Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
martedì 15 Giugno |
Beato Clemente Vismara
home iconStorie
line break icon

La famiglia è troppo povera, il paese le ristruttura la casa

SELVA

opusdei.es

Agi - pubblicato il 25/12/18

Una storia di solidarietà da Melendugno, nel Salento. La casa era puntellata e in precarie condizioni igienico sanitarie e malgrado ciò ci vivevano sei persone

Una storia di solidarietà autentica viene da Melendugno, nel Salento, dove la comunità locale si è mobilitata per ristrutturare e mettere in sicurezza la casa pericolante e fatiscente in cui vive una famiglia povera di ex pastori. L’iniziativa è nata spontaneamente nelle scorse settimane, dopo una segnalazione giunta ai vigili urbani.

La casa era puntellata e in precarie condizioni igienico sanitarie e malgrado ciò ci vivevano sei persone, alcune delle quali con disabilità. “Non c’è stato nulla di organizzato, nessuna raccolta fondi, ma solo spontanee iniziative dei cittadini – racconta all’Agi il sindaco di Melendugno, Marco Potì – che hanno messo a disposizione ciò che serviva. Il muratore ha offerto manodopera e materiali e lo stesso ha fatto l’idraulico, l’imbianchino e l’elettricista”.

Un assessore comunale che svolge l’attività di geometra ha fatto gratuitamente da direttore dei lavori e un consigliere comunale che fa l’avvocato ha seguito alcune pratiche legali della famiglia. Il Comune ha coordinato tutta la fase della ristrutturazione, a cominciare dai lavori di rifacimento del solaio.

“La casa era davvero malridotta e la famiglia che ci vive è afflitta da una grave situazione di disagio economico e sociale – aggiunge il sindaco – Le pareti dell’abitazione erano piene di umidità, i sevizi igienici in condizioni molto precarie. Ma la cosa più bella è che mi telefonano persone anche da altri paesi pronte a contribuire, anche inviando soldi con vaglia postali. E’ una bella storia di solidarietà spontanea che speriamo possa servire da esempio per risolvere tante altre situazioni di degrado e sofferenza che affliggono la nostra società”.

Tags:
solidarieta
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
Landen Hoffman
Sarah Robsdotter
“Gli angeli mi hanno preso e Gesù mi vuole bene”: un bimbo di 5 a...
2
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
3
nun
Larry Peterson
Gesù ha donato a questa suora una preghiera di 8 parole per esser...
4
Lucía Chamat
La curiosa fotografia di “Gesù” che sta commuovendo la Colombia
5
MOTHER AND LITTLE DAUGHTER,
Silvia Lucchetti
Lui si suicida dopo aver ucciso le figlie: Giulia torna a vivere ...
6
Silvia Lucchetti
Matteo si è ucciso “in diretta” su un forum online. E...
7
Catholic Link
Non mi piaceva Santa Teresa di Lisieux finché non ho imparato que...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni