Ricevi Aleteia tutti i giorni

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Bambino disabile impara a camminare e la sua fisioterapista piange di gioia! (VIDEO)

[facebook url="https://www.facebook.com/ospedalebambinogesupaginafan/videos/2156214217972143/" /]
Condividi

La scena ripresa in un ospedale del Sudamerica racconta un traguardo straordinario: i primi passi del piccolo paziente.

Siamo bombardati di immagini, scorriamo il dito con noncuranza sopra lo schermo del nostro cellulare migliaia di volte al giorno mentre lavoriamo, parliamo, mangiamo, camminiamo. Iper-connessi ma pessimi osservatori: passiamo da un link all’altro, cambiamo applicazione, chiudiamo Twitter e apriamo Instagram senza quasi far caso a ciò che incontriamo distrattamente. Non sempre però! Ci sono eccezioni: contenuti che salviamo, che guardiamo a ripetizione, che inviamo su WhatsApp agli amici, che ci fanno emozionare, esaltare ed esultare di gioia.

Il video pubblicato su Facebook dalla pagina fan dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù di Roma è una di queste bellissime eccezioni perché racconta un momento breve ma straordinario! Il filmato dura pochissimo, la qualità è scarsa, non ci sono frasi da leggere, nessuna musica da ascoltare, zero effetti speciali. C’è “solo” un bambino disabile in un ospedale del Sudamerica che piano piano cammina e la sua fisioterapista seduta con le gambe incrociate che lo guida e lo segue trattenendo a fatica le lacrime, piangendo di gioia per un traguardo così eccezionale e prezioso!

Il trasporto, l’affetto e l’empatia della specialista mi hanno fatto venire in mente i versi che dedica al lavoro Kahlil Gibran nel famoso libro “Il Profeta”:

“(…) E ogni lavoro è vuoto fuorché quando è amore; E quando lavorate con amore voi stabilite un vincolo con voi stessi, con gli altri e con Dio. (…) Il lavoro è amore rivelato.”

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni