Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
lunedì 21 Giugno |
San Luigi Gonzaga
home iconChiesa
line break icon

Papa Francesco: Maria, modello di fede e carità per un Natale estroverso

PAPIEŻ FRANCISZEK

AFP/EAST NEWS

Vatican News - pubblicato il 24/12/18

All'Angelus: lo Spirito Santo da’ alla Vergine il dinamismo della fede e della carità e la porta “ad accorrere al servizio dell’anziana parente”.

Guardiamo a Maria, modello di fede e carità: la sua visita all’anziana cugina Elisabetta “ci prepara a vivere bene il Natale” un Natale “estroverso” nel quale “al centro non ci sia il nostro ‘io’, ma il Tu di Gesù e il tu dei fratelli, specialmente di quelli che hanno bisogno di una mano”. Papa Francesco, prima dell’Angelus, rilegge il Vangelo della Visitazione proposto dalla liturgia di questa quarta domenica di Avvento, e spiega che lo Spirito Santo da’ alla Vergine il dinamismo della fede e della carità e la porta “ad accorrere al servizio dell’anziana parente”.

L’ incontro delle due madri in attesa

Il Papa descrive l’incontro tra le due madri in attesa. Elisabetta loda subito la fede di Maria: “E beata colei che ha creduto nell’adempimento di ciò che il Signore le ha detto”.

È evidente il contrasto tra Maria, che ha avuto fede, e Zaccaria, il marito di Elisabetta, il quale aveva dubitato e non aveva creduto alla promessa dell’angelo e per questo rimane muto fino alla nascita di Giovanni.

L’incontro con Dio è frutto della fede

Questo episodio, prosegue Francesco, “ci aiuta a leggere con una luce del tutto particolare il mistero dell’incontro dell’uomo con Dio”.

Un incontro che non è all’insegna di strabilianti prodigi, ma piuttosto all’insegna della fede e della carità. Maria, infatti, è beata perché ha creduto: l’incontro con Dio è frutto della fede. Zaccaria invece, che ha dubitato e non ha creduto, è rimasto sordo e muto, perché? Per crescere nella fede durante il lungo silenzio.

Senza fede manca la forza di parlare a chi soffre

Il Pontefice sottolinea che, come Zaccaria, “senza fede si resta inevitabilmente sordi alla voce consolante di Dio”, incapaci “di pronunciare parole di consolazione e di speranza per i nostri fratelli”.

E noi lo vediamo tutti i giorni: la gente che non ha fede o che ha una fede molto piccola e che non ha forza, quando deve avvicinarsi a una persona che soffre, le dice parole di circostanza, ma non riesce ad arrivare al cuore perché non ha forza. Non ha forza perché non ha fede, e se non ha fede non vengono le parole che arrivano al cuore altrui.

Una fede che si alimenta nella carità

La fede, continua Papa Francesco, “si alimenta nella carità. L’evangelista racconta che ‘Maria si alzò e andò in fretta’” in fretta ma non in ansia, chiosa il Papa, in “un gesto pieno di premura”.

Avrebbe potuto rimanere a casa per preparare la nascita di suo figlio, invece si preoccupa prima degli altri che di sé stessa, dimostrando nei fatti di essere già discepola di quel Signore che porta in grembo. L’evento della nascita di Gesù è cominciato così, con un semplice gesto di carità; del resto, la carità autentica è sempre frutto dell’amore di Dio.

Al centro non il nostro “io” ma i fratelli nel bisogno

Il Vangelo di questa domenica, conclude Francesco, “ci prepara a vivere bene il Natale, comunicandoci il dinamismo della fede e della carità”. Un dinamismo che “è opera dello Spirito Santo: lo Spirito d’Amore che fecondò il grembo verginale di Maria e che la spinse ad accorrere al servizio dell’anziana parente. Un dinamismo pieno di gioia, come si vede nell’incontro tra le due madri”, che, commenta ancora il Pontefice, “è tutto un inno di gioiosa esultanza nel Signore, che compie grandi cose con i piccoli che si fidano di Lui”.

La Vergine Maria ci ottenga la grazia di vivere un Natale estroverso, ma non disperso: estroverso, al centro non ci sia il nostro “io”, ma il Tu di Gesù e il tu dei fratelli, specialmente di quelli che hanno bisogno di una mano. Allora lasceremo spazio all’Amore che, anche oggi, vuole farsi carne e venire ad abitare in mezzo a noi.

QUI L’ORIGINALE

Tags:
angelusmaria verginepapa francesco
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
2
nun
Larry Peterson
Gesù ha donato a questa suora una preghiera di 8 parole per esser...
3
Gelsomino Del Guercio
San Giuseppe sparisce dai Vangeli. Don Fabio Rosini ci svela il &...
4
Lucía Chamat
La curiosa fotografia di “Gesù” che sta commuovendo la Colombia
5
MATKA TERESA Z KALKUTY
Cerith Gardiner
In caso di necessità, l’efficacissima preghiera da 5 secondi di m...
6
MOTHER AND LITTLE DAUGHTER,
Silvia Lucchetti
Lui si suicida dopo aver ucciso le figlie: Giulia torna a vivere ...
7
DON DAVIDE BAZZATO
Gelsomino Del Guercio
Don Davide Banzato: ho desiderato un figlio, ma ho scelto la cast...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni