Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
mercoledì 03 Marzo |
Sant'Agnese di Boemia
home iconChiesa
line break icon

Nessun prete (o aspirante tale) farà passi indietro nel pericoloso Centrafrica

AFP PHOTO/ SIA KAMBOU

Mgr Dieudonné Nzapalainga, archevêque de Bangui (RCA)

Gelsomino Del Guercio - pubblicato il 19/12/18

Tra i carmelitani si va avanti nonostante il rischio quotidiano di subire omicidi o stragi. Tre testimonianze di sacerdoti coraggiosi

Nonostante la violenza sfrenata e il rischio di subire omicidi che li perseguita ogni giorno, nello stato del Centrafrica nessun sacerdote, né seminarista carmelitano farà passi indietro. Le loro sono vocazioni sono talmente forti da sconfiggere anche il pericolo della morte.

Il carmelitano Padre Federico Trinchera racconta su Tempi.it (18 dicembre) cosa sta accadendo tra i suoi fratelli a Bangui, capitale della Repubblica Centrafricana, e i suoi dintorni.

L’ultima strage

Solo il 15 novembre ad Alindao, una cittadina a 500 km da Bangui, si è consumato l’ultimo eccidio di cristiani ad opera di islamici. In quell’occasione sono morti due sacerdoti (abbé Célestin e abbé Blaise) e numerosi fedeli. In totale nel 2018 sono cinque i preti morti in Centrafrica e decine i cristiani uccisi durante le celebrazioni o nei pressi delle loro chiese.

Eppure si è generata una sorta di resistenza, di fronte a questi massacri, da parte di sacerdoti e seminaristi che oggi affollano lo stato africano. Padre Trinchera racconta tre storie di cui è stato testimone durante una conferenza a Bangui, che si è tenuta nei giorni scorsi.

MASS BANGUI
Nabil BOUTROS I CIRIC
Paroisse Saint-Paul-des-Rapides, première église historique de Bangui, en République centrafricaine, le 12 octobre 2008.

1) Il coraggio di Donald

Abbé Donald, appena arrivato da Alindao. originario di Bangui, sacerdote da poco più di un mese, aveva trascorso al Carmelo i giorni di preparazione all’ordinazione.

Da qualche settimana Donald era stato inviato in aiuto alla diocesi di Alindao. E’ ancora sotto shock per quanto avvenuto ad Alindao, Donald che non ha ancora avuto il tempo d’imparare a fare il prete, ma ne ha già visti due morire, davanti ai suoi occhi, uccisi per il vestito che indossavano e il mestiere che esercitavano.

Abbè Donald rientrerà ad Alindao per proseguire la sua esperienza sacerdotale ed evangelizzare quella diocesi a forte rischio persecuzione.




Leggi anche:
Papa Francesco: “Lo sai che ho una predilezione per il Centrafrica?”

2) La risposta di Odilon

Nel Seminario di Bangui sono tutti compatti: vogliono fare lo stesso mestiere di abbè Célestin e abbè Blaise! Dopo la conferenza con Padre Trinchera ripartono per le diocesi da cui sono venuti. Ma prima gli viene chiesto se hanno ancora voglia di continuare il cammino intrapreso e se sono consapevoli della missione ad alto rischio che li attende.

Odilon, dall’alto dei suoi vent’anni, risponde per tutti: «Ho paura, mon père. Ho tanta paura. Ma non cambio idea. Voglio ancora diventare prete». La sua sincerità e il suo coraggio disarmerebbero anche i più avidi estremisti.




Leggi anche:
Centrafrica, i “gemelli di Dio” uniti per la pace

3) La professione di fra Michael

Qualche settimana fa c’è stata la professione solenne, cioè l’impegno definitivo nella famiglia del Carmelo, di fra Michaël. Il padre, ormai anziano e completamente cieco, non ha voluto mancare all’avvenimento. Ottavo di ben dodici figli, originario di Bocaranga, una delle città più colpite dal conflitto, fra Michaël ha raggiunto questo importante traguardo dopo molti anni di formazione.

Il suo ingresso definitivo nell’Ordine segna inoltre un importante traguardo non solo per lui, ma per l’intera delegazione dei carmelitani scalzi in Centrafrica: gli autoctoni superano numericamente i missionari inviati dall’Italia.




Leggi anche:
Centrafrica, l’imam lancia un appello: «In nome di Dio e di tutto il Paese, deponete le armi»

Tags:
persecuzione cristiani
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
Sanctuary of Merciful Love
Bret Thoman, OFS
Le acque guaritrici profetizzate da una suora del XX secolo
2
FUMETTI MATRIMONIO DIO
Catholic Link
5 immagini su cosa accade in un matrimonio che ha Dio al centro
3
Philip Kosloski
Perché i cattolici non mangiano carne i venerdì di Quaresima?
4
POPE AUDIENCE
Gelsomino Del Guercio
Il Papa: il diluvio è il risultato dell’ira di Dio, può arrivarne...
5
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
6
POPE FRANCIS AUDIENCE
Ary Waldir Ramos Díaz
Perché dobbiamo fare il segno della croce nei momenti di pericolo...
7
Communion
Claudio De Castro
Comunione: si ha tra le mani il Figlio di Dio, e serve rispetto
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni