Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
lunedì 12 Aprile |
Santa Teresa de los Andes
home iconChiesa
line break icon

Esiste ancora una reliquia collegata a San Michele Arcangelo

SAINT MICHAEL GROTTO

Paolo Monti | CC BY SA 4.0

Philip Kosloski - pubblicato il 11/12/18

E viene spesso usata durante gli esorcismi

Nella Chiesa cattolica, c’è un’antica tradizione di venerazione da parte dei fedeli di oggetti associati a un santo particolare. Questi oggetti vengono chiamati reliquie, e sono di tre categorie fondamentali.

Una reliquia di prima classe è costituita da tutti i resti fisici di un santo o da una loro parte. Si potrebbe trattare di un pezzo di osso, una fiala di sangue, un ciuffo di capelli o perfino di un teschio o di un corpo incorrotto.


SAINT MICHEAL

Leggi anche:
Dove è apparso per la prima volta San Michele Arcangelo?

Una reliquia di seconda classe è qualsiasi oggetto che il santo usava spesso (ad esempio un abito).

Una reliquia di terza classe è qualunque oggetto che tocchi una reliquia di prima o di seconda classe.

In genere le reliquie sono collegate a un santo umano, ma almeno in un caso esiste ancora una reliquia associata a un essere celeste.




Leggi anche:
Quando San Michele Arcangelo salvò Roma

Secondo la tradizione, San Michele Arcangelo apparve a un vescovo italiano nel 493 e consacrò una grotta vicina, che divenne nota come Santuario di Monte Sant’Angelo sul Gargano, più conosciuto semplicemente come Monte Gargano. È uno dei santuari più antichi dedicati a San Michele ed è stato al centro di molti pellegrinaggi cristiani.

San Michele disse al vescovo: “Sono l’arcangelo Michele, e ho scelto di dimorare in questo luogo sulla terra e di custodirlo”. Quando arrivarono a consacrare la grotta, San Michele disse: “Non è necessario che dedichi questa chiesa che io stesso ho consacrato con la mia presenza”.


LEONE XIII

Leggi anche:
L’originale preghiera quasi sconosciuta di Leone XIII a San Michele Arcangelo

Una leggenda dice che una delle pietre riporta l’impronta del piede di San Michele.

Più di mille anni dopo San Michele è apparso di nuovo nel santuario, dicendo al vescovo: “Sono l’arcangelo San Michele. Chiunque usi le pietre di questa grotta verrà liberato”. Da allora nel mondo sono state distribuite piccole pietre di questa grotta, note come “Pietre-reliquie di San Michele”.

Secondo l’esorcista padre Chad Ripperger, queste pietre sono state usate in vari esorcismi e sono note per la loro efficacia nell’espellere la presenza del demonio. Ciò avviene in conformità alla pratica tradizionale degli esorcisti di usare delle reliquie durante gli esorcismi, invocando l’intercessione dei santi e degli angeli contro le opere di Satana.

Queste reliquie esistono ancora oggi nel Santuario del Monte Gargano, e vengono usate spesso da sacerdoti e laici come sacramentale che aiuta ad approfondire l’amore di una persona nei confronti di Dio attraverso l’intercessione di San Michele Arcangelo. Un certificato di autenticità accompagna queste pietre per attestare che sono state tratte dalla grotta che San Michele ha consacrato con la sua presenza.


ST MICHAEL ARCHANGEL

Leggi anche:
Come realizzare una consacrazione speciale a San Michele Arcangelo

Tags:
reliquiasacramentalisan michele arcangelo
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
Gelsomino Del Guercio
Le assurde messe in prigione del cardinale Simoni: pensavano foss...
2
CHIARA AMIRANTE
Gelsomino Del Guercio
Chiara Amirante inedita: la cardiopatia, l’omicidio scampat...
3
Archbishop Georg Gänswein
i.Media per Aleteia
Mons. Gänswein: si pensava che Benedetto XVI sarebbe vissuto solo...
4
girl stop in the street
Claudio De Castro
“Vieni a trovarmi”, insisteva Gesù dal tabernacolo
5
Divina Misericórdia
Gelsomino Del Guercio
Il Papa celebra domenica la Divina Misericordia. Ma perchè questa...
6
Gelsomino Del Guercio
Le stigmate di Domenica Galeano, la veggente di Briatico, sono ve...
7
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni