets (20) e Ulises viveva molto vicino – nella stessa fattoria – a Cristhian Bahena Rivera (24), l’assassino di Mollie.

La tragedia

Il 18 luglio scorso Mollie è uscita a fare jogging. Il suo corpo è stato ritrovato il 21 agosto in un campo di grano a vari chilometri da Brooklyn, in stato di totale putrefazione.

La polizia ha scoperto l’assassino grazie alle telecamere di vigilanza che lo hanno registrato mentre si aggirava intorno a Mollie in una strada di campagna ai confini della cittadina. Bahena Rivera, originario di El Guayabillo, nello Stato messicano di Guerrero, lavorava da vari anni nella fattoria Yarrabee Farms e viveva nella roulotte vicina a quella della famiglia di Ulises. Ha anche avuto una figlia con sua cugina.

Sapendo dell’assassinio e che l’omicida era un immigrato illegale, i lavoratori messicani della Yarrabee Farms sono fuggiti. Tra loro, i genitori di Ulises. Sapevano che i sentimenti anti-immigrati li avrebbero avuti come bersaglio. I genitori di Ulises sono andati in Illinois, e il ragazzo è rimasto da solo.

Qualche giorno dopo il ritrovamento del cadavere di Mollie, uccisa a pugnalate, Ulises ha ricevuto una telefonata da Scott Tibbets, fratello della ragazza, perché andasse a vivere a casa sua. Laura lo ha accettato.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni