Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
lunedì 17 Maggio |
San Pascual Baylón
home iconStorie
line break icon

Carlo Verdone: Papa Francesco è un prete concreto e illuminato

POPE FRANCIS CARLO VERDONE

Pope Francis Photo By Antoine Mekary | ALETEIA - Carlo Verdone Photo By Denis Makarenko | Shutterstock

Gelsomino Del Guercio - pubblicato il 11/12/18

L'attore e regista romano parla di Bergoglio: è una bussola in un mondo dove si urla troppo e la fede viene meno

Romano, credente, 68 anni. L’identikit dell’attore e regista Carlo Verdone, che in un’intervista a Il Messaggero (11 dicembre) si esprime su Papa Francesco. Una persona, dice Verdone, che ama la «concretezza».

«Il Pontefice – evidenzia – esercita la sua missione pastorale con il buon senso di un prete illuminato, non certo con la distanza di un sovrano irraggiungibile».

© Public Domain

“Stimola una riflessione pacata”

Nel momento in cui tutti i leader del mondo «alzano i toni, urlano per eccitare i peggiori istinti della gente», Papa Francesco «stimola pacatamente la riflessione sui temi cruciali della nostra epoca. Un’epoca difficile, che ha smarrito la dimensione spirituale ed etica».

Un periodo in cui le chiese sono spesso «vuote», sottolinea l’attore e regista romano, perché molta gente «ha messo da parte la fede», salvo ritrovarla verso la fine della propria esistenza, quando ci si rende conto che per arginare i mali del mondo bisogna prima ri-appacificarsi con se stessi e con Dio.




Leggi anche:
Auguri a Carlo Verdone, splendido 64enne

La fede secondo Verdone

In un colloquio con L’Osservatore Romano (2011) Verdone si definiva un credente, con centomila punti di fragilità, con diecimila incertezze, un giorno vedo bene le cose un altro no, però non credo al credente che mi dice: “Io credo e sono tranquillo con me stesso“. Io credo a colui che si interroga quotidianamente, o molto spesso, su come riprendersi la fede. La fede per me è un rincorrerla continuamente e, quindi, un interrogarti dentro».

Gli ipocriti

«Certe volte – ragionava – stimo molto di più delle persone atee che dicono di non credere, perché vedo che nella loro vita hanno un comportamento assai retto. Viceversa ci sono dei credenti che vanno in chiesa, declamano anche con grande sicurezza la loro fede, ma hanno un comportamento ipocrita. A quelli credo molto poco».




Leggi anche:
Il Maestro di Hollywood che non ha mai voluto lasciare Roma

La morte e l’aldilà

E anche sulla morte ha un’idea ben precisa e legata all’aldilà. « C’è qualcosa dentro di me che mi fa credere che la morte dell’uomo in realtà è una morte apparente, e che poi la vita ricomincerà in un altro modo, ma è qualcosa che non sappiamo comprendere bene. Probabilmente siamo un tutt’uno, un mosaico di un’unica entità; siamo dei frammenti di Dio. Comunque se smettessi di riflettere sulla fede, sarei un grande superficiale; una persona assolutamente mediocre».

Che vuoto senza il Papa!

Quanto siano due punti riferimenti nella sua vita la fede e il Papa lo testimonia anche quanto dichiarò a Il Messaggero (2013) subito dopo l’elezione di Bergoglio, parlando del vuoto che ha preceduto il Conclave (Ratzinger si era dimesso ndr) «La Roma dei credenti negli ultimi giorni trasmetteva attesa e smarrimento. Perché il Papa rappresenta una sorta di protezione, di riferimento […]».




Leggi anche:
Carlo Verdone e la sua vocazione per il cinema quasi sacerdotale

Tags:
carlo verdonepapa francesco
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
chiara amirante,
Paola Belletti
Perché dobbiamo pregare per la guarigione di Chiara Amirante
2
Aleteia
Gli avvisi divertenti che si leggono nelle parrocchie
3
Lucía Chamat
La curiosa fotografia di “Gesù” che sta commuovendo la Colombia
4
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
5
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
6
Padre Henry Vargas Holguín
Quali peccati un sacerdote “comune” non può perdonare?
7
Padre Maurizio Patriciello
L’amore di un prete per i fratelli omosessuali e le sue pre...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni