Ricevi Aleteia tutti i giorni
Solo le storie che vale la pena leggere: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Russia: estratto vivo dalle macerie bimbo di 11 mesi dopo 35 ore a meno 17 gradi (VIDEO)

BABY SAVED
Condividi

E’ sopravvissuto al crollo del palazzo avvenuto il 31 dicembre a Magnitogorsk a causa di una fuga di gas

L’ultimo dell’anno a Magnitogorsk, cittadina russa degli Urali, un palazzo di dieci piani è crollato a causa di una fuga di gas. Continua a salire il bilancio delle vittime della tragedia: 9 morti e 30 dispersi (tg24.sky) ma nella disperazione è avvenuto un miracolo per cui gioire e ringraziare il Cielo!

Lo hanno sentito piangere

Ieri i soccorritori che dal 31 dicembre continuano a scavare senza sosta per cercare i dispersi tra le macerie, hanno estratto vivo un bambino di 11 mesi, sopravvissuto 35 ore a meno 17 gradi. Il video che mostra il salvataggio è impressionante: si vedono per prima le sue calzette, i piedini con le gambe rosa impolverate di muri disintegrati dal gas, poi compare la testa con i capelli sottili tra le voci concitate degli operatori che sono giunti a salvarlo seguendo il suono del suo pianto. Un gomitolo di lacrime che, come il filo di Arianna, li ha condotti dal piccolo. Chissà quanto freddo avranno preso quelle manine, con i pugni chiusi dal gelo! Da mamma con la gola stretta dalla commozione guardo queste immagini mentre benedico i soccorritori e prego Dio per questa fragile vita tratta in salvo che ora lotta per continuare ad esistere.

Leggi anche: La Guardia Costiera salva una piccola profuga sopravvissuta a un incendio-naufragio

Salva anche la mamma

Il bambino ha riportato molte fratture e ferite alla testa e soffre le gravi conseguenze dell’ipotermia (tg24.sky) ma è rimasto in vita grazie alla dolcissima premura della mamma che lo aveva avvolto accuratamente con il piumone nella culla. Un rituale amoroso quello di rimboccare le coperte che la donna starà ripetendo tuttora in ospedale, salva miracolosamente anche lei, e noi ci auguriamo che il suo piccino guarisca presto e che questa mamma possa piangere soltanto lacrime di gratitudine.

https://www.youtube.com/watch?v=eJUv-V0R3gs

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.