Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Cos’è l’ecoterapia, e quali sono i suoi reali benefici?

MĘŻCZYZNA W LESIE
Elijah Hail/Unsplash | CC0
Condividi

Non lasciatevi ingannare dal nome nuovo. In realtà si tratta di un modo antico e semplice per rimanere in salute

Avete già sperimentato variazioni di umore repentine e scomode? A volte vi sentite di cattivo umore o semplicemente tristi? Siete senza energia per compiere tutti i compiti quotidiani? Forse nella vostra vita manca un po’ di contatto con la natura.

L’ecoterapia migliora il nostro stato mentale, soprattutto quando si tratta di ridurre lo stress, l’ansia e la depressione. Ma cos’è precisamente? Come suggerisce il nome, è una serie di pratiche che implicano il recupero del legame con la natura in modo consapevole, cercando di migliorare il proprio benessere generale.

Stare a contatto con la natura è una cosa che per via del nostro stile di vita attuale si è ampiamente persa. Vivendo in zone urbanizzate, i suoni, i panorami e perfino i profumi che offre la natura vengono stati scambiati con quelli cittadini. Tornare alle nostre radici, alla natura, può davvero migliorare l’umore e il benessere generale della mente.

“Partecipare ad attività fisiche in un ambiente verde e naturale può essere un ottimo modo per migliorare la nostra salute mentale e il nostro benessere”, spiega Stephen Buckley, responsabile delle informazioni dell’ente caritativo di salute mentale Mind.

Buckley ha affermato che una ricerca effettuata da Mind e dall’Università dell’Essex ha scoperto che il 94% delle persone che partecipano ad attività all’aria aperta, come passeggiate e giardinaggio, ha scoperto di trarre benefici a livello di salute mentale. Il 90% dei partecipanti ha poi percepito che la combinazione di natura ed esercizio era più importante per determinare come si sentiva.

Cambiamenti di vita, malattie, problemi sociali e stress possono davvero influire sul proprio benessere mentale, e i farmaci possono non essere ideali per tutti. Interagire con la natura può essere uno strumento per migliorare i propri pensieri, e quindi sentirsi meglio.

Anche se devono essere effettuati ancora numerosi studi per comprendere completamente il modo in cui la natura può influire sulla nostra mentalità, una ricerca svolta dai ricercatori di Stanford suggerisce che dopo una passeggiata nella natura le persone hanno minore attività nella corteccia prefrontale, la zona del cervello attiva quando abbiamo pensieri ripetitivi che si concentrano su emozioni negative (la cosiddetta ruminazione).

Il ciclo di pensieri negativi può portare a depressione, alti livelli di stress o altri problemi mentali, mentre stare costantemente a contatto con la natura può impedire questi pensieri e avere anche benefici cognitivi notevoli, come l’aumento dello sviluppo della memoria.

Oltre ad aiutare a combattere la depressione, che sarà la seconda causa principale di salute precaria fino al 2020, secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, l’interazione con spazi e suoni naturali offre altri benefici, come la riduzione della pressione arteriosa e dei livelli di cortisolo, l’ormone dello stress, e aiuta a distrarre la mente dalle preoccupazioni.

L’ecoterapia può farvi avere una prospettiva diversa nella vita e aiutarvi a rilassarvi. Aiuta anche a diminuire la rabbia, migliorare l’umore, aumentare l’autostima e la capacità di recupero emotivo, elevare i livelli di energia e rilassare il sistema nervoso.

Le ricerche sull’ecoterapia spiegano anche che attività all’aria aperta come rafting, pesca o passeggiate nella natura hanno aiutato i veterani di guerra che soffrono di disturbo da stress post-traumatico, perché “sfuggono dallo scenario abituale e restano affascinati dallo stimolo in ecosistemi naturali che portano la mente ad allontanarsi dai problemi quotidiani”.

“L’esercizio in generale è ottimo per la nostra salute mentale”, aggiunge Buckley. “Fa sì che il nostro corpo liberi ormoni chiamati endorfine, che ci fanno sentire bene, e riduce i livelli di cortisolo, l’‘ormone dello stress’, che è stato associato alla depressione e all’ansia, tra altri problemi di salute mentale. Esercitarsi in una palestra o in un ambiente urbano è ottimo per la nostra salute mentale e fisica, ma i colori, i suoni e i profumi dell’aria aperta stimolano i nostri sensi in un modo diverso e possono far bene al nostro umore”.

Il rapporto della ricerca della Mind, intitolato Ecotherapy: the green agenda for mental health, ha analizzato lo stato mentale di un gruppo di persone dopo una passeggiata di 30 minuti in un parco non urbano. La ricerca ha sottolineato che il 71% dei partecipanti ha riferito una diminuzione dei livelli di depressione dopo la passeggiata, e ha affermato di sentirsi meno teso. Oltre a questo, il 90% ha aumentato l’autostima, il 71% ha detto di sentirsi meno stanco, il 53% di sentirsi più vigoroso e l’88% ha sperimentato un miglioramento generale a livello di umore.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni