Aleteia
venerdì 23 Ottobre |
San Giovanni Paolo II
Storie

Lo volevano prete, ma è diventato una stella del basket americano

Twitter

Gelsomino Del Guercio - pubblicato il 28/11/18

Pascal Siakam, originario del Camerun, ha trascorso diversi anni in seminario. Ora è uno dei talenti emergenti dell'Nba, e gioca a Toronto. Una storia di "vocazione al contrario"

Da potenziale sacerdote a stella della Nba, il campionato professionistico di basket più famoso al mondo: una storia di vocazione “al contrario”.

Non c’era spazio per il basket nella vita del giovane Pascal Siakam: a Bafia in Camerun, era stato mandato per frequentare il seminario di Saint Andrews, visto che il padre lo voleva prete. Le cose, però, non vanno come sperava papà Tchamo.

“Pensammo di espellerlo..”

«All’inizio era uno studente molto bravo e preciso – afferma Padre Collins Ndjama, il direttore del Seminario, a ESPN (5 maggio 2018) – ma a lungo andare concentrazione e dedizione vennero meno. Diventò testardo, sempre in ritardo, andava e veniva dal seminario senza autorizzazione e non faceva più tutti i compiti che gli affidavano. Pensammo più volte di espellerlo, ma i suoi risultati accademici erano così notevoli che decidemmo di dargli altre possibilità».


JAMARION STYLES,BASKET,DISABILITA

Leggi anche:
Jamarion, un eroe del basket senza mani

Vocazione “forzata”

Fare il prete non è la strada voluta da Pascal, ma la paura di deludere il padre lo blocca. Il suo comportamento, però, è troppo ribelle per il seminario. A 15 anni viene espulso, costretto a tornare a casa a fare i conti con un futuro ancora tutto da decidere.

La villa e il camp gratuito

La svolta arriva improvvisa. Siakam sta andando al mercato della sua cittadina a comprare del platano per la famiglia, quando passa davanti a una delle più belle ville che abbia mai visto. Il suo sogno è quello di potersi permettere una casa come quella, con un grosso giardino, statue e fontane. Poco dopo viene a conoscenza del nome dei proprietari: la famiglia di Luc Mbah a Moute, nel 2011 giocatore dei Milwaukee Bucks e organizzatore dei camp gratuiti durante l’estate per aiutare i giovani atleti camerunesi a mettersi in mostra. Pascal decide di prendere parte al camp, assieme ai suoi 3 fratelli. Prima di allora non aveva mai giocato davvero a basket: per questo non aveva molte speranze, ma l’atletismo di cui l’ha dotato madre natura attira le attenzioni (Gazzetta, 28 novembre).

La seconda partecipazione

«I miei fratelli mi ripetevano che avrei finito per diventare un cestista, ma io non volevo saperne. Avrei preferito letteralmente qualsiasi altro lavoro».Insomma, né prete, né cestista (Baslet Inside, 1 novembre).

Eppure se sul seminario non tornerà mai indietro, sul basket qualcosa accadrà l’anno dopo. Nel 2012, dopo la seconda partecipazione al camp, il nome di Siakam inizia a circolare. Viene scelto per fare parte al programma Basketball Without Borders, che premia i talenti emergenti: in palio c’è la possibilità di staccare un biglietto per i college Usa. Siakam dà tutto sé stesso e distrugge la concorrenza degli avversari grazie al suo naturale talento. Viene scelto per la God’s Academy di Lewisville, in Texas.


MARC GASOL

Leggi anche:
Il campione di basket che salva i migranti sui barconi: siamo uomini, prima che sportivi 

Il migliore tra gli universitari

Nel 2013 si sposta a New Mexico State, dove gioca 2 campionati universitari stellari: la ciliegina sulla torta arriva col premio di miglior giocatore del 2015-16 della Western Athletic Conference che gli vale una chance in Nba, scelto da Toronto nel 2016.

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Tags:
basket
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
i.Media per Aleteia
Il montaggio dietro alla discussa frase del p...
POPE FRANCIS AUDIENCE
Gelsomino Del Guercio
La fake news sul Papa che giustifica le union...
Gelsomino Del Guercio
Il Papa su coppie gay: serve una "legge di co...
Aleteia
Gli avvisi divertenti che si leggono nelle pa...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
WOMAN, NECKLACE, GOLD
Annalisa Teggi
Disoccupata con 4 figli paga il medico con un...
Gelsomino Del Guercio
6 frasi di Papa Francesco sulle persone omose...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni