Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Un assassinio, una madre e un figlio di immigrati. Una storia di perdono e di accoglienza

MOLLIE TIBBETS
Fair use
Condividi

Una famiglia statunitense ha saputo trasformare il dolore per la morte della figlia in perdono, amore e bontà

Laura Calderwood, 55 anni, che vive a Brooklyn, nell’Iowa (Stati Uniti), ha accettato che Ulises Félix (17), figlio di immigrati messicani, vivesse a casa sua, per mediazione di uno dei suoi tre figli, Scott.

La storia potrebbe sembrare particolare già solo per il fatto che Laura è una statunitense dai capelli biondi mentre Ulises è scuro, figlio di immigrati irregolari provenienti dallo Stato messicano di Durango, compagno di scuola e della squadra locale di basket di Scott, il figlio minore di Laura.

Ma la particolarità del caso non è questa. Il fatto sorprendente – che Juan Manuel Cotelo avrebbe voluto registrare nella sua saga del perdono del film El Mayor Regalo – è che Laura è la madre di Mollie Tibbets (20) e Ulises viveva molto vicino – nella stessa fattoria – a Cristhian Bahena Rivera (24), l’assassino di Mollie.

La tragedia

Il 18 luglio scorso Mollie è uscita a fare jogging. Il suo corpo è stato ritrovato il 21 agosto in un campo di grano a vari chilometri da Brooklyn, in stato di totale putrefazione.

La polizia ha scoperto l’assassino grazie alle telecamere di vigilanza che lo hanno registrato mentre si aggirava intorno a Mollie in una strada di campagna ai confini della cittadina. Bahena Rivera, originario di El Guayabillo, nello Stato messicano di Guerrero, lavorava da vari anni nella fattoria Yarrabee Farms e viveva nella roulotte vicina a quella della famiglia di Ulises. Ha anche avuto una figlia con sua cugina.

Sapendo dell’assassinio e che l’omicida era un immigrato illegale, i lavoratori messicani della Yarrabee Farms sono fuggiti. Tra loro, i genitori di Ulises. Sapevano che i sentimenti anti-immigrati li avrebbero avuti come bersaglio. I genitori di Ulises sono andati in Illinois, e il ragazzo è rimasto da solo.

Qualche giorno dopo il ritrovamento del cadavere di Mollie, uccisa a pugnalate, Ulises ha ricevuto una telefonata da Scott Tibbets, fratello della ragazza, perché andasse a vivere a casa sua. Laura lo ha accettato.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.