Ricevi Aleteia tutti i giorni

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Vuoi sapere se stai progredendo spiritualmente? Leggi qui

PRAYING
Shutterstock
«Il tempo consacrato alla gloria di Dio e alla salute dell'anima non è mai perso».

San Pio da Pietrelcina (1887-1968)
Condividi

In questa lezione del corso “Insegnaci a pregare”, padre Paulo Ricardo spiega come sapere se stiamo progredendo nella vita spirituale. In primo luogo bisogna capire cos’è il progresso spirituale. Ci si può infatti ingannare pensando di progredire a livello spirituale perché si sperimentano delle consolazioni, o a volte si può pensare di retrocedere nella vita spirituale perché si vive un periodo di aridità.

In un secondo momento, si deve vedere cos’è l’amore e come riconoscere se si ama davvero. Se non sappiamo cos’è l’amore, infatti, non sapremo se stiamo progredendo o meno nella vita spirituale. Si deve poi vedere come riconoscere il proprio progresso spirituale in periodi di aridità e di sofferenza. In questo modo, si saprà come comportarsi davanti alle consolazioni e anche di fronte alla desolazione.

La consolazione è progresso spirituale?

Noi esseri umani siamo un misto, un animale che convive con un angelo – siamo corpo e anima. E spesso la nostra vita di preghiera non progredisce perché rimaniamo attaccati alla parte fisica, animale, della nostra vita interiore. Il fatto che una cosa sia dentro di noi non significa che debba essere necessariamente spirituale.

Esistono cose, caratteristiche, che hanno anche gli animali. Ad esempio, quando immaginiamo la scena di Gesù nell’Orto degli Ulivi mentre soffre. È un’immagine importante come metodo di preghiera, ma dobbiamo sapere che anche gli animali hanno l’immaginazione.

Quando proviamo un piacere, quando qualcosa di sensibile tocca la nostra sensibilità e riceviamo davvero una ricompensa è positivo. Non stiamo demonizzando la consolazione, ma dobbiamo sapere che se proviamo qualcosa è più legato al corpo che all’anima. Dio vuole che usciamo da quegli spazi infantili, che passiamo al piano superiore, a realtà superiori, più spirituali. E la porta d’ingresso per la crescita spirituale, di cui nessun animale è capace, è l’amore. Ma capiamo bene cosa sia l’amore.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni