Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
martedì 26 Gennaio |
Conversione di Paolo
home iconSpiritualità
line break icon

Come dare ai nostri piccoli atti quotidiani un valore di eternità?

PISANIE TRADYCYJNYCH LISTÓW

Pexels | CC0

Alain Noël - pubblicato il 18/12/18

Un giorno, mentre ero in preghiera – tempo propizio per conversare con Dio, dal quale ci si sa amati – interrogavo il Signore perché mi mostrasse a che cosa assomigliano gli atti che poniamo nel corso della nostra giornata.

Tutta la nostra vita consiste nel porre degli atti, è il segno stesso del nostro essere vivi. Porli, tuttavia, è anche im-postarli: il Signore mi ha mostrato che ogni atto è simile a una lettera che si scrive. Una volta che essa è redatta, la pieghiamo e la mettiamo in una busta. A nessuno tuttavia verrebbe in mente di imbucarli senza scrivere l’indirizzo sulla busta. Il plico è talvolta così importante che dall’altra parte scriviamo il nostro proprio nome, quello del mittente, per essere sicuri che in caso di problemi torni a noi.


POPE FRANCIS GENERAL AUDIENCE

Leggi anche:
Papa Francesco: Angeli custodi, la nostra porta quotidiana alla trascendenza

Se i nostri atti sono come delle lettere, essi debbono avere dunque un destinatario e una destinazione. Spesso ci sbagliamo credendo che l’atto stesso sia sufficiente a determinare la sua destinazione. Niente affatto: lo determina unicamente il destinatario. La destinazione, l’indirizzo, è l’intenzione con la quale agiamo, il motivo per il quale noi agiamo. Gesù sottolinea molto spesso questo aspetto, ma noi lo trascuriamo. Eppure è una promessa divina che ci fa a più riprese:

Chiunque avrà lasciato case, o fratelli, o sorelle, o padre, o madre, o figli, o campi per il mio nome, riceverà cento volte tanto e avrà in eredità la vita eterna.

Mt 19, 29

E chi accoglie anche uno solo di questi bambini in nome mio, accoglie me.

Mt 18, 5

Anche san Paolo lo sottolinea, nel suo celebre inno alla carità:

Se anche dessi tutti i miei averi agli affamati e dessi il mio corpo in olocausto, ma se mi mancasse l’amore, a nulla servirebbe.

1Cor 13, 3

Di fatto si può dare per farsi ammirare, per fare bella figura agli occhi degli uomini. Come sottolinea Gesù quando rimprovera quelli che pregano, che digiunano e che fanno l’elemosina per farsi belli: «Hanno già la loro ricompensa» (Mt 6, passim). Se vogliamo portare frutto per la vita eterna e accumulare un tesoro in Cielo, bisogna che i nostri atti siano non solo efficaci, ma fecondi, vale a dire che escano dal circuito del caduco per entrare nella dimensione di eternità.

Come fare perché i nostri atti siano fecondi?

È molto semplice. La piccola Teresa di Lisieux ne è la spiegazione vivente. Che ha fatto di “straordinario” nella sua vita? L’ha trascorsa inavvertita agli occhi del mondo, mentre era di passaggio sulla terra. Per contro, non passa inavvertita dall’alto del Cielo, secondo la sua parola: «Passerò il mio Cielo a fare del bene sulla terra». Qual è il suo segreto? Tutti i suoi atti erano avviluppati nell’amore di Dio e indirizzati al Cielo per la gloria di Dio. Così la giovane francese si è accumulato un tesoro in Cielo – tesoro che il Signore le permette di distribuire ora sulla terra.


MARK WALHBERG

Leggi anche:
Mark Wahlberg rivela la sua sorprendente routine quotidiana di preghiera

Anche Gesù ci invita ad accumulare un tesoro in cielo (Mt 6, 20). E noi crediamo che questo si faccia compiendo cose straordinarie: questo è un errore che commettiamo. Sono tutti i nostri piccoli atti quotidiani, momenti preziosi, che possono diventare perle inestimabili. Per questo san Paolo ci offre la ricetta:

E tutto quello che dite o che fate, tutto si compia nel nome del Signore Gesù, tanto per mezzo di lui lode e grazie a Dio Padre.

Col 3, 17

Lavorare per la gloria di Dio

Laurent de la Résurrection, un frate converso dei carmelitani scalzi del XVII secolo, sottolinea che il cammino della santità consiste in questo: «Fare per Dio ciò che prima facevamo per noi stessi». Va bene, devo andare al lavoro. Bisogna che non faccia tardi. E se ci andassi non più per guadagnarmi la pagnotta – chi cerca di salvare la propria vita la perderà, ci dice Gesù – ma per la gloria di Dio e per la salvezza del mondo? Morale: comunque alla fine del mese mi toccherà uno stipendio terreno, ma dovrò accumulare anche interessi in Cielo, lì dove né la ruggine né i vermi (né il fisco) vengono a divorarli.


FARMERS MARKET

Leggi anche:
Il “protocollo della santità” secondo Papa Francesco

PS: E soprattutto, non dimenticate di mettere il francobollo! Il costo dipende dal peso dell’atto che si spedisce. Il timbro è la fede.

[traduzione dal francese a cura di Giovanni Marcotullio]

Tags:
quotidianospiritualitàvita quotidiana
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
CATERINA SCORSONE
Cerith Gardiner
19 personaggi famosi orgogliosi dei propri figli con necessità sp...
2
SINDONE 3D
Lucandrea Massaro
L'Uomo della Sindone ricostruito in 3D. I Vangeli raccontano la v...
3
BABY
Mathilde De Robien
Nomi maschili che portano impresso il sigillo di Dio
4
Perdonare
Bret Thoman, OFS
I 4 passi del perdono secondo un esorcista
5
Silvia Lucchetti
A 18 anni, sola in ospedale: il pianto di un neonato mi ha ridato...
6
Tzachi Lang, Israel Antiquities Authority
John Burger
Un'iscrizione che riporta “Cristo nato da Maria” ritrovata in un'...
7
WOMAN,OUTSIDE,BORED
Gelsomino Del Guercio
Soffri di accidia? Scoprilo e segui i rimedi di un monaco del IV ...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni