Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

“Non valgo nulla, faccio schifo”. Da chi vengono e come scacciare i pensieri neri?

SAD WOMAN
By eldar nurkovic | Shutterstock
Condividi

In un libro che raccoglie alcune catechesi di padre Maurizio Botta troviamo utili risposte per fronteggiare il dialogo cattivo che sentiamo dentro

5) Infine, ma sempre per prima, la preghiera incessante:

(…) “Gesù Cristo, abbi pietà di me peccatore”, come nel libro Racconti di un Pellegrino Russo. Non so se lo conoscete. Il protagonista è per l’appunto un pellegrino che attraversa l’Ucraina e la Russia portando con sé solo pane secco e la Bibbia. Dopo aver partecipato a una Messa, molto colpito dall’esortazione di San Paolo a pregare incessantemente (1 Tessalonicesi 5,17), si mette alla ricerca di chi gli insegni a vivere la vita di ogni giorno e contemporaneamente a tenere la propria mente continuamente rivolta a Dio in preghiera. Incontra, infine, un santo monaco che gli insegna la preghiera di Gesù o preghiera del cuore, che consiste nella ripetizione incessante, secondo il ritmo del respiro, della formula «Signore Gesù Cristo, Figlio Di Dio, abbi pietà di me peccatore», una frase adattata dal Vangelo (Luca 18,13). (…) Vi confesso che le prime migliaia di volte c’era quel “sono un peccatore” che mi lasciava un po’ perplesso… “Ma perché devo dire che sono un peccatore?”, c’era proprio una resistenza, ma più andavo avanti e più capivo che mi faceva bene…

Perché non siamo nella pace e nella gioia?

Scrive padre Maurizio che non abbiamo la gioia piena che vuole donarci Cristo  – e che il nostro cuore desidera – perché non viviamo il comandamento che Lui ci ha dato, “Che vi amiate gli uni gli altri, come io vi ho amato” e non chiediamo al Signore di farci amare così chi abbiamo accanto e noi stessi. Cominciamo subito a farlo!

(…) penso ai ragazzi e alle ragazze a cui la voce dice: “Sei uno sfigato! Non ti si piglia nessuno! Sarai un infelice!”. Io voglio solo dire loro che è una bugia perché è contraria alla parola di Gesù nel Vangelo. Per il Padre sono contati anche i capelli del vostro capo, Lui si preoccupa per voi: “Vi lascio la pace, vi do la mia pace perché la mia gioia sia in voi”, vi dice. La soluzione? Il Signore ce l’ha consegnata facendo la sintesi della sintesi. Un solo comandamento: “Amatevi come io vi ho amato, divinamente. Vi do lo Spirito Santo, a chi lo chiede verrà dato”. Stop! (…) dico di ascoltare e prendere sul serio e fino in fondo il comandamento di Cristo: “Ama, ama come ama Lui”. Chiediglielo in ginocchio quando vai a piedi, in bicicletta, al lavoro, con la preghiera, con le giaculatorie.

Voglio amare, Signore, come ami tu!

Così sia.

ACQUISTA QUI IL VOLUME

Pagine: 1 2 3

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.