Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
giovedì 28 Gennaio |
San Tommaso d'Aquino
home iconChiesa
line break icon

4 pilastri secondo il Papa per custodire la vocazione anche in momenti di crisi

ŻARTY O KSIĘDZU

Shutterstock

Gelsomino Del Guercio - pubblicato il 06/12/18

Francesco avverte: quando emergono i limiti, chi aspira alla vita religioso deve chiedere l'aiuto di una persona più anziana

E’ possibile che una persona consacrata o un seminarista attraversi un momento di crisi. Ed è proprio in quelle fasi che non bisogna di lasciar tutto o abbandonarsi alle tentazioni.

Papa Francesco in “La forza della vocazione” (Dehoniane) consiglia come affrontare questi momenti delicati. Partendo da una premessa: va fatta una formazione efficace alla persone che intende intraprendere la vita religiosa.

«La formazione deve essere basata su quattro pilastri – afferma il Papa – la vita spirituale, la vita comunitaria, la vita di studio e la vita apostolica. Tutti questi aspetti devono interagire tra loro. Occorre mettere in situazione la persona in formazione. È molto importante la vita comunitaria, perché è lì che appaiono i limiti, per contrasto. Uno si conosce e viene conosciuto. Questo si vede molto chiaramente».


DON TONINO BELLO

Leggi anche:
Così Don Tonino Bello educava i suoi seminaristi ad una vocazione sincera

La gestione dei propri limiti

«Se il formatore vede che qualcuno non se la cava bene con i propri limiti – osserva Bergoglio – faccia bene attenzione, perché là vi sono degli indizi di una nevrosi o di qualche immaturità, che si dovrà vedere come poter instradare, governare, mettere da parte… Ma, per l’amor di Dio! Non forzino i propri limiti né quelli degli altri. Che li gestiscano bene. Nelle quattro dimensioni che ho detto».

Il supporto di un “anziano”

Di fronte ai limiti, rimarca Francesco, «voglio dire che non bisogna allarmarsi, ma accompagnare e, se è possibile, lavorare per superarli».

E consiglia: «Il religioso o la religiosa devono cercare di camminare con il compagno o la compagna di cammino più anziano, con maggiore esperienza».




Leggi anche:
6 modi per sopravvivere a una crisi spirituale nel mezzo di una vita frenetica

L’accompagnamento

«La compagnia è necessaria – sentenzia il Papa – È necessario chiedere anche la grazia di saper accompagnare, ascoltare. Nella vita consacrata, molte volte, uno dei problemi più grandi nel quale si imbatte un superiore o una superiora provinciale è vedere che un fratello o una sorella è solo, cammina da solo. Che succede? Nessuno lo accompagna? In fondo, non si può crescere nella vita consacrata né essere formato, senza una persona che ti accompagni».

© MASSIMILIANO MIGLIORATO/CPP
May 12, 2014: Pope Francis greets priests during a special audience with members of religious colleges in Paul VI hall at the Vatican.

La compagnia da cercare

Mai lasciare solo nella difficoltà il religioso o la religioso. «E questo, evidentemente, non si improvvisa. È un’abitudine che va presa fin dal noviziato. È bene abituarsi a questo, perché se uno non ha una compagnia buona, può finire per trovarne una cattiva. Le persone sole non riescono a camminare. Una persona consacrata deve ricercare una compagnia di questo tipo, accettarla… una compagnia che gli faccia da contrasto, che sappia ascoltare. Forse – conclude Bergoglio – non è facile incontrare la persona ideale, ma esiste sempre qualcuno che possa fare un po’ da “fratello maggiore”, con cui poter parlare e confidarsi».




Leggi anche:
Crisi di vocazioni religiose, il Papa parla di cause e rimedi

Tags:
papa francesco
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
CATERINA SCORSONE
Cerith Gardiner
19 personaggi famosi orgogliosi dei propri figli con necessità sp...
2
BABY
Mathilde De Robien
Nomi maschili che portano impresso il sigillo di Dio
3
SINDONE 3D
Lucandrea Massaro
L'Uomo della Sindone ricostruito in 3D. I Vangeli raccontano la v...
4
Claudia Koll Vieni da me Rai1
Silvia Lucchetti
Claudia Koll: ho pregato tanto per mio figlio malato e ho ricevut...
5
WOMAN,OUTSIDE,BORED
Gelsomino Del Guercio
Soffri di accidia? Scoprilo e segui i rimedi di un monaco del IV ...
6
BRUISED CORTO ANIMATO ROK WON HWANG
Catholic Link
Corto animato: abbracciami, Signore, perché nel dolore voglio rif...
7
messe avec masques
Lucandrea Massaro
Cambia di nuovo il Rito della pace durante la Messa
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni