Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
mercoledì 23 Giugno |
San Giuseppe Cafasso
home iconNews
line break icon

Il luogo del battesimo di Gesù è circondato da mine. Ma i visitatori le “snobbano”

Creative Commons

Gelsomino Del Guercio - pubblicato il 03/01/19

4000 persone ogni anni si immergono nel fiume Giordano a Qasr el Yahud, in Cisgiordania, nonostante la zona è militarizzata e inagibile

Qasr el Yahud è il luogo sulle sponde del fiume Giordano in Cisgiordania dove, secondo la tradizione, Gesù è stato battezzato da Giovanni Battista (l’ultimo profeta ad annunciarne la venuta, secondo la Bibbia). È uno dei siti più importanti per la religione cristiana dopo la Chiesa della Natività a Betlemme e il Santo Sepolcro a Gerusalemme.

Secondo la tradizione, prima di iniziare a predicare Gesù si recò da Giovanni Battista, figlio di Elisabetta e Zaccaria, che stava battezzando e confessando fedeli che arrivavano da tutta la Palestina: per i vangeli questo momento segna la discesa dello Spirito Santo su Gesù (Il Post, 30 dicembre).

Vicino Gerico

Qasr el-Yahud sorge vicino ad un’antica via che guadava il fiume e metteva in connessione Gerusalemme, attraverso Gerico, a numerosi siti biblici transgiordani come la città di Madaba, il Monte Nebo e la Via Regia. Questa località è situata a una decina di chilometri in direzione sud-est da Gerico e si trova sul territorio del Governatorato di Gerico in Palestina.

La Guerra e le mine

Da più di cinquant’anni, però, il sito è ufficialmente inagibile perché circondato da mine anti-uomo e anti-carrarmato.E’ stato riaperto nel 2011 dopo essere stato chiuso nel 1967 a causa dello scoppio della Guerra dei Sei Giorni.

Durante quella guerra – in cui Israele con un attacco a sorpresa occupò la Cisgiordania – i terreni intorno alle chiese e ai monasteri furono riempiti di mine per evitare l’infiltrazione di soldati giordani oltre il confine. Si stima che le mine posizionate fossero almeno 5mila, mentre non si sa quanti siano gli ordigni esplosivi improvvisati che sono stati abbandonati durante il conflitto.

4000 “bagnanti”

Ogni anno più di quattromila persone visitano Qasr el Yahud – che è supervisionata da un’organizzazione governativa israeliana per la tutela di parchi e riserve naturali – e molti dei visitatori e dei pellegrini che si recano al sito si fanno battezzare nelle acque del Giordano, immergendosi nel fiume, nonostante la zona sia ancora militarizzata e ci siano cartelli di pericolo ovunque.


ST JOHN THE BAPTIST

Leggi anche:
La storicità di San Giovanni Battista e del battesimo di Gesù

Il disinnesco

Dal 2014 un’organizzazione privata no profit, la Halo Trust, ha iniziato i lavori di sminamento della zona in collaborazione con il ministero della Difesa israeliano; nel 2018 è stato riaperto il monastero degli ortodossi etiopi (nella zona ci sono monasteri e luoghi di culto di otto confessioni cristiane). I lavori di sminamento dovrebbero terminare alla fine del 2019 (Washington Post, 29 dicembre).

Giovanni Paolo II

Un tentativo precedente di sminamento dell’area risale al 2000, in occasione della visita di papa Giovanni Paolo II a Qasr el Yahud. Allora solo una piccola zona era stata completamente liberata, per permettere l’accesso al fiume; il Papa l’aveva raggiunta in elicottero. Con l’inizio della seconda intifada, nel 2003, però i lavori erano stati bloccati.


DRONE,JORDAN,BAPTISMAL SITE,GOPRO

Leggi anche:
FOTO ESCLUSIVE: la folle avventura di filmare con un drone il luogo del Battesimo di Gesù

Tags:
battesimogesù cristogiordania
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
2
nun
Larry Peterson
Gesù ha donato a questa suora una preghiera di 8 parole per esser...
3
Giovanni Marcotullio
«I rapporti prematrimoniali?» «Un vero peccato!» «Ma “mortale”?» ...
4
Lucía Chamat
La curiosa fotografia di “Gesù” che sta commuovendo la Colombia
5
MOTHER AND LITTLE DAUGHTER,
Silvia Lucchetti
Lui si suicida dopo aver ucciso le figlie: Giulia torna a vivere ...
6
Gelsomino Del Guercio
San Giuseppe sparisce dai Vangeli. Don Fabio Rosini ci svela il &...
7
COUPLE GETTING MARRIED
Gelsomino Del Guercio
Il matrimonio si celebra in casa. La svolta della diocesi di Livo...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni