Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

America, Asia, Europa: ecco i 4 viaggi apostolici di Papa Francesco nel 2019

POPE FRANCIS,SHARE THE JOURNEY
Antoine Mekary | Aleteia | I.Media
Condividi

In programma quattro viaggi apostolici. Probabile anche un quinto: in autunno in Giappone

Dopo i quattro viaggi all’estero di quest’anno, e nonostante il 17 dicembre scorso abbia compiuto 82 anni, si presenta ancora più intensa l’agenda delle visite internazionali di papa Francesco nel 2019, con 4 viaggi già programmati nei primi mesi dell’anno, e altri già in cantiere o quanto meno ipotizzati.

Da Panama alla Macedonia

Francesco volerà dal 23 al 27 gennaio a Panama per la Gmg; dal 3 al 5 febbraio negli Emirati Arabi Uniti e poi il 30 e 31 marzo in Marocco, un doppio appuntamento dal forte significato interreligioso; quindi, dal 5 al 7 maggio sarà in Bulgaria e in Macedonia (Ansa, 29 dicembre).

Incognita Giappone

Tra i possibili altri viaggi, è pressoché sicuro quello in Giappone, dove il Papa dovrebbe recarsi a fine novembre.

Ai vescovi giapponesi ricevuti in Vaticano il 17 dicembre, Francesco ha ribadito la volontà di visitare il Paese entro la fine dell’anno, e in particolare le città di Hiroshima e Nagasaki

Dopo Wojtyla

Se il programma andrà in porto, Francesco – che già il 12 settembre aveva annunciato a un’associazione nipponica il suo desiderio di andare in Giappone nel 2019 – sarà il primo Papa nel Paese dopo la visita di Giovanni Paolo II nel febbraio 1981, oltre che a Tokyo, proprio nelle due città colpite dall’atomica nel 1945.

Desiderio giovanile

Proprio dopo l’incontro in Vaticano, il cardinale Thomas Aquino Manyo Maeda, arcivescovo di Osaka, ha detto che durante il suo viaggio il Papa dovrebbe pregare per le vittime delle due bombe nucleari. Francesco – che fin da giovane novizio avrebbe voluto essere mandato in missione in Giappone e che ha sempre ammirato la prodigiosa sopravvivenza della Chiesa nel Paese anche nei secoli della radicale persecuzione – era stato già invitato dal primo ministro Shinzo Abe, in un’udienza in Vaticano nel 2014.

L’invito dei sindaci

E inviti gli sono stati rivolti anche dai sindaci di Hiroshima e Nagasaki e dal governatore della Prefettura di Hiroshima. Se il progetto andrà in porto una possibile data è fine novembre perché solo a metà di quel mese si concluderà il lungo processo tra l’abdicazione dell’imperatore Akihito il 30 aprile e il definitivo insediamento del figlio Naruhito (Faro di Roma, 29 dicembre).

Gli auguri di Putin

Intanto il presidente russo Vladimir Putin ha fatto gli auguri di Natale e di un felice anno nuovo a papa Francesco e ha espresso «la speranza di poter rafforzare i rapporti tra la Federazione russa e il Vaticano, al fine di proteggere i valori universali, sostenere gli ideali di giustizia e pace sul pianeta e promuovere il dialogo tra varie confessioni religiose», ha detto il servizio stampa del Cremlino (Sputnik news, 31 dicembre).

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.