Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Perché piangere nel momento dell’angoscia

WOMAN ANXIETY
Condividi

Vi siete mai chiesti quale sia il motivo per cui alcune persone sembrano soffrire con una certa serenità? La pace che offre la preghiera non è paragonabile a nulla

Alcune persone affrontano il dolore, la malattia o la morte di un familiare con una pace che richiama l’attenzione.

A volte questa serenità di fronte alla morte viene confusa con freddezza. Mi viene in mente che chi subisce una perdita probabilmente è ormai rimasto senza lacrime.

Ci sono però altre persone che hanno in sé una pace che si distingue, e che pur essendo spezzate dal dolore fisico o emotivo sembrano avere uno spirito di pietra.

Questa qualità delle persone che descrivo non è una cosa propria, quanto il frutto della preghiera – della fede e della speranza di sapere che ora tutto è nelle mani di Dio, che i nostri cari defunti godono ora della Sua presenza.

Ricordo che quando avevo appena due anni sono partita con la mia famiglia. Dovevamo visitare un parco in cui si arrivava in treno e si ripartiva alla fine della visita.

Quando il treno iniziava ad annunciare la sua partenza mi sono resa conto che non avevo alcuno dei miei familiari intorno a me e mi sono spaventata.

Ero convinto che non avrei mai rivisto la mia famiglia e sono piombata in un incubo.

Giravo su me stessa aprendo e chiudendo gli occhi perché le lacrime scorressero e mi lasciassero vedere più chiaramente un volto conosciuto.

Non vedevo nessuno in quella folla che si affrettava a salire sul treno. Ero sola e disperata. Nessuno si fermava ad aiutarmi.

All’improvviso tra la gente ho riconosciuto mio padre che correva verso di me. Mi ha presa in braccio ed è corso verso il treno. Non ricordo nient’altro.

Questa esperienza mi fa pensare molto a come ci sentiamo quando affrontiamo preoccupazioni, dolori, circostanze critiche o perfino estreme.

Abbiamo il cuore e la mente divisi. Cerchiamo disperatamente risorse che ci offrano delle soluzioni, ricordiamo il passato e temiamo il futuro.

L’angoscia si impossessa di tutta la nostra esistenza, e siamo estenuati perché non troviamo un attimo di riposo prevedendo la catastrofe.

Aggrappati all’ultimo filo di speranza, ricordiamo le cose più fondamentali che abbiamo imparato: uniamo le mani e iniziamo a pregare.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni