Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
sabato 18 Settembre |
San Giuseppe da Copertino
home iconChiesa
line break icon

Fantasmi, anime in pena o vaganti: è possibile?

DUCH, ZJAWA

Unsplash | CC0

Livres de todo mal - pubblicato il 06/12/18

Le anime in pena vanno davvero “a briglia sciolta”?

Vorrei iniziare questo contributo chiarendo che la questione non ha nulla a che vedere con spiritismo o reincarnazione, perché non stiamo parlando della possibilità che le anime si incarnino per la seconda, terza o quarta volta, che è il concetto della reincarnazione. Per noi è chiaro che non c’è alcuna possibilità al riguardo e che la dottrina della Chiesa ha chiuso definitivamente la questione.

Stiamo parlando di quelle che “popolarmente” le persone chiamano anime in pena o vaganti, e che altre definiscono fantasmi. Ci riferiamo alle persone vive che dicono di aver visto le anime di persone o parenti defunti e cose del genere.

La dottrina della Chiesa è chiara al riguardo, nel senso che quando qualcuno muore si verifica immediatamente il suo giudizio personale, giudizio in cui c’è la possibilità di 3 destinazioni: il Cielo, il Purgatorio o l’Inferno. Il Purgatorio non è una destinazione definitiva, ma un periodo di purificazione dopo il quale l’anima avrà in Cielo il suo destino eterno.

Il Catechismo della Chiesa Cattolica afferma che “ogni uomo fin dal momento della sua morte riceve nella sua anima immortale la retribuzione eterna, in un giudizio particolare che mette la sua vita in rapporto a Cristo, per cui o passerà attraverso una purificazione, o entrerà immediatamente nella beatitudine del cielo, oppure si dannerà immediatamente per sempre”.

Le persone, però, insistono nel dire di aver visto delle “anime in pena”. Cosa dire loro? Semplicemente che sono pazze? Che quello che hanno visto è il frutto della loro immaginazione?

La questione dello stato psicologico ed emotivo della persona dev’essere sicuramente messo in discussione, perché ci sono persone che dopo la morte di una persona cara cadono nella disperazione ed è possibile che abbiano certe “apparizioni” che in realtà sono solo frutto della loro emotività.

Per l’esorcista padre Gabriele Amorth, la questione doveva essere affrontata con maggiore attenzione da parte della Chiesa e dei teologi. In un esorcismo, riferiva, lo spirito che possedeva una persona non era un demonio, ma un’anima condannata.

Il sacerdote diceva però che col passare del tempo e con altri esorcismi è stato verificato che erano dei demoni a possedere quella persona, ma dicevano mentendo che era l’anima di un condannato a possederla.

In uno dei suoi libri, padre Amorth ha dedicato un capitolo alla questione delle esperienze che gli esorcisti hanno fatto durante il rituale di esorcismo trovandosi di fronte alla realtà per cui non era un demonio a possedere una persona, ma l’anima di un condannato. Le opinioni degli esorcisti al riguardo sono molto diverse, ma la maggior parte di loro non crede a questa possibilità.

  • 1
  • 2
Tags:
anime del purgatoriofantasmiinferno

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
2
THERESA GIUNI
Unione Cristiani Cattolici Razionali
Giuni Russo è giunta fino a Cristo per mano d...
3
GETAFE
Dolors Massot
Due sorelle giovanissime diventano suore contemporaneamente a Mad...
4
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
5
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
6
Gelsomino Del Guercio
La Madonna nera è troppo sfarzosa: il parroco la “spoglia”. Ed è ...
7
Paola Belletti
Tre suicidi tra i giovanissimi il 1°giorno di scuola
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni