Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
venerdì 23 Aprile |
San Giorgio
home iconFor Her
line break icon

Cosa cucini per il cenone della Vigilia? e con quale spirito?

COOKING CHRISTMAS

Evgeny Atamanenko I Shutterstock

MIENMIUAIF - MIA MOGLIE ED IO - pubblicato il 24/12/18

Oggi è la Vigilia di Natale! Brrr! A noi donne in particolare vengono i brividi per l’emozione e per le tante cose da fare, soprattutto quando c’è da preparare una super cena coi fiocchi!

“Casalinga Dreamin’” di Romana Cordova

Oggi è la Vigilia di Natale! Brrr! Sì, a una donna in particolare vengono i brividi per l’emozione e per le tante cose da fare, soprattutto quando c’è da preparare una super cena coi fiocchi per un congruo numero di persone, come succede a molti. Già, la cena, detta anche cenone perché deve essere ricca e festosa, ma al tempo stesso più sobria rispetto al pranzo del giorno dopo. Ovviamente chi di voi ha il compito di cucinare ha già tutto pronto, menù dettagliatamente ponderato e strutturato, spesa già fatta, anche se la corsa al supermercato magari al limite dell’orario di chiusura per l’ingrediente mancante è un’ulteriore emozione da non farsi mancare, e non serve impegno, càpita quasi sempre. E contribuisce a quell’atmosfera frizzante che rende tutto più allegro. A me mette allegria.




Leggi anche:
Cosa – e soprattutto come – cucinare a Natale?

Pixabay

Gli ultimi giorni prima delle feste sono i più belli. Sarà che pregustare la festa è più affascinante che viverla, sarà che occuparsi di predisporre, allestire, preparare è per molti, tra cui me, l’aspetto più gratificante. E tuffandoci nella frenesia di questi momenti parliamo un po’ di cibo. C’è un piatto che considero un must della Vigilia di Natale (come tradizione in molte regioni d’Italia, dev’essere a base di pesce), un contorno stuzzicante: le cozze gratinate al forno. Mi veniva in mente una cosa un po’ fantasiosa, che può far sorridere o farmi considerare quantomeno un po’ strampalata, non è tra le più belle analogie, ma pensavo che come la cozza sta attaccata allo scoglio, così dovremmo essere noi con Gesù, con Dio che si fa bambino. Attaccarci a Lui come una cozza, stare appiccicati perché senza di Lui non possiamo vivere. Che il nostro desiderio più grande sia quello di stare col nostro Signore, di non staccarci da Lui. Questo è l’augurio che faccio a me e a ognuno che leggerà questo post.


SANTA BICYCLE

Leggi anche:
La pedalata dei Babbi Natale che portano regali e offerte ai bambini malati oncologici (VIDEO)

La ricetta, semplicissima, è questa:

Ingredienti:

1 kg di cozze

3 spicchi d’aglio

3 cucchiai di prezzemolo

80 gr. di pangrattato raffermo

50 gr di parmigiano grattugiato

Mezzo bicchiere di vino bianco

Pepe nero q.b.

Olio evo

Per prima cosa bisogna pulire le cozze. È il procedimento che richiede più tempo e pazienza. Dopo averle lavate sotto l’acqua fredda bisogna eliminare il filamento interno di ogni singola cozza, chiamato bisso, con un coltellino. Dopo questa operazione si mettono le cozze in un tegame ampio, insieme con uno spicchio di aglio, un po’ del prezzemolo, il vino e, a fuoco vivace, si aspetta che le cozze si aprano. Quando le cozze saranno tutte aperte si devono scolare filtrando il liquido di cottura con un colino. A parte si prepara il composto di pangrattato, gli altri spicchi d’aglio tritati, il parmigiano, il restante prezzemolo, l’olio e il pepe nero e vi si aggiunge il liquido di cottura per amalgamare il tutto e renderlo compatto, ma né troppo molle né troppo duro. Poi, si stacca da ogni cozza il guscio dove non c’è la cozza e sopra quello con la cozza si mette il composto. Dopo aver messo le cozze in teglia su carta da forno basta irrorare con un filo d’olio e infornare a 200° per 15 min.

Fanno anche un profumo… Buon Natale!

QUI IL LINK ALL’ARTICOLO ORIGINALE

Tags:
cibovigilia di natale
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
2
Gelsomino Del Guercio
Il Papa sui cristiani “malati” di protagonismo: non d...
3
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
4
SERGIO DE SIMONE
Gelsomino Del Guercio
L’agonia di Sergio, il bambino napoletano che fu sottoposto...
5
nun
Larry Peterson
Gesù ha donato a questa suora una preghiera di 8 parole per esser...
6
PRIEST,ROMAN,COLLAR
Ary Waldir Ramos Díaz
Aveva un contratto con la Roma, ma ha preferito firmare con Dio
7
Gelsomino Del Guercio
7 santuari uniti da una linea retta. La misteriosa fede per San M...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni