Aleteia
sabato 24 Ottobre |
Sant'Antonio Maria Claret
Storie

Madre di due gemelli, di cui uno trisomico, racconta la loro storia su Instagram

© Aventure X3ordinaire

Domitille Farret d'Astiès - pubblicato il 28/11/18

Élisabeth e Jean-Philippe sono genitori di due gemelli di sette mesi. Uno dei due è portatore di Trisomia 21. Raccontano la loro storia sui social network.

Quando guardiamo Christian e Gabriel, è difficile non scoppiare a ridere davanti alle loro guance da buongustai. I due lupacchiotti hanno appena festeggiato i loro sette mesi. Élisabeth, la loro madre, ha scelto di raccontare la loro storia sui social network. Infatti Christian è portatore di Trisomia 21 e i suoi genitori hanno voluto mostrare che è possibile vivere con questo handicap. «Vogliamo condividere e mostrare ad altri genitori che non si è mai soli in queste tappe e che, malgrado le difficoltà, c’è soprattutto tanta gioia», affermano lanciando la loro pagina Facebook, intitolata Aventure X3ordinaire.

View this post on Instagram

Semaine 28 👻 Joyeux Halloween ! 👻 Ce soir c’est Chefs Gabriel et Christian aux fourneaux ! Pas sûr qu’on mange de bonne heure… Ces petits costumes sortis tout droit de @disneyland vont parfaitement bien avec Maman cuisinière et Papa goûteur officiel 😅 . . #halloween #costume #petitchef #ratatouille #disney #cutenessoverload #kitchen

A post shared by Aventure X3ordinaire (@x3ordinaire) on

Sposati da due anni, Élisabeth e Jean-Philippe, 27 e 29 anni, sono andati di sorpresa in sorpresa: non si aspettavano l’arrivo di due gemelli, ancora meno pensavano alla trisomia. L’handicap di Christian è stato individuato quando Élisabeth era incinta di sette mesi. Per i suoi genitori, neanche s’è parlato di interrompere la gravidanza: decidono di andare fino in fondo.

«La gente non conosce la trisomia, o la conosce male»

«Da principio non volevo mettere i miei bambini sui social network», rivela la giovane madre. Rapidamente però Élisabeth ha compreso che la sua testimonianza avrebbe avuto valore.

L’handicap non è solo una disgrazia e visite a destra e a manca. La gente non conosce la trisomia, o la conosce male, e ha idee preconcette. S’immaginano che sia una vita impossibile.

La giovane constata con rammarico che numerosi medici non sono ben formati sulla questione: «Noi non cerchiamo affatto di negare l’handicap», aggiunge ben consapevole che Christian ha dei ritardi in diversi settori. Ma prosegue: «E allora? Nessuno sa di cosa sia fatto l’avvenire». Suo marito ha anch’egli un fratello trisomico, Paul, oggi un giovanotto:

È felice, ha la sua vita, fa degli stages culinari, è spiritoso. Grazie a lui noi conosciamo la trisomia, quindi non abbiamo paura dell’avvenire.

La loro pagina Instagram è seguita da più di 7mila persone. Ogni giorno vengono pubblicate foto dei gemelli, accompagnati da didascalie che mostrano la realtà della loro vita quotidiana:

  • 29 ottobre. Visita dallo specialista psicomotorio. Buone notizie per Christian: sta bene su con la testa.
  • 3 novembre. Adesso si aprono le danze con papà!
Non facciamo questo per rassicurarci quanto al fatto che i nostri figli siano adorabili. Abbiamo molti scambi con genitori che si trovano in situazioni analoghe e che ci dicono: «I medici ci hanno detto così, ma volevamo il vostro parere, visto che ci siete passati».

Così spiega Élisabeth, che col suo sposo ha deciso di credere nella vita.

Abbiamo intenzione di essere altrettanto esigenti con Christian e con Gabriel, e vogliamo stimolarli perché diano il meglio di loro. Bisogna avere fiducia in sé come genitori, ma bisogna pure dare fiducia ai figli.

https://www.instagram.com/p/BooP_QxFPGn/?utm_source=ig_web_button_share_sheet

[traduzione dal francese a cura di Giovanni Marcotullio]

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Tags:
educazionegenitorihandicapinfanziasindrome di down
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Camille Dalmas
Il montaggio dietro alla discussa frase del p...
POPE FRANCIS AUDIENCE
Gelsomino Del Guercio
La fake news sul Papa che giustifica le union...
Gelsomino Del Guercio
6 frasi di Papa Francesco sulle persone omose...
Gelsomino Del Guercio
Scomunicato Vlasic, ex padre spirituale dei v...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
Gelsomino Del Guercio
Il Papa su coppie gay: serve una "legge di co...
Aleteia
Gli avvisi divertenti che si leggono nelle pa...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni