Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
domenica 19 Settembre |
Notre Dame de la Salette
home iconNews
line break icon

Papa: regno di Dio dà pace, quelli fondati su armi crollano

POPE FRANCIS

Antoine Mekary | ALETEIA | I.Media

Vatican News - pubblicato il 25/11/18

All’Angelus Francesco ricorda che la storia insegna come i regni fondati sul potere delle armi e sulla prevaricazione siano fragili e prima o poi crollano. Il regno di Dio invece è fondato sull’amore e si radica nei cuori

di Giada Aquilino – Città del Vaticano

È Gesù il “re della nostra vita”, diffondiamo “il suo regno”, dando testimonianza alla verità “che è l’amore”. Così il Papa all’Angelus in una Piazza San Pietro bagnata dalla pioggia, che non ha fermato però il radunarsi dei fedeli.

La storia insegna che i regni fondati sul potere delle armi e sulla prevaricazione sono fragili e prima o poi crollano. Ma il regno di Dio è fondato sul suo amore e si radica nei cuori – il regno di Dio si radica nei cuori – conferendo a chi lo accoglie pace, libertà e pienezza di vita. Tutti noi vogliamo pace, tutti noi vogliamo libertà e vogliamo pienezza. E come mai si fa? Lascia che l’amore di Dio, il regno di Dio, l’amore di Gesù si radichi nel tuo cuore e avrai pace, avrai libertà e avrai pienezza.

Il regno eterno di Cristo

Francesco riflette sull’odierna solennità di Gesù Cristo Re dell’universo, posta al termine dell’anno liturgico, che ricorda come la vita del creato proceda verso la “meta finale” che è “la manifestazione definitiva di Cristo”: la conclusione della storia sarà – spiega – “il suo regno eterno”. Il Pontefice si riallaccia al brano evangelico di Giovanni che racconta la “situazione umiliante” di Gesù dopo l’arresto nel Getsemani: condotto a forza dinanzi alle autorità di Gerusalemme, viene presentato al procuratore romano “come uno che attenta al potere politico, a diventare il re dei giudei”. A Pilato Gesù spiega come il suo regno non sia “di questo mondo”, affermando: “Tu lo dici: io sono re”.

È evidente da tutta la sua vita che Gesù non ha ambizioni politiche. Dopo la moltiplicazione dei pani, la gente, entusiasta del miracolo, avrebbe voluto proclamarlo re, per rovesciare il potere romano e ristabilire il regno d’Israele. Ma per Gesù il regno è un’altra cosa, e non si realizza certo con la rivolta, la violenza e la forza delle armi.

Amore e testimonianza di verità

Rispondendo ancora a Pilato, Gesù – osserva il Papa – gli fa notare come i suoi discepoli non abbiano combattuto per difenderlo.

Gesù vuole far capire che al di sopra del potere politico ce n’è un altro molto più grande, che non si consegue con mezzi umani. Lui è venuto sulla terra per esercitare questo potere, che è l’amore, rendendo testimonianza alla verità.

Regno di amore, giustizia e pace

Si tratta, spiega Francesco, della “verità divina” che è il messaggio essenziale del Vangelo, “Dio è amore” – come riporta l’evangelista Giovanni – e vuole “stabilire nel mondo il suo regno di amore, di giustizia e di pace”. Questo è, dunque, “il regno di cui Gesù è il re”, che si estende “fino alla fine dei tempi”. È proprio Gesù, dice il Papa, a chiederci oggi di “lasciare che Lui diventi il nostro re”.

Un re che con la sua parola, il suo esempio e la sua vita immolata sulla croce ci ha salvato dalla morte, indica questo re la strada all’uomo smarrito, dà luce nuova alla nostra esistenza segnata dal dubbio, dalla paura e dalle prove di ogni giorno. Ma non dobbiamo dimenticare che il regno di Gesù non è di questo mondo. Egli potrà dare un senso nuovo alla nostra vita, a volte messa a dura prova anche dai nostri sbagli e dai nostri peccati, soltanto a condizione che noi non seguiamo le logiche del mondo e dei suoi “re”.

I saluti dopo la preghiera mariana

Nei saluti finali, Francesco ricorda tra gli altri i partecipanti al Congresso sulla fertilità, promosso dall’Università Cattolica del Sacro Cuore nel 50° anniversario dell’Enciclica Humanae vitae di San Paolo VI. E, prima di accomiatarsi, definisce i presenti “coraggiosi” perché arrivati in Piazza sotto la pioggia.

Link all’articolo originale su Vatican News

Tags:
papa francesco

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
2
BABY
Mathilde De Robien
Nomi maschili che portano impresso il sigillo di Dio
3
PAURA FOBIA
Cecilia Pigg
La breve preghiera che può cambiare una giornata stressante
4
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
5
Gelsomino Del Guercio
La Madonna nera è troppo sfarzosa: il parroco la “spoglia”. Ed è ...
6
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
7
Paola Belletti
Tre suicidi tra i giovanissimi il 1°giorno di scuola
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni