Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
giovedì 29 Ottobre |
Santi Simone e Giuda
home iconChiesa
line break icon

Quali sono i 6 sacramentali a cui ricorrono gli esorcisti per allontanare il diavolo?

Shutterstock-Nixx Photography

Gelsomino Del Guercio - pubblicato il 22/11/18

Dal sale alle medagline, dall'olio alla croce: ecco quelli più efficaci

I sacramentali (da non confondere con i sacramenti) vengono definiti dalla riflessione teologica come «segni visibili religiosi, istituiti dalla Chiesa a scopo di culto, a tutela contro gli influssi del demonio e a incremento del bene spirituale e materiale dei fedeli».

Oggi in alcuni contesti ecclesiali di gruppi carismatici e di tradizione popolare, si conferisce una grande importanza ai sacramentali (benedizioni, unzioni con olio benedetto ecc…), di qui l’importanza di intenderli correttamente, per evitare di conferire loro un valore magico e superstizioso o addirittura superiore ai sacramenti.

L’esorcista, dunque, spesso può ricorrere a più sacramentali per scacciare il diavolo. In Angeli e diavoli in lotta” (Editrice Ancilla) sono Don Marcello Stanzione e Annalisa Colzi spiegano quali sono i sacramentali di grande aiuto nella pratica dell’esorcismo.

Extrait du film "L'exorcisme d'Emily Rose" © Lakeshore Ent Corp / The Kobal Collection / AFP

1) Sale

Il sale esorcizzato possiede la specifica proprietà di proteggere i luoghi dalle presenze malefiche oltre ad essere di giovamento alla salute del corpo e dell’anima.

2) Acqua

Anche l’acqua esorcizzata o benedetta protegge i luoghi, con essa aspersi, dalle infestazioni demoniache, caccia i demoni e guarisce dalle malattie.

3) Olio

L’olio esorcizzato annienta la presenza dei demoni ed è di grande importanza per la guarigione dei malati; una proprietà specifica dell’olio esorcizzato è quella di provvedere alla separazione delle avversità dal corpo.

Ciò può avvenire in due modi: il primo è vomitandole, il secondo è tramite materializzazione delle stesse in seguito a un forte dolore addominale come se l’ossesso avesse un sasso nello stomaco; in un primo momento il dolore aumenta di intensità e quando di colpo esso cessa, si materializza un oggetto di vario genere: densa schiuma, fili di spago annodati, chiodi, pezzi di vetro, grumi di sangue, bambole di legno, oggetti di plastica con forme a testa di animali, ciuffi di capelli e altri oggetti.




Leggi anche:
Sale, acqua e olio benedetti, alleati nella lotta al Maligno

4) Medaglia Miracolosa

Wikipedia/Xhienne/CC

Una grande importanza nella lotta contro il demonio hanno le immagini sacre, anzitutto come mezzo di prevenzione e, in secondo luogo, proprio come mezzo integrante dell’esorcismo. Le immagini sacre che si sono rivelate di maggiore efficacia contro gli assalti demoniaci sono: “La Medaglia Miracolosa, La Medaglia o Croce di San Benedetto, e Il Breve di Sant’Antonio di Padova”.

La Medaglia Miracolosa reca l’immagine della Madonna con le braccia aperte e dalle cui mani è ben visibile l’emanazione di raggi (le grazie che la Madre di Dio fa giungere a coloro che portano con fede la medaglia stessa). La Madonna poggia i piedi sul mondo schiacciando il serpente; intorno all’immagine della Vergine c’è la scritta “Regina Sine Labe Originali Concepta O.P.N.”.




Leggi anche:
175 anni di miracoli: si festeggia la Madonna della Medaglia Miracolosa

5) Medaglia o Croce di San Benedetto

©Diego Roxas CC

La Medaglia o Croce di San Benedetto ha origini molto antiche. Essa divenne popolare verso il secondo decennio dell’XI secolo, quando un certo Brunone, in Alsazia, fu guarito da una grave infermità dopo che gli fu offerta la suddetta Medaglia. Dopo la guarigione si fece monaco benedettino e in seguito fu eletto Papa con il nome di Leone IX (poi fatto santo).

Nel 1742 Papa Benedetto XIV approvò la Medaglia e diede la concessione di indulgenze a coloro che la portavano con fede. Essa reca sul diritto l’immagine di San Benedetto che con la mano destra tiene sollevata una croce e con la sinistra regge il libro con la “Santa Regola” aperto.




Leggi anche:
Il grande potere liberatore della Medaglia di San Benedetto

6) Breve di Sant’Antonio da Padova

Il Breve di Sant’Antonio da Padova è una scritta sotto una croce disegnata su una pergamena:

Ecce Crucem Domini (Ecco la Croce del Signore), Fugite Partes Adversae (fuggite Potenze del Male), Vicit Leo de Tribu Juda (ha vinto il Leone di Giuda), Radix Davide (della stirpe di Davide), Alleluia.

L’episodio che diede origine alla devozione accadde nella città di Santaren in Portogallo.Una donna soffriva molto a causa del demonio che la importunava e, un giorno che era particolarmente depressa, decise di suicidarsi gettandosi nel Tago. Dovendosi recare sulla riva del fiume, la donna passò davanti alla chiesa dei francescani dove proprio in quel giorno celebravano la festa di Sant’Antonio. Sentì il bisogno di recarsi in chiesa per recitare la sua ultima preghiera ma, durante la sua orazione, fu colta da un colpo di sonno e in sogno gli apparve Sant’Antonio che le consegnava una pergamena e le diceva: «Destati o donna, e custodisci la scheda che ti do, la quale libererà da ogni vessazione diabolica».

Svegliatasi, la donna si trovò veramente in mano la pergamena del sogno, nella quale vi era scritto sotto una croce quanto sopra riportato. Da quel giorno la donna non soffrì più a causa del demonio.




Leggi anche:
Una breve preghiera di esorcismo insegnata da Sant’Antonio

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Tags:
esorcismosacramentali
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
CEMETERY
Gelsomino Del Guercio
Indulgenze plenarie per i defunti: come otten...
PRAYER
Philip Kosloski
Resistete alla “tristezza del diavolo” con qu...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
Camille Dalmas
Il montaggio dietro alla discussa frase del p...
VITIGUDINO
Gelsomino Del Guercio
Prima brillante medico, poi suora: la bella s...
HEAVEN
Philip Kosloski
Preghiera perché un defunto raggiunga la gioi...
CARLO ACUTIS, CIAŁO
Gelsomino Del Guercio
Preghiera a Carlo Acutis con richiesta di una...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni