Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
lunedì 27 Settembre |
Santi Cosma e Damiano
home iconNews
line break icon

La strage silenziosa dei bambini immigrati al confine Messico-Usa

BORDER

Quim Gil-(CC BY-SA 2.0)

Gelsomino Del Guercio - pubblicato il 02/01/19

La frontiera e i centri di detenzione sono un calvario. Trump non intende fermarsi: avanti con il muro. Intanto nuove violenze e morti subite da minori indifesi

Felipe Alonzo Gomez è morto alle 23 e 48 minuti della notte di Natale. Aveva 8 anni e il 18 dicembre scorso era stato arrestato dallo US Customs and Border Protection, dopo aver attraversato illegalmente il confine Usa-Messico con il padre nella zona di Paseo del Norte.

Il bambino si era sentito male dopo qualche giorno di detenzione ed era stato trasferito in ospedale dove tuttavia non era stato considerato in pericolo di vita. Una volta rientrato nel campo di detenzione i farmaci prescritti non avevano sortito gli effetti sperati ed era stato di nuovo male.

Come Jakelin

Lunedì 24 dicembre, intorno alle dieci di sera era stato riportato in ospedale. All’arrivo i medici hanno tentato di rianimarlo, ma non ci sono riusciti, e dodici minuti prima della mezzanotte lo hanno dichiarato morto. I suoi sintomi sono stati simili a quelli di Jakelin Caal, altra bambina guatemalteca di 7 anni morta l’8 dicembre scorso sempre mentre era detenuta dalle autorità americane, e questo fa nascere il sospetto di una possibile epidemia, o di una mancanza di assistenza ripetuta (Secolo XIX, 27 dicembre).

Le storie di Felipe e Jakelin hanno fatto il giro del mondo, dopo i recenti scandali legati alle carovane di migranti al confine tra Usa e Messico, tra cui la prassi di marchiare con numeri il braccio dei bambini in attesa di asilo.




Leggi anche:
Una statua di Papa Francesco al confine tra Messico e Usa

“Non ci proverebbero neppure”

«Se ci fosse un muro, non ci proverebbero neppure», ha twittato di recente il presidente degli Stati Uniti Donald Trump (in realtà Trump vuole potenziare lo sbarramento già esistente in molte aree del confine). «I due bambini in questione erano molto malati prima di essere consegnati agli agenti della polizia di frontiera. Il padre della ragazzina ha detto che non è stata colpa loro, lui non le ha dato acqua per giorni. La polizia di frontiera ha bisogno del muro ed esso farà finire tutto», ha aggiunto.

https://twitter.com/realDonaldTrump/status/1079082188665171971

Oltre mille morti

Tra il 2014 e il 2017 il dato sugli immigrati morti (fonte Onu) è implacabile: 1.417 persone non sono riuscite a sopravvivere attraversando il confine, tra essi anche 16 bambini (ma quasi la metà delle persone decedute non è stata censita) (True Numbers, 4 aprile 2018).

Eppure il presidente americano ha spiegato ai microfoni dell’Abc di essere pronto a inviare alla frontiera «fino a 15 mila soldati, più di quanti ce ne sono in Afghanistan». Sul confine messicano sono attualmente schierati oltre 5mila soldati (Il Messaggero, 28 dicembre 2018).

Bambini maltrattati in Arizona

Che il trattamento per i minori immigrati non sia dei migliori lo dimostra anche un’altra storia. Una nuova polemica è scoppiata negli Usa per il caso di alcuni migranti minorenni maltrattati dallo staff del centro Hacienda Del Sol di Youngtown, in Arizona, gestito dalla Southwest Key, il più grande fornitore nazionale di strutture per migranti bambini. La notizia arriva dopo che The Arizona Republic ha ottenuto alcuni video di una telecamera di sorveglianza in cui si vedono le violenze, avvenute lo scorso settembre, e la storia è rimbalzata su molti media americani tra cui la Cnn (Tg Sky, 31 dicembre).




Leggi anche:
Tra i deportati in Messico: “Il muro? Lo scavalcheremo”

Tags:
clandestinitàimmigrazionemessicostati uniti d'america
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
POPE AUDIENCE
Gelsomino Del Guercio
Il Papa contro la Chiesa “parallela” in cui si bestemmia l’azione...
2
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
3
SLEEPING
Cecilia Pigg
7 modi in cui i santi possono aiutarvi a dormire meglio di notte
4
SHEPHERDS
José Miguel Carrera
Il dolore dei genitori per i figli che non vogliono più sapere ni...
5
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
6
Couple, Sleep, Snoring, Night
Cecilia Pigg
Trucchetti dei santi per dormire bene
7
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni