Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

7 Reali che hanno scelto la fede cattolica rispetto al loro status

ROYALS
Condividi

La conversione al cattolicesimo ha cambiato la loro vita quotidiana

Clicca qui per aprire la galleria fotografica

Non è facile quando le proprie convinzioni portano ad abbracciare una nuova fede. Se le persone care potrebbero accogliere la decisione con cuore e mente aperti, altri potrebbero invece voltare le spalle, dire cose spiacevoli o opporsi con veemenza.

Immaginate cosa può accadere se sono i membri delle famiglie reali a decidere di seguire le proprie convinzioni, soprattutto se sono contrarie a ciò che ci si aspetta da loro.

Oggi vogliamo presentarvi alcuni degli uomini e delle donne che hanno rotto secoli di tradizione abbracciando la fede cattolica. Alcuni hanno rinunciato di buon grado al loro posto nella linea di successione al trono, altri si sono sentiti in dovere di unirsi alla Chiesa per convinzione, amore o perché ispirati da un Papa che amavano particolarmente.

Una cosa è certa: questi reali devoti, indipendentemente da quello che hanno perso, hanno deciso di “cercare prima il Regno di Dio”, dimostrando che il loro status di fronte a Lui era ben più importante di qualsiasi status regale.

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.