Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
domenica 19 Settembre |
San Giuseppe da Copertino
home iconFor Her
line break icon

Novità per le neomamme? La copertina sempre troppo corta del congedo di maternità

MOTHER AND NEWBORN

Shutterstock

Paola Belletti - pubblicato il 05/12/18

C'è una novità nelle politiche dedicate alla famiglia che non aggiunge quasi nulla. La tutela alla famiglia e alla sua espressione sorgiva che è la maternità rimane sempre ai margini. Fino a che non sarà troppo tardi?

Cambia con la manovra il congedo per le neomamme lavoratrici. Chi vorrà (con via libera del medico) potrà rimanere al lavoro fino al nono mese, portandosi ‘in dote’ l’intero periodo di astensione di 5 mesi a dopo il parto. E’ quanto prevede un emendamento della Lega dedicato alle politiche delle famiglia approvato dalla commissione Bilancio della Camera. Il nuovo sistema viene proposto come ‘alternativa’ all’attuale, che impone invece l’obbligo di astensione (di uno o due mesi) prima della nascita del bambino. (Ansa)

Non è sbagliato, come principio: può permettere un esercizio intelligente della libertà della mamma, della famiglia in vista del bene del nascituro e della nuova unità madre-figlio. Sempre che la salute, le condizioni del bimbo, quelle di lavoro e tutti i fattori che entrano in gioco in questo caso lo permettano.

Su Facebook qualche utente ha osservato con comprensibile sarcasmo: giusto! Attrezziamoci per partorire direttamente in ufficio e rientrare subito dopo l’espulsione della placenta.


NEWBORN IN THE FROST

Leggi anche:
Arriva l’inverno (demografico), previste gelate senza precedenti su tutta la penisola

Se penso alla mia storia relativamente recente posso riferire di avere agito proprio così, quando mi è stato possibile, e ben prima di questa manovra. Quando, sempre da libero professionista, e alla mia prima gravidanza ho lavorato fino a circa 10 giorni dal parto per potermi dedicare di più alla mia bambina una volta nata. Ero comunque gentilmente ma perentoriamente invitata a non restare “a casa” (leggi ” a riposo”) per più di 5 mesi in totale.

Che dire? E’ sempre comunque pochissimo; meglio di niente, meglio di chi ha ancora meno tutele e diritti.

Rimane però un madornale errore di metodo; quello che sta sotto il concetto di conciliazione. E’ sempre la maternità  ad essere costretta a “conciliarsi” con ritmi lavorativi di un mercato che le è sideralmente lontano.

Dovrebbe essere fatto un altro ragionamento, più coraggioso certo ma anche più razionale e lungimirante. Più proficuo, persino. Dovremmo, per una volta, fermarci e stare ore, giorni, mesi sul quadrante delle cose importanti e non urgenti. Prima che diventino solo urgenti al punto da essere irrecuperabili.

Se consideriamo il sistema paese, l’occupazione femminile è un obiettivo sempre proposto come urgente e perseguito in modo concitato ma poco sistematico e poco funzionale allo scopo più grande: la crescita stabile, continua del paese stesso. Se il paese non ha figli di cosa cresce? Per chi, con quali forze? Fino a quando?


MOTHERHOOD

Leggi anche:
Bonus bebè, gravidanze, asili nido: cosa cambierà nel 2019

Allora piuttosto che accanirsi sugli asili nido aziendali meglio sarebbe rimettere al centro la maternità, capire di cosa abbia bisogno, cercare di garantirglielo e poi lasciarla da parte; a casa. Lasciare che mamma e bambino abbiano il tempo che la loro natura esige.

Lo dico da profana di politica ed economia ma da esperta di maternità: anziché stiracchiare sempre la stessa striminzita coperta, converrebbe rimettere mano ai ferri e tesserne una nuova, della misura e del filato giusto.




Leggi anche:
Il legame madre-figlio è sacro. Chiunque lo spezzi volutamente commette un crimine

Tags:
maternità

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
2
Gelsomino Del Guercio
La Madonna nera è troppo sfarzosa: il parroco la “spoglia”. Ed è ...
3
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
4
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
5
Paola Belletti
Tre suicidi tra i giovanissimi il 1°giorno di scuola
6
THERESA GIUNI
Unione Cristiani Cattolici Razionali
Giuni Russo è giunta fino a Cristo per mano d...
7
PAURA FOBIA
Cecilia Pigg
La breve preghiera che può cambiare una giornata stressante
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni