Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

E’ vero che Gesù risorto è apparso prima alla Madonna?

JEZUS SPOTYKA MARYJĘ
Condividi

Ricostruiamo quello che è accaduto dopo la morte del figlio di Dio. La parola a due esperti, teologo e biblista

«Nelle lettere di Paolo sono del tutto scomparse le donne, come testimoni della risurrezione di Gesù, perché nell’ambiente giudaico e greco-romano, la loro testimonianza non ha nessun valore. Su questo sfondo si comprende perché Maria, la madre di Gesù, nei testi canonici o ufficiali non è menzionata tra i destinatari delle apparizioni».

La versione degli apocrifi

I Vangeli apocrifi – non accolti nel Canone dei libri ispirati – riempiono questo vuoto e raccontano «l’apparizione di Gesù risorto a sua madre. Questa tradizione, accolta da alcuni scrittori antichi e medievali, sta alla base delle affermazioni di Giovanni Paolo II che nel 1994 parlava dell’apparizione del Risorto alla Madonna».

Perrella: Maria è “testimone di parte”

Fin qui la ricostruzione dei Vangeli. Il teologo e mariologo padre Salvatore Perrella evidenzia alla nostra testata che una delle risposte più comuni a questo “silenzio” su Maria dei Vangeli «è che essi sono interessati a mostrare l’esperienza di testimoni “non di parte”. Certamente, per la sua fede e la sua storia, Maria non poteva non essere valutata come un testimone “di parte”: come madre, l’onore e la verità del Figlio erano la sua prima preoccupazione nonché lo scopo di tutta la sua vita. Ma in un tribunale pubblico, come quello che gli evangelisti costruiscono attraverso il loro racconto, anche una testimonianza vera come la sua (Maria era ed è una donna veritiera) avrebbe potuto essere un boomerang».

“Conflitto di interessi”

Un “conflitto di interessi”, lo definisce Perrella, capace quindi «di giustificare in partenza una sua “esclusione” dal novero di chi doveva essere interrogato».

In che senso, allora, le altre donne e gli apostoli sono testimoni “non di parte” e perciò attendibili? «Questa domanda ha un che di inquietante, se pensiamo che, a differenza di Maria, abbiamo qui a che fare con persone che non sono certamente trasparenti e veritiere. Gli evangelisti non perdono occasione di sottolineare i limiti degli apostoli e dei discepoli, anche morali: ambiziosi, invidiosi, affascinati dal potere e dai soldi, non sono certo l’immagine del testimone ideale. Eppure, proprio questa loro inadeguatezza è, per gli evangelisti, ciò che li rende attendibili».

La “sparata” di Gesù

Nella loro inadeguatezza, prosegue il mariologo, «essi non credevano affatto che Gesù avesse detto la verità quando parlava della sua risurrezione. Pensavano che fosse una delle sue solite “sparate” e non vollero chiedergli spiegazioni: non c’è una sola parola che ci attesti una simile richiesta».

Eppure, di domande, gli apostoli e i discepoli a Gesù ne avevano fatte tante e diverse, azzeccate e non. «Ma sulla risurrezione dai morti, niente. Nemmeno la morte violenta di Gesù aveva suscitato in loro il ricordo di quel che aveva detto. Anzi, aveva forse ottenuto l’effetto contrario: era stata proprio una “sparata”, da dimenticare al più presto insieme a tutto il loro passato, se volevano ricostruirsi una vita tranquilla e sicura, al riparo dalle tante vendette che il loro seguire Gesù poteva aver accumulato sulle loro teste e su quelle delle loro famiglie».

La “semplice” cura del defunto

Anche le donne «non sembrano capaci di andare al di là della morte di Gesù. La loro preoccupazione, infatti – taglia corto Perrella – è quella di prendersi cura di un cadavere: preoccupazione peraltro coraggiosa, perché era comunque un cadavere più che scomodo, che sarebbe stato meglio consegnare all’oblio. Insomma, nessuno si aspettava ciò che sarebbe accaduto. Per gli apostoli, i discepoli e le donne, la risurrezione arriva come un fulmine a ciel sereno. Arriva soprattutto come un perdono inaspettato».

Burial of Jesus
Renata Sedmakova | Shutterstock

Il perdono del risorto

Il Risorto non li giudica per la loro mancanza di fede, «ma li chiama nuovamente alla comunione, all’amicizia e alla testimonianza. Se prima potevano dire: “Abbiamo lasciato tutto e ti abbiamo seguito”, ora questo non vale più».

Il Risorto non li incontra perché lo hanno seguito, «ma proprio perché non lo hanno più seguito. Il perdono ricevuto è la garanzia della loro attendibilità. Solo un vivente, infatti, può perdonare. Nessuno può essere perdonato da un morto: su questa dura realtà si sfascia ogni fantasia di comodo».

Maria va distinta da tutte le altre

La Chiesa nasce dal perdono del Risorto ed è per questo che papa Francesco «la richiama continuamente – ora anche con il giubileo straordinario – a quella misericordia che ne ha presieduto le origini».

E Maria? «A differenza di tutti gli altri – conclude il mariologo – ha preso sul serio le parole del suo Figlio sulla risurrezione. Era certa del loro compimento. Non cercava un cadavere per piangere a dirotto su di esso e per imbalsamarlo con l’illusione di farlo in un certo qual modo sfuggire alla morte. Attendeva un Vivente. Lo ha incontrato».

Il vero incontro 

Questo «Vivente» le ha presentato nuovamente gli altri «come suoi fratelli e sue sorelle: Maria li ha accolti tutti come tali, perdonando anche lei così come aveva fatto il suo Figlio. La troviamo così nella comunità di Gerusalemme, come ci racconta Luca all’inizio degli Atti degli Apostoli (cf. At 1,14). Questo è il segno – è la chiosa di Perrella – che dice come lei abbia veramente incontrato il Risorto. E a questo titolo, cioè per la sua appartenenza alla Chiesa, anche lei entra nel novero dei testimoni attendibili. E non più “di parte”».

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.