Ricevi Aleteia tutti i giorni

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Una scena dolcissima: ecco il tuo cuginetto! E la bimba si commuove (VIDEO)

BIMBA ABBRACCIA CUGINO
Facebook
Condividi

Uno scampolo di vita e tenerezza allo stato puro.

Dispiace quasi appropriarsi di questi momenti, dell’emozione profonda che risale dalle viscere di questa bimba deliziosa e che lei stessa cerca di coprire per pudore, per il senso di qualcosa di davvero intimo forse sacro da tenere custodito.

Ma il video sta già facendo il giro del web e colpendo tanti occhi collegati a cuori, si spera, non del tutto inariditi. Siamo noi i titolari di quei cuori, e di quegli occhi così tanto sollecitati durante il giorno, continuamente chiamati a vedere immagini, valutare scene, impattare notizie: e passando da una tragedia umanitaria all’ultimo flirt della soubrettina di casa nostra ci imbattiamo spesso anche in notizie non notizie come questa. Che invece alla fine sono le vere news e i fatti decisivi nella storia umana: cosa c’è di più nuovo di una vita che non c’era e che sentiamo così vicina come quella di un cuginetto, un fratellino, qualcuno figlio di qualcuno che amiamo già? Qualcuno che non conosciamo ma che, lo presentiamo, saremo trascinati ad amare più di noi stessi!

Ok, è vero, sto addossando a questa bimba sentimenti e considerazioni che non sono suoi, eppure le sono grata per la tenerezza sincera, per la purezza dello stupore dal quale si lascia investire prendendo in braccio per la prima volta il suo cuginetto nato da poco.

Lo bacia con delicatezza, lo accarezza, lo calma quando accenna qualche vagito.

Sarebbe da prescriverne la visione come terapia a chi, come me a volte, è preso nella morsa delle “cose da fare”, degli appuntamenti da incastrare, delle responsabilità che si moltiplicano come in un gioco di specchi ma che mi distraggono dalla domanda vera: a chi devo rispondere e per cosa? Per chi? Ecco, per questo bimbo, per esempio, per la vita come bene in sé stessa, per la bellezza di sapersi figli e fratelli, tutti quanti. O al massimo cugini!

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni