Ricevi Aleteia tutti i giorni
Iscriviti alla newsletter di Aleteia, il meglio dei nostri articoli gratis ogni giorno
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Un bambino sordomuto gioca attorno al Papa durante l’udienza generale

POPE FRANCIS AUDIENCE
Antoine Mekary | ALETEIA | I.Media
Condividi

Mercoledì in Vaticano, durante l’udienza generale, mentre si avvicendavano i saluti in diverse lingue, un intrepido bambino è salito alla ribalta per andare a giocare col costume di una guardia svizzera.

Clicca qui per aprire la galleria fotografica

È “indisciplinato ma libero”. Dopo la catechesi del mercoledì e durante i saluti ai pellegrini, un ragazzino argentino è salito sulla ribalta dell’aula Paolo VI in Vaticano per andare a giocare con la mano di una guardia svizzera, a pochi metri da Papa Francesco. Dopo un po’ la madre si è finalmente fatta avanti per cercarlo, e ha spiegato al Vescovo di Roma che è sordomuto.

POPE FRANCIS AUDIENCE
Antoine Mekary | ALETEIA | I.Media

Salutando i pellegrini di lingua spagnola il Papa ha spiegato che il bambino era “libero” benché non potesse parlare. «È indisciplinato ma libero», ha esclamato gioiosamente il pontefice. «Questa libertà è quella che ci insegna Gesù quando ci domanda di fare come i bambini». «Domandiamo la grazia che questo bambino possa parlare», ha aggiunto parlando con i convenuti.

Un “cuore nuovo” abitato dallo Spirito Santo

Qualche minuto prima il Papa aveva terminato le catechesi sul Decalogo. In particolare ha detto che cercare la propria realizzazione negli idoli del mondo «ci svuota e ci rende schiavi». Solo la gratitudine verso Dio, “fondamento” della nostra obbedienza, ci libera dalle idolatrie. Ma per vivere questa liberazione ci vuole un “cuore nuovo”, abitato dallo Spirito Santo e dai “desiderî nuovi”.

Questo “trapianto” del cuore è “seminato in noi” attraverso i dieci comandamenti, resi compiuti e perfetti in Gesù. Cristo infatti – ha sottolineato il Pontefice – non è venuto per abolire la legge ma per completarla. In Cristo, e «solamente in Lui», il «Decalogo cessa di essere condanna e diventa l’autentica verità della vita umana». Vale a dire il desiderio di amore, di gioia, di pace, di magnanimità, di benevolenza, di bontà, di fedeltà, dolcezza, dominio di sé.

Il Decalogo, “radiografia” di Cristo

Quasi senza rendercene conto, ci troviamo allora davanti a Cristo – ha osservato il capo della Chiesa cattolica. Il Decalogo è in effetti la sua “radiografia”, come un negativo fotografico che lascia apparire il suo viso – come nella Sacra Sindone, ha osservato. Trovare così Cristo nel Decalogo permette di «fecondare il nostro cuore» perché sia pieno di amore e aperto all’opera di Dio. Quando l’uomo favorisce il desiderio di vivere secondo Cristo, «apre la porta alla salvezza», ha dichiarato il vescovo di Roma.

Galleria fotografica:

[traduzione dal francese a cura di Giovanni Marcotullio]

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.