Ricevi Aleteia tutti i giorni

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

1500 presepi: la capitale della Natività è un paesino del Trentino Alto Adige

Presepe di Franco Artese - St. Patrick (New York)
Condividi

Ossano in Val di Sole ospita una mostra da record

Clicca qui per aprire la galleria fotografica

La Capitale dei presepi e delle Natività si trova in Val di Sole, nel Trentino Alto Adige. Si chiama Ossana,  ed è un borgo di 800 abitanti, che ospita 1400 presepi!

Ci sono le teche stipate di piccolissime natività, le capanne di legno con bue e asinello costruite nei giardini e nei parchi del paese e i presepe che fanno da suggestiva scenografia ai concerti: presepi ovunque fino al 6 gennaio.

Dalla Grande Guerra alla tragedia aerea

L’esperienza è affascinante. Ogni opera ha la sua particolarità e andarne alla scoperta ha sia valore culturale, sia emotivo. Tra le centinaia di rappresentazioni alcune hanno grande valore artistico per il pregio della fattura e i materiali usati, altri importanza storica perché rappresentano le tradizioni locali o gli aspetti sociali del passato.

C’è, per esempio, un presepe dedicato alla Grande Guerra (conclusasi esattamente cento anni fa) che racconta un episodio di “pace separata” avvenuto nella notte di Natale; il presepe contenuto in una residenza storica di Ossana (Mas dei Voltolini) realizzato due anni fa in occasione dei 60 anni della tragedia aerea sul monte Giner a quota 2600 metri, avvenuta il 22 dicembre 1956, e la collezione di presepi contenuta nella quattrocentesca Casa degli Affreschi.

Dal Venezuela

Ad arricchire la già variegata collezione di presepe sono infatti arrivate 100 opere dal Venezuela, per le quali il Comune trentino ha organizzato una spedizione per mettterli al sicuro dai disordini che stanno sconvolgendo lo stato sudamericano. I presepe venezuelani saranno esposti nelle vie più suggestive del paese e nel Castello di San Michele, dove saranno allestiti anche i classici mercatini e a una avveniristica slitta che, grazie alla realtà virtuale, fa ripercorrere il viaggio di Babbo Natale (La Repubblica, 29 novembre).

L’Elfoslitta

Novità dell’edizione 2018, una Elfoslitta in legno che aspetta i visitatori, nella Casa di Babbo Natale. «Grazie a occhiali magici che immergono nella realtà virtuale, chi si siederà sulla slitta potrà vivere l’emozione del viaggio che tutti gli anni Babbo Natale, gli elfi e le renne compiono per arrivare fino ad Ossana a consegnare i regali», spiega il sindaco Luciano Dell’Eva (AdnKronos, 18 novembre).

Tags:
presepe
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni