Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
domenica 13 Giugno |
Sant'Antonio da Padova
home iconFor Her
line break icon

Sarah Drew: essere mamma non è avere il controllo, è il più grande salto di fede

SARAH DREW

Shutterstock

Annalisa Teggi - pubblicato il 05/12/18

Fuori dal piccolo schermo, la grande notorietà acquisita ha permesso a Sarah Drew di offrire una testimonianza di vita vissuta che può essere di conforto a tante mamme, la nascita di una figlia prematura.

Perdere il controllo, cioè affidarsi

Ieri, festeggiando il quarto compleanno della secondogenita Hannah, Sarah Drew ha ricordato quale esperienza potente sia stata la nascita della bambina. Sposata dal 2002 con il professore della UCLA Peter Lanfer è madre anche di un maschietto di 6 anni, Micah Emmanuel.


GIUSY BUSCEMI

Leggi anche:
Giusy Buscemi: 8 figli? Sarebbe perfetto!

Con alcuni scatti su Instagram, ieri ha raccontato la maternità in termini di rischio e perdere il controllo: non esattamente le parole tranquillizzanti e zuccherose che si trovano sui giornali o nelle pubblicità, eppure così corrispondenti a quel nodo emotivo tutt’altro che rasserenante che tutte abbiamo sentito diventando mamme. Hannah nacque prematura nel 2014 e accadde che

[…] rimase ricoverata per settimane. Non potevo fare nessun tipo di piano. Non potevo avere il controllo sul suo ricovero. E così non potrò controllare mai ciò che le accadrà in futuro. Tutto quello che posso fare è camminarle accanto, ricordandole giorno dopo giorno quanto sia preziosa e amata. Da quando è nata mi sta insegnando ad affidarmi e sono tanto grata di avere un’insegnante così piccola nella mia vita.
View this post on Instagram

A post shared by Sarah Drew (@thesarahdrew)

Si associa troppo spesso, oggi, alla femminilità l’idea di una forza volitiva da supereroine e c’è anche il rischio che questa ombra scenda sulla maternità. Che invece è proprio la forza dell’arrendersi, dell’essere più che “essere capace”. Quando ero in attesa del secondo figlio ascoltai una conferenza tenuta da una esperta senza dubbio competente ma con cui fui in pieno disaccordo: per tenere alto il morale delle mamme a fine gravidanza, disse che avrebbero fatto esperienza di un’autostima pazzesca guardando il bambino e dicendo “Questo l’ho fatto io”. Sarà l’esatto opposto – pensai tra me e me – e sarà meglio così.


JULIA ROBERTS

Leggi anche:
Julia Roberts: ogni giorno vedo rientrare mio marito a casa e ringrazio di averlo con me

Il bambino non lo fa la madre, lei lascia spazio nel suo corpo perché la vita cresca. Ed è tutt’altra cosa.

Surrender è sempre stato un verbo difficile da tradurre, per me. C’è il senso della resa, ma non quella a denti stretti; quella che spalanca le braccia e si affida. Fa bene Sarah Drew a usare questo verbo per la maternità, perché in questo nostro tempo che smania per essere padrone di tutto e su tutto, proprio a noi madri cristiane è chiesto di testimoniare la forza della resa, l’essere parte attiva di un progetto di vita di cui non siamo né l’Alfa, nè l’Omega. Ma di cui siamo custodi solerti:

Quando si diventa genitori (anche adottivi, con l’affidamento e in ogni forma) si accetta il rischio più grande possibile. È anche il più grande salto di fede. Impari come amare, impari a lasciar andare. Non abbiamo nessun vero controllo su questi piccolissimi esseri di cui abbiamo la responsabilità. Possiamo fare del nostro meglio per amarli, proteggrli e insegnar loro a essere gentili, ma a fine giornata, non possiamo aver il controllo su quel che sono e diventeranno. Amare i figli è un gesto quotidiano di resa.  
  • 1
  • 2
Tags:
fedematernitàserie tv
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
2
Gelsomino Del Guercio
Strano cerchio bianco sulla testa del Papa. Il video diventa vira...
3
Landen Hoffman
Sarah Robsdotter
“Gli angeli mi hanno preso e Gesù mi vuole bene”: un bimbo di 5 a...
4
nun
Larry Peterson
Gesù ha donato a questa suora una preghiera di 8 parole per esser...
5
MOTHER AND LITTLE DAUGHTER,
Silvia Lucchetti
Lui si suicida dopo aver ucciso le figlie: Giulia torna a vivere ...
6
Claudio De Castro
Sono andato a Messa distratto, e Gesù mi ha dato una grande lezio...
7
Lucía Chamat
La curiosa fotografia di “Gesù” che sta commuovendo la Colombia
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni