Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

3 giorni con le suore di clausura: vite lontane dal mondo o al centro esatto dell’amore? (VIDEO)

SISTERS DANCING
Condividi

Clausura e libertà. Un tema toccato nell’ultima puntata del programma Nemo – Nessuno escluso (Rai2), tra i più visti su Youtube. La giornalista Selenia Orzella ha fatto un insolito "sopralluogo" e ha scoperto che queste donne sono felici e libere.

Fosse stato anche solo per sollecitare in qualcuno la domanda che fa da titolo a questo articolo, ne sarebbe valsa comunque la pena. Parliamo dell’ultimo servizio di Nemo-Nessuno escluso, programma televisivo su Rai2. L’ultima puntata, quella del 7 dicembre, è stata seguita da oltre 1 milione di persone: l’attrice e giornalista Selenia Orzella è entrata in un monastero di clausura .

Un servizio ben fatto, rispettoso. La giornalista è rimasta tre giorni con le monache, raccontando le attività della giornata e dialogando con alcune di loro, spesso di sessualità. Traspare felicità e letizia, una vita in semplicità, sacrificio, preghiera e lavoro ma, a sorpresa, anche gioco (pallavolo) e danza. Sorelle giovanissime assieme a donne anziane, in fraternità. Una fede incrollabile che le porta a svegliarsi alle 5 del mattino, a pregare costantemente e a domandarsi della loro esistenza, del senso della loro vocazione per il mondo. Rinuncia? Non la vivono, anzi sono piene di vita. L’esperienza della verginità è affrontata in modo semplice, magari incomprensibile per il resto del mondo, ma «questa è la strada, ne sono certa»afferma una monaca.

ECCO IL VIDEO DELLA GIORNALISTA: I MIEI TRE GIORNI DI VERA TRASGRESSIONE

Il grande merito, come si è visto qui sopra, è stato incentrare il reportage sulla grande domanda: la libertà. Un luogo, il monastero, che è «il più trasgressivo di tutti», preannuncia la giornalista fin dall’inizio. «E’ l’ora di andarmene», afferma invece alla fine del servizio, mentre esce dal convento. «Torno alla libertà. Ma è proprio questa la domanda che porterò sempre con me, dove sia l’orizzonte della libertà. Se fuori, nel mondo, oppure dentro, nel cuore di ognuno».

Un reportage trasmesso dalla Rai e che ha raggiunto l’11° posto in tendenza su Youtube. Non un pubblico religioso, anzi, di qualunque estrazione e i commenti degli utenti ne sono indicativi. Insulti, bestemmie e affermazioni prevedibili: “Dio non esiste”“vite sprecate”“sessualmente represse”“manipolate dal sistema patriarcale vaticano” ecc. Eppure, molti altri commentatori hanno espresso anche un senso di stupore e commozione per la vita di queste religiose. Ed il tema della libertà, il più interessante, ha effettivamente fatto breccia nei dialoghi/confronti degli utenti, con giudizi profondi. Ne abbiamo selezionati alcuni.

Qui l’articolo pubblicato dal sito Unione Cristiani Cattolici Razionali

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.