quali Presepi da tutto il mondo narrano la più grande storia mai raccontata
Ricevi Aleteia tutti i giorni

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Presepi da tutto il mondo narrano la più grande storia mai raccontata

Condividi

Questi presepi artigianali presentano la nascita di Gesù vista attraverso lenti culturali diverse

Clicca qui per aprire la galleria fotografica

La storia del presepe risale a San Francesco d’Assisi, che alla vigilia del Natale del 1223 allestì a Greccio una scena con animali vivi e abitanti del paese che rappresentavano il Bambino Gesù, la Madonna, San Giuseppe, i Magi, i pastori e gli angeli.

La notizia di quel presepe vivente si diffuse e acquistò popolarità, ispirando gli artigiani a creare dei presepi che potessero essere mostrati in chiese o case private. Nella Napoli del Settecento vennero realizzate alcune delle scene più elaborate, con figure e accessori in miniatura, che le famiglie facoltose mettevano in mostra nelle settimane che precedevano il Natale.

La tradizione del presepe continua ancora oggi. Da quelli più elaborati italiani e spagnoli, con edifici architettonicamente molto dettagliati e vera acqua che scorre, a quelli vecchio stile fatti di argilla dei nativi americani, ciascuno di essi racconta la stessa storia della nascita di Gesù in una mangiatoia, “la più grande storia mai raccontata”.

Con le parole di Benedetto XVI, “nascendo nella povertà del presepe, Gesù viene ad offrire a tutti quella gioia e quella pace che sole possono colmare l’attesa dell’animo umano”.

Nei suoi libri Nativities of the World e il volume collegato Nativities of the Southwest, la collezionista Susan Topp Weber presenta splendide fotografie a colori di alcuni dei presepi più belli delle collezioni private.

Secondo la Weber, i collezionisti statunitensi di presepi ne cercano una grande varietà, a differenza di quelli europei che lavorano per estendere quelli che già possiedono. Nei suoi libri figurano presepi di Europa, Australia, Messico, America Centrale e Meridionale, Medio Oriente, Africa, Asia e Stati Uniti, e la maggior parte delle immagini non è mai stata pubblicata prima.

Tags:
presepe
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni