Ricevi Aleteia tutti i giorni
Solo le storie che vale la pena leggere: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Carlo Verdone: Papa Francesco è un prete concreto e illuminato

POPE FRANCIS CARLO VERDONE
Pope Francis Photo By Antoine Mekary | ALETEIA - Carlo Verdone Photo By Denis Makarenko | Shutterstock
Condividi

L’attore e regista romano parla di Bergoglio: è una bussola in un mondo dove si urla troppo e la fede viene meno

Romano, credente, 68 anni. L’identikit dell’attore e regista Carlo Verdone, che in un’intervista a Il Messaggero (11 dicembre) si esprime su Papa Francesco. Una persona, dice Verdone, che ama la «concretezza».

«Il Pontefice – evidenzia – esercita la sua missione pastorale con il buon senso di un prete illuminato, non certo con la distanza di un sovrano irraggiungibile».

© Public Domain

“Stimola una riflessione pacata”

Nel momento in cui tutti i leader del mondo «alzano i toni, urlano per eccitare i peggiori istinti della gente», Papa Francesco «stimola pacatamente la riflessione sui temi cruciali della nostra epoca. Un’epoca difficile, che ha smarrito la dimensione spirituale ed etica».

Un periodo in cui le chiese sono spesso «vuote», sottolinea l’attore e regista romano, perché molta gente «ha messo da parte la fede», salvo ritrovarla verso la fine della propria esistenza, quando ci si rende conto che per arginare i mali del mondo bisogna prima ri-appacificarsi con se stessi e con Dio.

Leggi anche: Auguri a Carlo Verdone, splendido 64enne

La fede secondo Verdone

In un colloquio con L’Osservatore Romano (2011) Verdone si definiva un credente, con centomila punti di fragilità, con diecimila incertezze, un giorno vedo bene le cose un altro no, però non credo al credente che mi dice: “Io credo e sono tranquillo con me stesso“. Io credo a colui che si interroga quotidianamente, o molto spesso, su come riprendersi la fede. La fede per me è un rincorrerla continuamente e, quindi, un interrogarti dentro».

Gli ipocriti

«Certe volte – ragionava – stimo molto di più delle persone atee che dicono di non credere, perché vedo che nella loro vita hanno un comportamento assai retto. Viceversa ci sono dei credenti che vanno in chiesa, declamano anche con grande sicurezza la loro fede, ma hanno un comportamento ipocrita. A quelli credo molto poco».

Leggi anche: Il Maestro di Hollywood che non ha mai voluto lasciare Roma

La morte e l’aldilà

E anche sulla morte ha un’idea ben precisa e legata all’aldilà. « C’è qualcosa dentro di me che mi fa credere che la morte dell’uomo in realtà è una morte apparente, e che poi la vita ricomincerà in un altro modo, ma è qualcosa che non sappiamo comprendere bene. Probabilmente siamo un tutt’uno, un mosaico di un’unica entità; siamo dei frammenti di Dio. Comunque se smettessi di riflettere sulla fede, sarei un grande superficiale; una persona assolutamente mediocre».

Che vuoto senza il Papa!

Quanto siano due punti riferimenti nella sua vita la fede e il Papa lo testimonia anche quanto dichiarò a Il Messaggero (2013) subito dopo l’elezione di Bergoglio, parlando del vuoto che ha preceduto il Conclave (Ratzinger si era dimesso ndr) «La Roma dei credenti negli ultimi giorni trasmetteva attesa e smarrimento. Perché il Papa rappresenta una sorta di protezione, di riferimento […]».

Leggi anche: Carlo Verdone e la sua vocazione per il cinema quasi sacerdotale

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.