Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
domenica 26 Settembre |
Santi Cosma e Damiano
home iconFor Her
line break icon

A 88 anni Genevieve incontra per la prima volta la figlia. La credeva morta alla nascita

CÓRKA ODNALAZŁA MATKĘ PO LATACH

YouTube

Annalisa Teggi - pubblicato il 19/12/18

Aveva partorito a 18 anni nel 1949 e le avevano detto che la bambina era morta. Invece era viva e l'ha cercata per tantissimi anni: si sono ritrovate, anziane e felici entrambe.

Sempre più spesso manca il lieto fine in ogni storia che ci viene raccontata sugli schermi o nei libri. L’uomo contemporaneo sembra aver perso la speranza che il destino sia un viaggio a fin di bene per l’anima, anche quando lungo il percorso ci si imbatte in molti ostacoli e drammi. Lieto fine non significa per forza un epilogo zuccheroso, ma l’ipotesi che i fili annodati e contorti della nostra vita non siano un puzzle ma un arazzo … una trama unitaria, sensata e preziosa nel suo complesso.


NEWBORN GIRL

Leggi anche:
Madre e figlia si ritrovano dopo 45 anni: “Mi dissero che era morta”

La storia di Genevieve Purinton e Connie Moultroup ha qualche ombra, come quelle di tutti noi che per fortuna non siamo solo luce impeccabile, ma parla di una Provvidenza visibile che si manifesta al tramonto della vita: Genevieve partorì la sua unica figlia nel 1949 e le dissero che era morta subito; non la vide mai, invece era viva e fu data in adozione. Connie, la figlia, ha cercato la madre naturale per tantissimi anni, si sono ritrovate questo Dicembre; 88 anni una, 69 l’altra.

Com’è «diventare» madre a 88 anni? Sì, Genevieve lo è sempre stata madre, da quando partorì; ma che cosa avrà sentito, abbracciando per la prima volta sua figlia in carne e ossa in un tempo così avanzato della vita, quando forse il pensiero fisso prevalente è quello della morte? Forse è qualcosa di simile a ciò che provò Sara, la moglie di Abramo, dando alla luce un figlio da vecchia. Aveva riso del dono che Dio le avrebbe fatto … e invece.

GENEVIEVE, PURINTON
Youtube

Nella storia di Genevieve e Connie tutti si sperticano a lodare il DNA che ha permesso di riunire le due donne, ma come non vederci lo zampino di quella Provvidenza che scompagina le stagioni della vita e sa far sbocciare fiori nel deserto o illuminare la vita quando già è al tramonto?

Separate

Questa storia comincia molto tempo fa, quasi un’era geologica fa, visti i mutamenti sociali e culturali avvenuti. Nel 1949 Genevieve Purinton ha 18 anni ed è incinta senza essere sposata, di un uomo che ha già un’altra famiglia. Dà alla luce la sua bambina in un ospedale dell’Indiana e ha già in mente il nome da darle: Margaret Ann, come una delle sue insegnanti preferite, malata di polio ma forte e lieta. Alla nascita non le viene mai mostrata la figlia, il personale medico la informa che è morta. Lei, giovanissima, non chiede e altro non sa. Qualche domanda sorge: la sua famiglia non l’ha seguita in ospedale e non si è fatta portavoce di qualche chiarimento? La ragazza ha partorito di nascosto e forse voleva dare in adozione la bambina comunque? Non sappiamo. Sappiamo che era il 1949 e sappiamo che lei era una ragazza non sposata, un’era geologica fa rispetto alla nostra sensibilità su questi temi oggi.


BAMBINI, PANCHINA, ATTESA

Leggi anche:
Ci sono bambini che nessuno vuole, ma la casa di Chiara è aperta a tutti

Chi si è occupato della storia, punta il dito su chi speculava su queste gravidanze giovanili fuori dal vincolo matrimoniale, sottraendo neonati e dandoli in adozione a scopo di lucro. Pare fosse una prassi non così isolata e fa rabbrividire.

Queste ombre non inficiano la sostanza, una madre e una figlia separate. Genevieve commenta quell’evento con parole chiare:

“Penso alla mia vita come a un prima e dopo quel fatto, una sorta di discrimine come Avanti Cristo e Dopo Cristo” dice la donna riguardo alla perdita della figlia. (da New York Times)

Dall’altra parte di questa ferita slabbrata c’è Connie, la bambina. Cresce con una famiglia adottiva in California che le racconta storie diverse e confuse a proposito della sua adozione. A soli 5 anni perde anche la madre adottiva a causa di un tumore; il padre si risposa e la nuova moglie si rivela una donna violenta verso Connie. Il desiderio di ritrovare la madre naturale esplode in modo divorante e sarà una ricerca lunghissima, costellata di piccoli tasselli che pian piano vanno formare un disegno unitario.

CONNIE MOULTROUP
Youtube

L’incontro

La ricerca delle cartelle cliniche, una firma trovata in un documento, poi le indagini sul DNA. Connie trova dapprima una cugina della madre naturale e da lei scopre che Genevieve è ancora viva.

Madre e figlia si sono incontrate lo scorso 3 dicembre in Florida nella casa di riposo dove l’anziana Genevieve risiede. Due donne ormai molto grandi, una di 88 anni e l’altra di 69; il loro abbraccio è stato un po’ un terremoto nella macchina del tempo. Viste una vicina all’altra sono davvero due gocce d’acqua.


WANG SHUBAO

Leggi anche:
Cina: si sveglia dopo 12 anni di coma, la mamma di 75 anni lo ha sempre vegliato

Dalle chiacchiere che si scambiano fin da subito emerge il legame viscerale, stesse passioni, somiglianze intime e una familiarità spontanea. La gioia dell’anziana Genevieve è moltiplica dal fatto che poco prima di sapere dell’esisitenza di Connie era morto l’ultimo dei suoi fratelli, l’incubo di essere rimasta sola sulla terra è stato scacciato dalla notizia di poter vedere, toccare, parlare con quella figlia che non era affatto morta.

La mamma non è un concetto antropologico

Un breve video girato da un telegiornale americano mostra l’incontro tra madre e figlia. Davvero è poco importante capire le parole, perché c’è un’immagine che resta incollata agli occhi. L’anziana madre guarda la figlia dicendo: “Allora non sei morta?”, la figlia ride forte e risponde “Direi proprio di no”, a quel punto è la più anziana delle due a rifugiarsi tra le braccia dell’altra come un neonato che non sa di sè altro che stare tra le mani di chi lo cura.




Leggi anche:
Il rapporto con la madre nelle parole di tre Pontefici

È vero che gli anziani tornano come bambini, bisognosi di un affetto totale e di un accumdimento premuroso. È vero che questa mamma anziana si abbandona alla presa della figlia come una bimba indifesa.

  • 1
  • 2
Tags:
adozionefiglimadri
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
2
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
3
SLEEPING
Cecilia Pigg
7 modi in cui i santi possono aiutarvi a dormire meglio di notte
4
Gelsomino Del Guercio
Scandalo droga e festini gay con il prete: mea culpa del vescovo ...
5
SHEPHERDS
José Miguel Carrera
Il dolore dei genitori per i figli che non vogliono più sapere ni...
6
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
7
POPE AUDIENCE
Gelsomino Del Guercio
Il Papa contro la Chiesa “parallela” in cui si bestemmia l’azione...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni