Aleteia
martedì 29 Settembre |
Santi Arcangeli
For Her

Sarah Drew: essere mamma non è avere il controllo, è il più grande salto di fede

SARAH DREW

Shutterstock

Annalisa Teggi | Wed Dec 05 2018

La star di Grey's Anatomy, che ha portato un tocco di cristianesimo nella serie, ricorda la nascita prematura della figlia Hannah e la bellezza tremante di affidarsi.

Tutti la conoscono come April Kepner, personaggio che, dopo dieci anni di onorato servizio, ha dato l’addio alla serie Grey’s Anatomy. I fan hanno protestato a gran voce e i produttori della serie si sono resi conto del motivo; la sceneggiatrice Shonda Rhymes ha dichiarato:

La comunità cristiana è molto poco rappresentata. Dovremmo tutti lamentarci della perdita di una figura che ha portato al programma un profilo diverso e con uno scopo. (da Relevant Magazine)

Sarah Drew è figlia di un sacerdote presbiteriano, donna di fede cristiana anche lei; è stata scelta per rappresentare una giovane dottoressa con la sua stessa visione religiosa in una cornice piuttosto atea come quella di Grey’s Anatomy.

GREY'S ANATOMY
Flickr

Al pari delle minoranze afroamericane, dell’inchino al mondo LGBTQ, anche lei è stata presa per catturare una fetta di pubblico: Miranda Bayley è di colore, Arizona Robbins è lesbica e April Kepner è cristiana. Lascia perplessi, ma è così. Con un nota bene: spesso e volentieri il personaggio cristiano o è stupido e da denigrare, o è bigotto e cattivo. Sarah è riuscita nell’impresa di scalfire – leggerissimamente – il copione che va per la maggiore.

La casta nella casta

Quando è comparsa all’interno della serie che già faceva milioni di ascolti, la dottoressa April Kepner sembrava la solita scemotta cristiana che vuole rimanere casta fino al matrimonio; era impacciata e timida. Derisa dagli spettatori, ha saputo prendersi la scena crescendo in profondità ed intensità. Dietro le quinte, l’attrice Sarah Drew ha spiegato che le è stato chiesto di portare sullo schermo la sua vera esperienza di cristiana praticante e di intervenire sul copione quando le scene scritte per il suo personaggio potevano tradire la verità di un’autentica esperienza religiosa.

Il pubblico si è legato a lei proprio per la crescita che April Kepner ha testimoniato, quella di chi parla apertamente della fede, viene un po’ bistrattato per questo, ma sul lungo percorso cambia lo sguardo di chi incontra. April ha questo di realmente comune con il cristiano in carne e ossa: sbaglia spesso, tradisce i comandamenti, ha dubbi di fede, ma ne fa il riferimento incrollabile a cui ritornare. Lascia un fidanzato sull’altare, per dirne una.

Da spettatrice ho apprezzato moltissimo la scelta di portare agli spettatori un messaggio forte contro la propaganda pro aborto che la fa da padrone sugli schermi: mi riferisco al momento in cui April decide di partorire un figlio che vivrà per pochi istanti, lo  battezza, lo abbraccia e lo lascia tornare al Padre. Al suo fianco un compagno ateo che propendeva per l’aborto, ma vive in pienezza lacerata la gioia di una presenza così piccola.

[youtube=https://www.youtube.com/watch?v=iYlveErmvME&w=560&h=315]

L’episodio è stato a detta di tutti un capolavoro, forse perché anche l’intoccabile casta della profanissima Hollywood in fondo sa bene cosa tocca il cuore dell’uomo, e sa che accoglienza e amore incondizionato sono la vita vissuta di molta più gente di quella che grida “my body, my choice”. Per la faccia da copertina vale l’ideologia, ma la logica degli ascolti deve tenere conto di cosa davvero interessa alla gente.

Così Sarah Drew è un po’ una mosca bianca nel mondo luccicante del cinema e della TV, ma non poi così bianca; lei stessa infatti documenta la presenza dell’esperienza cristiana, ben più pervasiva di quel che si direbbe, a Hollywood:

Ho incontrato cristiani ovunque sia stata, su ogni set: sia nei cast che nelle squadre di lavoro. Ho incontrato produttori che sono cristiani e producono spettacoli laici; davvero c’è tanta Verità e bellezza che può essere scovata in ogni varietà di film che c’è. (da Patheos)

Fuori dal piccolo schermo, la grande notorietà acquisita ha permesso a Sarah Drew di offrire una testimonianza di vita vissuta che può essere di conforto a tante mamme, la nascita di una figlia prematura.

  • 1
  • 2
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Tags:
fedematernitàserie tv
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: "Ho visto i ...
HOLDING HANDS
Comunità Shalom
Il demonio non sopporta che gli sposi si amin...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
LUXOR FILM FESTIVAL
Zoe Romanowsky
Un filmato potente di appena un minuto sul ma...
PADRE PIO
Philip Kosloski
Quando Padre Pio pregava per qualcuno recitav...
ARCHANGEL MICHAEL
Gelsomino Del Guercio
La preghiera di protezione contro gli spiriti...
LORELLA CUCCARINI,
Silvia Lucchetti
Lorella Cuccarini accusata di omofobia: la su...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni