Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

“C’è così tanto Dio, qui! Me ne potrebbe lasciare un pochino?”

MARIA, GESU', STATUA
Shutterstock
Condividi

A un parrocco sfugge Dio proprio la notte di Natale! Ritrovarlo sarà riscoprire che il vero tesoro prezioso si possiede solo quando si dona. Così il non credente Buzzati racconta il mistero di un Dio che si fa Bambino.

“Dio che non esisti, ti prego” è l’incipit di una preghiera scritta da Dino Buzzati nel 1957 ed è anche il titolo di un bellissimo saggio di Lucia Bellaspiga, in cui si esplora il rapporto dello scrittore bellunese con il divino ed è lei a specificare che di quest’uomo non si può dire che sia stato ateo, bensì non credente. Rifiutò l’estrema unzione sul letto di morte, ma ogni suo frammento di sguardo, parola, giudizio parla di un rapporto intenso con Dio, una strada tortuosa verso un incontro che – anche se non ci fu nelle forme canoniche – fu desiderato con una forza e lucidità da cui noi praticanti dobbiamo attingere senza parsimonia.

E così in questo periodo d’Avvento sono anche io ritornata alle sue parole, mentre attorno tutti puntano il dito verso quei tanti luoghi pubblici dove – ahimé! – è bandito il Natale nella sua accezione cristiana, Buzzati rivolta la questione come si fa con un calzino. Sembra volerci chiedere, uno per uno: e tu che ne fai della Buona Notizia di Betlemme? La custodisci chiusa a chiave in casa tua o la doni a chi ti circonda?

La vera natura del Dio che si fa Uomo è il donarsi; se gli uomini tradiscono questo dato, Dio sparisce letteralmente.  È quello che Buzzati immagina nel suo Racconto di Natale e che dimostra una sua conoscenza approfondita e puntuale dei testi sacri. La premessa, o lo spunto, di questa storia fantastica pare proprio quel passo della Lettera ai Filippesi in cui San Paolo nota:

Abbiate in voi gli stessi sentimenti che furono in Cristo Gesù,
il quale, pur essendo di natura divina,
non considerò un tesoro geloso
la sua uguaglianza con Dio.

L’uomo è geloso, invece. Chiude le porte e sbarra le finestre, sigilla i suoi tesori e smette di meravigliarsi di quelli che stanno fuori. Da questo non credente che fu Buzzati sono disposta a farmi insegnare che il Dio in cui credo è proprio quel tesoro che più si condivide più aumenta.

Dio, pazientissimo, giorno e notte ci insegue, dove meno si pensa ci attende all’agguato, non ha bisogno di croce o di altari. (da Acqua chiusa)

BAMBINO, LANTERNA, NATALE
Shutterstock

Dove un uomo prega davvero c’è una luce pazzesca

Una cattedrale enorme, di notte, fa paura: è un luogo freddo e intricato come un labirinto.

Peccato per l’Arcivescovo, che è solo e deve stare proprio lì dentro la notte di Natale, quando tutti fanno festa al calduccio a casa propria, ridendo coi parenti e mangiando a sazietà. Peccato? Proprio no. Il Racconto di Natale di Buzzati comincia con un traboccare di luce, quella di chi sta in vera compagnia con Dio, pregando:

L’arcivescovo ha Dio, la sera di Natale. Inginocchiato solo soletto nel mezzo della cattedrale gelida e deserta a prima vista potrebbe quasi far pena, e invece se si sapesse! Solo soletto non è, non ha neanche freddo, né si sente abbandonato. Nella sera di Natale Dio dilaga nel tempio, per l’arcivescovo, le navate ne rigurgitano letteralmente, al punto che le porte stentano a chiudersi; e, pur mancando le stufe, fa così caldo che le vecchie bisce bianche si risvegliano nei sepolcri degli storici abati e salgono dagli sfiatatoi dei sotterranei sporgendo gentilmente la testa dalle balaustre dei confessionali. Così, quella sera il Duomo; traboccante di Dio.

CATTEDRALE, ALTARE, LUCE
Shutterstock

Il rapporto vivo dell’Arcivescovo con Dio genera un dilatarsi di luce incarnata che si fa accoglienza, infatti un poveretto che passa per strada si ferma per elemosinare un po’ di quel bello. Ma trova, come un cane da guardia, Don Valentino preoccupatissimo che l’Arcivescovo non sia disturbato e, soprattutto, che i preparativi per la Messa di Natale non vengano alterati. Il povero Don Valentino si caccia in un bel guaio, mandando via il questuante fa sparire la presenza di Dio nella Cattedrale:

“Che quantità di Dio! ” esclamò sorridendo costui guardandosi intorno – “Che bellezza! Lo si sente perfino di fuori. Monsignore, non me ne potrebbe lasciare un pochino? Pensi, è la sera di Natale.”

“E’ di sua eccellenza l’arcivescovo” rispose il prete. “Serve a lui, fra un paio d’ore”. […]

Ma come il disgraziato uscì dalla chiesa, nello stesso istante Dio disparve. Sgomento, don Valentino si guardava intorno, scrutando le volte tenebrose: Dio non c’era neppure lassù. Lo spettacoloso apparato di colonne, statue, baldacchini, altari, catafalchi, candelabri, panneggi, di solito così misterioso e potente, era diventato all’improvviso inospitale e sinistro.

Chi aveva davvero bussato alla porta? Forse Dio scappa via insieme al poveretto scacciato dalla chiesa, fa quello che Don Valentino non ha voluto fare.

Chi adoriamo in Chiesa, un idolo o una Presenza? Forse Dio smette di esistere tra gli uomini proprio quando è oggetto di venerazione e non motore di una compagnia.

Don Valentino deve rimediare all’intoppo: non può esserci una Messa di Natale senza Dio, dunque esce di chiesa e cerca di ritrovarlo. In fondo, compie su di sé il passo gigantesco dell’Incarnazione, quando Dio scelse di uscire dalla Luce perfetta e maestosa del Cielo per camminare da uomo tra gli uomini. Sarà una ricerca difficile quella del parroco, perché proprio dove trova una compagnia umana che festeggia Dio nessuno è disposto a condividerlo con lui. Bussa alla porta di casa di una famiglia e viene gentilmente rifiutato:

“Caro il mio don Valentino” fece il capofamiglia. “Lei dimentica, direi, che oggi è Natale. Proprio oggi i miei figli dovrebbero far a meno di Dio? Mi meraviglio, don Valentino.”

E nell’attimo stesso che l’uomo diceva così Iddio sgusciò fuori dalla stanza, i sorrisi giocondi si spensero e il cappone arrosto sembrò sabbia tra i denti.

LUCI, NATALE, NEVE
Shutterstock

 

Non solo il buio avanza, ma ogni cosa perde gusto se l’egoismo prevale. Quante volte abbiamo sentito o ripetuto: “E venne ad abitare in mezzo a noi”? Eppure spesso Dio non è il centro di una casa viva, ma di un’adorazione privata intermittente.

Come alla Sacra Famiglia fu rifiutato un alloggio, anche Don Valentino deve scarpinare al freddo e al buio per ritrovare il calore della grotta dove nacque Gesù.

Andò ancora più lontano, cercando. Dio pareva farsi sempre più raro e chi ne possedeva un poco non voleva cederlo (ma nell’atto stesso che lui rispondeva di no, Dio scompariva, allontanandosi progressivamente).

Non donare Dio equivale a perderlo anche per sé. A Natale è tutto un tripudio di regali, abbiamo forse perso la memoria del perché: l’Amore vero si è donato a noi, senza limiti. Maria e Giuseppe hanno fin da subito donato la presenza di quel Bambino ai pastori e ai Magi.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.