Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
martedì 19 Gennaio |
Santi Mario e Famiglia
home iconFor Her
line break icon

Lasciamo che lo sguardo dei nostri figli ci converta a Dio

Shutterstock

Fraternità San Carlo Borromeo - pubblicato il 13/12/18

Ci sono genitori che ritornano ai sacramenti non per qualche discorso erudito, ma per come vedono i propri figli tornare felici da catechismo.

di Paolo Desandrè

Un giorno, guardando un tiglio, mi sono sorpreso a contemplare una minuscola gemma il cui colore verde vivo si insinuava in mezzo alla corteccia scura. Ho pensato a Péguy quando parla della speranza, paragonandola a questo piccolo germoglio che vivifica la dura corteccia della fede. I bambini sono capaci di questo nel loro rapporto con me, hanno la capacità di vivificare la mia corteccia. Da loro ho imparato quello che è diventato il nostro motto: “Dio fa le cose più grandi attraverso i più piccoli”. Questo appare evidente quando vedi dei genitori che ritornano al Signore, ai sacramenti, che si mettono in discussione non per chissà quali discorsi ma per questi piccoli missionari che tornano a casa e raccontano, con le loro facce, con i loro sguardi, di qualcosa che hanno visto e vissuto.


BAMBINI, PANCHINA, ATTESA

Leggi anche:
Ci sono bambini che nessuno vuole, ma la casa di Chiara è aperta a tutti

Da quest’estate, ho attaccato nella mia camera un poster con il volto di Marcellino pane e vino. Marcellino è una Presenza – cioè, guardando quel volto non puoi non desiderare quello sguardo per te – perché è di fronte a una Presenza.

MARCELLINO PANE VINO
Public Domain

Vi voglio raccontare alcuni fatti e ciò che ne ho tratto.
Un papà, da tantissimo tempo, non era più tornato in chiesa e non si accostava ai sacramenti. Tra noi, grazie a suo figlio che viene in parrocchia, è nata una bella amicizia. Un giorno dice al ragazzo: “Oggi vado a confessarmi”. Il figlio vuole a tutti i costi accompagnarlo. Conservo nella memoria lo sguardo di quel bambino che, fuori dal confessionale, guarda il suo papà inginocchiato. Ho pensato che nessuna predica, nessun insegnamento gridava più forte di quel gesto, e che quel papà, senza saperlo, aveva testimoniato il Signore più di un grande santo.




Leggi anche:
I figli come arrivano, arrivano!

Un giorno vado a benedire una famiglia, suono alla porta e sento pianti e strilli. Entro e vedo un piccolo bambino che piange e fa i capricci. I genitori sono tutti concentrati su di lui per cercare di farlo smettere. Tutto è inutile. Mi ci metto anch’io: peggio di prima. Ad un certo punto, dico ai genitori: “Sentite, lasciamolo un attimo e diciamo la preghiera per la benedizione della vostra famiglia e della vostra casa”. Dovevo anche visitare altre famiglie. Appena abbiamo staccato lo sguardo dal bambino per portarlo al piccolo crocifisso appeso alla parete, lui ha immediatamente smesso di piangere e ha iniziato a guardare dove guardavamo noi. Un piccolo fatto in cui ho trovato il senso di tutto il principio educativo: ciò di cui ha bisogno quel bambino non è qualcuno che risponda ad ogni capriccio e che trovi la propria consistenza nel rapporto con lui, ma qualcuno che sappia a chi guardare, a chi appartenere, in chi consistere. Solo allora può smettere di piangere.

TANTRUM
Shutterstock

Domenica a messa ho chiesto ai bambini: “Come vi immaginate Dio?”. Uno lo immagina calvo, un altro con quattro braccia, una bambina lo vede un po’ come Zeus. Tutti sono d’accordo nel dire che Dio è pieno di bontà. Ad un certo punto, un bambino alza la mano e dice, senza che nessuno glielo abbia suggerito: “Per me Dio è come Gesù, e il suo carattere è come quello di Gesù”.


LITTLE BOY WITH DAD

Leggi anche:
Mettere al mondo dei figli è l’impresa più bella e necessaria che si possa fare

Ecco il cristianesimo! Dio nessuno lo ha mai visto, il Figlio dell’uomo è venuto a rivelarlo (cfr. Gv 1,18).
Da tre settimane un bambino continua a dire alla mamma di invitarmi a casa perché devo raccontargli la storia di come sono diventato prete. Dio fa cose grandi attraverso i piccoli!

QUI IL LINK ALL’ARTICOLO ORIGINALE

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
SINDONE 3D
Lucandrea Massaro
L'Uomo della Sindone ricostruito in 3D. I Vangeli raccontano la v...
2
LEANDRO LOREDO
Esteban Pittaro
Morire con un sorriso, seminando santità anche in ospedale
3
Gelsomino Del Guercio
Il viaggio nell’Aldilà di Gloria Polo: Gesù mi ha mostrato il “Li...
4
PIENIĄDZE ZA MSZĘ
Unione Cristiani Cattolici Razionali
Stipendio dei preti, quanto guadagnano? Quei ...
5
Papa Giovanni Paolo II
Philip Kosloski
La formula di San Giovanni Paolo II per sconfiggere il male nel m...
6
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
7
ST JOSEPH,THE WORKER CARPENTER, JESUS,CHILDHOOD OF CHRIST
Philip Kosloski
L'antica preghiera a San Giuseppe che non ha mai fallito
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni