Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
mercoledì 16 Giugno |
Beato Clemente Vismara
home iconStorie
line break icon

Così riprendo lentamente a vivere dopo la morte di mia figlia 13enne

lauren rushing-cc

Lydia Kirkland - pubblicato il 23/12/18

È il dolore più grande che una persona possa affrontare, ma ci sono sempre modi per amare di nuovo

Ho perso mia figlia Brianna il 24 febbraio 2013. Stava male e l’ho portata in ospedale il giorno prima. Il medico mi ha detto che aveva un virus e di portarla a casa e idratarla, e che sarebbe guarita. La diagnosi era sbagliata, e la mattina dopo ho trovato Brianna morta in camera sua. Si è scoperto che in realtà aveva il diabete di tipo 1. Brianna aveva 13 anni.

Dire che mi ha devastato è riduttivo. Ero in agonia. Ero arrabbiata con Dio per aver permesso una cosa del genere; ero arrabbiata con il mondo perché continuava ad andare avanti; ero arrabbiata con amici e familiari perché non riuscivano a capire, e con me stessa per non essere stata in grado di salvare la mia bambina. Chiunque sa che perdere un figlio è il dolore più grande che si possa affrontare. E vedere tuo figlio sopravvissuto piangere la propria sorella defunta ti fa sentire ancor più impotente.

Dopo la morte di Brianna ho trovato una poesia che aveva scritto e in cui parlava del fatto di riempire i secchi (la vita) degli altri. Scriveva che nessuno dovrebbe avere un secchio vuoto, perché abbiamo tutti qualcosa da donare. Un anno dopo aver trovato quella poesia e dopo averla riletta fino allo sfinimento ho deciso di avviare un’opera caritativa a suo nome chiamata Filling Buckets for Brianna (Riempire Secchi per Brianna). L’organizzazione aiuta i genitori che hanno perso un figlio a sostenere le spese del funerale e della lapide. Ho deciso di continuare a riempire i secchi degli altri partendo da dove Brianna aveva interrotto.

Ci sono state molte cose di cui ho cercato di discutere con Dio, anche dopo aver avviato l’opera caritativa, ma a un certo punto è cambiato qualcosa. Non posso dirvi cosa abbia provocato il cambiamento o quando si sia verificato esattamente, ricordo soltanto di non essere più stata tanto arrabbiata. Ho iniziato a smettere di biasimare tutto e tutti – Dio, il medico, il mondo e me stessa. Non la chiamerei accettazione – non sono sicura di come si possa chiamare –, ma penso che ormai sto camminando con il dolore anziché rifuggirlo.

Sono molte le cose che sto ancora imparando sul dolore. Credo che sia un processo di apprendimento permanente. Una cosa importante che ho imparato è il fatto di avere speranza grazie a Dio, che ci dà un potere spesso non sfruttato che ci offre la capacità di andare avanti. Nel dolore si possono trovare il potere dell’amore e una nuova prospettiva, se solo li si cerca. Si impara ad essere grati per il tempo che si ha. Si capisce che tutte le cose materiali del mondo non significano niente. Si capisce che si è ancora lì, che si è più potenti di quanto si creda e che gli altri hanno bisogno di noi. Se ci doniamo possiamo guarire gli altri, e anche noi stessi.

Noi che abbiamo perso dei figli capiamo davvero l’amore che non muore, e che grande prospettiva riuscire a coglierlo in questo mondo! Sappiamo che le cose migliori della vita sono gratis – amore, gioia, pace, famiglia e amici –, e che la vita offre l’opportunità di essere una luce per qualcun altro.

Come i nostri figli hanno lasciato un segno in noi, noi possiamo lasciare il nostro sugli altri.

Coraggio, siate pazienti con voi stessi e riuscirete a riprendervi.

Tags:
Storia Look Up
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
Landen Hoffman
Sarah Robsdotter
“Gli angeli mi hanno preso e Gesù mi vuole bene”: un bimbo di 5 a...
2
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
3
nun
Larry Peterson
Gesù ha donato a questa suora una preghiera di 8 parole per esser...
4
Lucía Chamat
La curiosa fotografia di “Gesù” che sta commuovendo la Colombia
5
MOTHER AND LITTLE DAUGHTER,
Silvia Lucchetti
Lui si suicida dopo aver ucciso le figlie: Giulia torna a vivere ...
6
Silvia Lucchetti
Matteo si è ucciso “in diretta” su un forum online. E...
7
Catholic Link
Non mi piaceva Santa Teresa di Lisieux finché non ho imparato que...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni