Ricevi Aleteia tutti i giorni
Le notizie che non leggi altrove le trovi qui: inscriviti alla newsletter di Aleteia!
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

8 paure che ogni uomo sperimenta quando si innamora (e come affrontarle)

UOMO PAURA SPAVENTATO
Shutterstock/WAYHOME studio
Condividi
di Rafael Pérez del Solar

Quando siamo bambini abbiamo una lista interminabile di paure. Ricordo che io avevo sempre paura del soggiorno scuro della casa di mia nonna, perché ci immaginavo Freddy Kruger (sì, una paura molto anni Ottanta…), e allora salivo di corsa le scale. Man mano che cresciamo e maturiamo le paure continuano a esistere, ma sono diverse. A volte sono basate su cose reali, in altri casi sono frutto della nostra immaginazione.

Ma cos’è la paura in sé? L’abbiamo sperimentata tutti prima o poi. Potremmo dire che è come una pugnalata al cuore, la sensazione di avere la gola secca, le gambe che tremano o la pelle d’oca sulle braccia. La paura è quell’emozione potente e dalle radici primitive che risiede nella parte più profonda del nostro cervello che cerca fondamentalmente di garantire la nostra sopravvivenza. Il problema è il fatto che molte di quelle angosce derivano da minacce che percepiamo ma che non sono reali, o sono semplicemente esagerazioni della realtà.

Nella vita adulta proviamo paura quando le cose non vanno come speravamo o quando affrontiamo qualcosa di nuovo o sconosciuto. Ma qual è la conseguenza della paura? Entra dagli spiragli delle porte che lasciamo aperte al dubbio e si insedia nel cuore, portandoci alla mancanza di azione o a titubare. Tutto diventa più facile se siamo trasparenti e ci lasciamo illuminare dalla luce di Dio, che ci dice “Non temete” (Mt 14, 27).

È per questo che in questo post vorrei presentarvi alcune delle paure che dobbiamo affrontare noi uomini quando ci innamoriamo, quando iniziamo a vivere una relazione seria. Spesso sono paure fondate, basate su situazioni reali, ma che esageriamo in negativo. Altre volte sono basate su situazioni immaginarie, ovvero sono timori infondati, in cui si esprime una chiara assenza di dialogo e interazione con la persona amata. Diceva bene lo scrittore francese Charles Peguy: “A ogni giorno bastano le sue paure, e non c’è motivo di anticipare quelle di domani”.

Ecco le paure che ritengo si presentino più spesso nella nostra mente e nel nostro cuore, e come affrontarle:

1. Paura di non essere corrisposti

È comune che all’inizio di una relazione, visto che l’amore è ancora in fase di costruzione, si possa avere una certa paura del rifiuto. Pensiamo che lei non sia disposta a vedere cosa siamo davvero e cosa possiamo dare con il tempo. È pero importante aumentare la fiducia in se stessi, e la fiducia in Dio. Se avete già iniziato una relazione con una ragazza, concentratevi ad aumentare l’amore reciproco, a curare dettagli che esprimano il vostro amore, non cercando qualcosa in cambio, ma semplicemente per l’amore che nutrite nei suoi confronti.

2. Paura di non sentirsi alla sua altezza

Al giorno d’oggi ci troviamo di fronte a delle ragazze che sembrano cercare un superuomo: senza difetti e con una lunga lista di virtù da spuntare. Di fronte a questo, è normale aver paura di non essere all’altezza di ciò che si aspetta una ragazza, ma non bisogna disperare. Sforzatevi di essere voi stessi, non cercate di posare (lei ha già visto in voi qualcosa che l’ha fatta innamorare!), e con l’aiuto di Dio cercate di crescere nelle virtù che potete raggiungere e che ritenete importanti per la relazione.

Pagine: 1 2 3

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni