Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Le lettere toccanti di un giovane prima di essere fucilato

;LETTER
Shutterstock-Vlue
Condividi

“Vorrei scriverti una triste lettera d'addio, ma non ci riesco...”

Aveva 22 anni ed era ingegnere chimico. Mentre svolgeva il servizio militare nell’Esercito spagnolo scoppiò la guerra civile.

Il 20 luglio 1936 venne arrestato nel castello di Lérida perché era cattolico. Qualche settimana dopo fu giudicato da un tribunale popolare, che gli propose l’apostasia per salvarsi la vita.

“Se essere cattolico è un crimine, accetto con gioia di essere un delinquente, visto che la più grande felicità dell’uomo è dare la vita per Cristo, e se avessi mille vite le offrirei senza dubbio per Lui”, dichiarò.

Venne condannato a morte e fucilato a mezzanotte alle porte del cimitero di Lérida.

Prima di morire perdonò i suoi aguzzini. La notte stessa della sua morte, nella prigione del Comune in cui aspettava il momento dell’esecuzione scrisse tre lettere toccanti: una alla fidanzata, un’altra alla sua famiglia (le due sorelle e la zia) e la terza al suo direttore spirituale.

PD

Lettera alla fidanzata

Cara Mariona:

le nostre vite si sono unite e Dio ha voluto separarle. A Lui offro, con tutta l’intensità possibile, l’amore che ho per te, il mio amore intenso, puro e sincero.

Mi dispiace per la tua disgrazia, non per la mia. Puoi essere orgogliosa: due fratelli e il tuo fidanzato. Povera Mariona!

Mi capita una cosa strana. Non riesco a provare alcuna pena per la mia sorte. Una gioia interiore, intensa, forte, mi invade completamente.

Vorrei scriverti una triste lettera d’addio, ma non ci riesco. Sono totalmente avvolto da idee felici come un presentimento di gloria.

Vorrei parlarti di quanto ti avrei amato, delle tenerezze che ti avrei riservato, di quanto saremmo stati felici. Ma per me tutto questo è secondario.

Devo compiere un grande passo. Voglio dirti una cosa: sposati, se puoi. Dal Cielo benedirò la tua unione e i tuoi figli. Non voglio che tu pianga, non voglio. Spero che tu sia orgogliosa di me. Ti amo.

Non ho tempo per nient’altro.

Francisco A

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.