Ricevi Aleteia tutti i giorni
Comincia la tua giornata nel modo migliore: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Due angeli hanno orientato la vocazione di Maria Diomira del Verbo Incarnato

ANGEL
Condividi

I messaggeri di Dio sono apparsi alla venerabile Maria Teresa Sarri, che dopo quella visione seguirà le loro indicazioni e diventerà una suora cappuccina

Nella vita della venerabile Maria Diomira del Verbo Incarnato (1708-1768) nacque presto la vocazione per la consacrazione religiosa.

Ma in quale ordine e in quale monastero entrare? «Il Signore si degnò di ricompensare la mia fermezza durante la tempesta, il che accadde nella seguente maniera: un giorno mi recai da sola nella chiesa delle suore (lei allora viveva dalle benedettine a Pisa ndr) per pregare Gesù nel santo sacramento dell’altare. Mentre stavo prendendo l’acqua benedetta, vidi sopra la mia testa e tutto intorno a me, uno splendore luminoso».

«Sorpresa e spaventata – prosegue il racconta della religiosa – non sapevo cosa pensare, quando mi accorsi di due fiammeggianti angeli di straordinaria bellezza. Uno di loro prese la mia mano destra e l’altro mi mise un anello e disse: “Gesù ti ha scelto come sposa, con questo pegno ti manifesta la sua volontà di farti suora, fra poco conoscerai il luogo dove devi entrare come cappuccina”. Il viso scomparve. È facile immaginarsi, come ero felice, ringraziai con tutto il cuore il mio sposo e desiderai il momento in cui mi venisse rivelato il luogo che Egli aveva scelto per me» .

«Un giorno – ricorda la venerabile Maria Diomira – tornai a casa dopo aver fatto alcuni servizi che ora non ricordo più. Quando passai davanti ad una fonte, incontrai alcuni giovanotti di aspetto incomparabile. Erano angeli. Uno di loro cominciò a parlarmi e disse: “A Fanano sarai vestita da suora cappuccina. È quello il posto, che Dio ha scelto per te”. Fui sorpresa da queste parole, perché in tutta la mia vita non avevo mai sentito nominare il paese Fanano. “Dov’è Fanano?” mi chiesi, proseguendo, e cominciai a riflettere».

«Ero colma di allegria – conclude – all’incontrare subito dopo il mio confessore, gli raccontai cosa mi era successo e gli chiesi se sapeva qualcosa di Fanano. Mi disse che conosceva benissimo Fanano e in più conosceva anche due suore cappuccine di quel paese, che ogni anno, durante la colletta, andavano ad abitare da lui».

Fanano è un piccolo comune dell’appennino, in provincia di Modena. Maria Diomira del Verbo Incarnato diventerà la badessa del convento del paese.

 

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni