Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Papa Francesco: la cultura dell’indifferenza è l’opposto dell’amore di Dio

EPIPHANY
Antoine Mekary | ALETEIA | I.Media
Condividi

Papa Francesco nell'omelia della Messa a Casa Santa Marta commenta il Vangelo della moltiplicazione dei pani: Dio “fa il primo passo” e ci ama, perché ha compassione e misericordia, mentre noi anche se siamo buoni, tante volte non capiamo i bisogni degli altri e restiamo indifferenti “forse perché l’amore di Dio” non è entrato nei nostri cuori

Dio “fa il primo passo” e ama “l’umanità che non sa amare”, perché ha compassione e misericordia, mentre noi anche se siamo buoni, tante volte non capiamo i bisogni degli altri e restiamo indifferenti “forse perché l’amore di Dio” non è entrato nei nostri cuori. Così Papa Francesco nell’omelia della Messa del mattino a Casa Santa Marta, che offre per l’eterno riposo dell’arcivescovo Giorgio Zur, già nunzio apostolico in Austria, “che abitava in questa Casa” e “che è venuto a mancare ieri a mezzanotte”. Il Pontefice prende spunto dalla liturgia di oggi, dall’esortazione all’amore della Prima lettera di San Giovanni Apostolo al Vangelo di Marco sulla moltiplicazione dei pani.

Dio ha fatto il primo passo e ci ha amati per primo

“Amiamoci gli uni gli altri, perché l’amore” viene da Dio, ricorda il Papa citando le parole di San Giovanni nella Prima lettura. E l’apostolo spiega “come si è manifestato l’amore di Dio in noi”: “Dio ha mandato nel mondo il suo Figlio unigenito, perché noi abbiamo la vita per mezzo di lui”. “Questo è il mistero dell’amore – chiarisce Francesco – Dio ci ha amati per primo. Lui ha fatto il primo passo”. Un passo “verso l’umanità che non sa amare”, che “ha bisogno delle carezze di Dio per amare”, della testimonianza di Dio. “E questo primo passo che ha fatto Dio è il suo Figlio: lo ha inviato per salvarci e dare un senso alla vita, per rinnovarci, per ricrearci”.

Sul lago di Tiberiade Gesù ha compassione della folla

Quindi il Pontefice guarda al brano del Vangelo di Marco sulla moltiplicazione dei pani e dei pesci. “Perché Dio ha fatto questo? – si domanda – Per ‘compassione’”. Compassione della grande folla che vede scendendo dalla barca, sulle rive del lago di Tiberiade, perché erano soli, sottolinea Papa Francesco: “erano come pecore che non hanno pastore”.

Il cuore di Dio, il cuore di Gesù si commosse, e vede, vede quella gente, e non può restare indifferente. L’amore è inquieto. L’amore non tollera l’indifferenza. L’amore ha compassione. Ma compassione significa mettere il cuore in gioco; significa misericordia. Giocare il proprio cuore verso gli altri: è questo l’amore. L’amore è mettere il cuore in gioco per gli altri.

Ma i discepoli: “che si arrangino a trovare cibo”

Poi il Papa descrive la scena di Gesù che insegna “molte cose” alla gente e i discepoli, alla fine, si annoiano, “perché Gesù diceva sempre le stesse cose”. E mentre Gesù insegna “con amore e compassione”, forse cominciano “a parlare tra loro”. Alla fine guardano l’orologio: “Ma è tardi…”. E Francesco cita ancora l’evangelista Marco: “Ma Maestro, il luogo è deserto ed è ormai tardi; congedali, in modo che, andando per le campagne e i villaggi dei dintorni, possano comprarsi da mangiare”. Praticamente dicono “che si arrangino” e che comprino loro il pane. “Ma noi stiamo sicuri – commenta il Pontefice – loro sapevano di avere pane per loro, e volevano custodire quello. È l’indifferenza”.

Ai discepoli non interessava la gente: interessava Gesù, perché gli volevano bene. Non erano cattivi: erano indifferenti. Non sapevano cosa fosse amare. Non sapevano cosa fosse compassione. Non sapevano cosa fosse indifferenza. Hanno dovuto peccare, tradire il Maestro, abbandonare il Maestro, per capire il nocciolo della compassione e della misericordia. E Gesù, la risposta è tagliente: “Voi stessi date loro da mangiare”. Prenditi carico di loro. Questa è la lotta fra la compassione di Gesù e l’indifferenza, l’indifferenza che si ripete nella storia sempre, sempre… Tante gente che è buona, ma non capisce i bisogni altrui, non è capace di compassione. È gente buona, forse perché non è entrato l’amore di Dio nel loro cuore o non lo hanno lasciato entrare.

La foto del senzatetto e della gente che evita il suo sguardo

E qui Papa Francesco descrive una foto che è sulle pareti dell’Elemosineria Apostolica:  “uno scatto spontaneo che ha fatto un bravo ragazzo romano e lo ha offerto all’Elemosineria”. L’ha scattata Daniele Garofani, oggi fotografo de “L’Osservatore Romano”, di ritorno da un servizio di distribuzione pasti ai senzatetto con il cardinal Krajewski. E’ una notte di inverno “si vedeva per il modo di vestire della gente” spiega il Papa, che usciva “da un ristorante”. “Gente tutta ben coperta” e soddisfatta: “avevano mangiato, erano fra gli amici”. E lì, prosegue Francesco nella descrizione della foto, “c’era una senzatetto, sul pavimento, che fa così…” e mima il gesto della mano tesa a chiedere l’elemosina. Il fotografo, racconta ancora il Pontefice “è stato capace di scattare nel momento nel quale la gente guarda da un’altra parte, perché gli sguardi non si incrocino”. Questa, commenta Papa Francesco, “è la cultura dell’indifferenza. Questo è quello che hanno fatto gli Apostoli”. “Congedali, che vadano per le campagne, al buio, con la fame. Che si arrangino: è problema loro”. “Noi ne abbiamo: cinque pani e due pesci per noi”.

L’ opposto dell’amore non è l’odio, ma l’indifferenza

“L’amore di Dio sempre va per primo – spiega il Papa – è amore di compassione, di misericordia”. È vero che l’opposto dell’amore è l’odio, ma in tanta gente non c’è “un odio cosciente”.

L’opposto più quotidiano all’amore di Dio, alla compassione di Dio, è l’indifferenza: l’indifferenza. “Io sono soddisfatto, non mi manca nulla. Ho tutto, ho assicurato questa vita, e anche l’eterna, perché vado a Messa tutte le domeniche, sono un buon cristiano”. “Ma, uscendo dal ristorante, guardo da un’altra parte”. Pensiamo: questo Dio che dà il primo passo, che ha la compassione, che ha misericordia e tante volte noi, il nostro atteggiamento è l’indifferenza. Preghiamo il Signore perché guarisca l’umanità, cominciando da noi: che il mio cuore guarisca da questa malattia che è la cultura dell’indifferenza.

Auguri a Kiko: lavora per la Chiesa con zelo apostolico

Alla fine della celebrazione, Francesco invia un cordiale saluto a Kiko Argüello, iniziatore del Cammino Neocatecumenale, per il suo ottantesimo compleanno, e lo ringrazia “per lo zelo apostolico con il quale lavora nella Chiesa”.

QUI L’ORIGINALE

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.