Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
domenica 19 Settembre |
Notre Dame de la Salette
home iconNews
line break icon

Di ‘barboni’ e di coperte

ELEMOSINA, POVERO, CLOCHARD

Shutterstock

Dire - Agenzia di Stampa Nazionale - pubblicato il 05/01/19

"Al barbone la coperta non va buttata nel cassonetto. Al barbone la coperta va regalata". Un'ex volontaria che ha assistito i senzatetto ci ha scritto dopo il brutto episodio del vicesindaco di Trieste

Dopo il caso del vicesindaco di Trieste che ha trovato e buttato in un cassonetto della spazzatura le coperte e le giacche di un senzatetto per poi vantarsene sui social, riceviamo e pubblichiamo la testimonianza che ci ha mandato una ex volontaria che a Bologna ha lavorato con un’organizzazione che storicamente si occupa di assistenza ai senza fissa dimora sotto le Due torri. L’immagine di quella coperta finita nel cassonetto è qualcosa che l’ha turbata e di getto ha scritto per provare a raccontare cosa significhi toccare con mano la vita in strada. 

“La prima cosa che ti chiede un barbone (perché si chiamano così fra loro, barboni) quando gli porti da mangiare è se gli regali il berretto che porti. Perché il barbone ha prima di tutto freddo. Tu lo capisci dopo la prima sera di volontariato e così le volte dopo te ne porti sempre qualcuno di scorta. Poi ti chiede da fumare, se fuma. Tu gli regali il pacchetto e lui subito te ne offre una. Poi parla, ti racconta, ti chiede, e ti racconta, racconta, racconta.

C’è quello che si vergogna così tanto di essere un barbone che una settimana dopo l’altra non fa altro che raccontarti cazzate, che ha fatto un colloquio, che ha quasi trovato un lavoro. E tu dopo un po’ lo capisci che sono cazzate, ma lui era un ingegnere, aveva moglie e figli, e ha perso tutto a forza di bere. E fai finta di credere a quello che ti dice, perché ne ha bisogno per non vergognarsi troppo.

C’è anche quello che non vedi mai in faccia, è sempre chiuso nel suo cartone, e infatti nel giro lo chiamano Cartone. Quando ti avvicini per lasciargli il cibo a volte dorme, a volte no e fa un grugnito per ringraziarti. Ma non esce. Cartone si nasconde.

Poi c’è quello nuovo, giovanissimo, che quando gli allunghi da mangiare ti chiede quanti soldi ti deve. Gli dici che è gratis e lui scoppia a piangere e non smette di ringraziarti. Qualche settimana dopo scopri che si è impiccato. Sarebbe cambiato qualcosa se l’ultima volta che l’hai visto l’avessi abbracciato forte? Niente di niente, è la risposta. Ma tu te lo chiedi lo stesso.

Ci sono i barboni della stazione che ti incontrano una mattina che devi partire, e non c’è verso di fermarli: ti accompagnano al binario portandoti la valigia e si schierano davanti il tuo finestrino per salutarti quando il treno si avvia. E quella scena non la dimenticherai mai più.

Ci sono anche i barboni stronzi, che semplicemente ti mandano a fanculo.

C’è il barbone che è un po’ meno barbone perché ha accettato di stare in un centro. Ha un problema mentale, è come un bimbo. Lo incontri per caso su un autobus, lui vede un neonato in braccio alla madre e prova ad accarezzarlo. La mamma indietreggia schifata e tu gli spieghi, sorridendo, che i neonati non li può toccare nessuno. Lui no, ma neanche tu. Per non mortificarlo troppo.

C’è il centro dove stanno i barboni un po’ meno barboni, ci vai perché ti hanno invitato a giocare a carte e ancora adesso non sai come hai fatto a non vomitare appena entrata per l’odore.

Quasi tutti i barboni non la scelgono, la strada. Ci si ritrovano talmente in fretta che manco capiscono come sia successo. Al barbone la coperta non va buttata nel cassonetto. Al barbone la coperta va regalata. Basta anche lasciargliela vicino la sera, quando dorme. Per noi è una coperta, per lui la possibilità di farcela”.

E., ex volontaria

QUI L’ORIGINALE

Tags:
senzatetto

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
2
BABY
Mathilde De Robien
Nomi maschili che portano impresso il sigillo di Dio
3
PAURA FOBIA
Cecilia Pigg
La breve preghiera che può cambiare una giornata stressante
4
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
5
Gelsomino Del Guercio
La Madonna nera è troppo sfarzosa: il parroco la “spoglia”. Ed è ...
6
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
7
Paola Belletti
Tre suicidi tra i giovanissimi il 1°giorno di scuola
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni