Aleteia
venerdì 23 Ottobre |
San Giovanni Paolo II
For Her

Grazie a Gennaro ora c'è anche la pizza sospesa

PIZZA, CAMERIERE, MARGHERITA

Shutterstock

Pane e Focolare - pubblicato il 20/11/18

Non si sente un angelo, ma un semplice pizzaiolo: a fine giornata porta un pasto caldo ai senzatetto

Secondo un sondaggio della Società Dante Alighieri, pizza è la parola italiana più conosciuta all’estero, seguita da cappuccino e spaghetti. Non possiamo che prendere atto, e anche con un po’ di soddisfazione, che chi pensa all’Italia pensi subito anche alla sua buona tavola.


FAMIGLIA, CUCINA, DOLCI

Leggi anche:
La neuroscienza scopre il Vangelo a tavola: cucinare è donarsi, riduce lo stress

Ma veniamo alla pizza: simbolo dell’identità nazionale, l’arte del pizzaiolo napoletano è diventata nel 2017 patrimonio dell’umanità per l’Unesco. Nel dare il prezioso riconoscimento, è stato sottolineato il valore della pratica culinaria, in tutte le fasi che vanno dalla preparazione dell’impasto fino alla cottura nel forno a legna, ma anche il valore culturale dell’attività della bottega, la trasmissione intergenerazionale dei segreti del mestiere, l’incontro sociale e familiare, il carattere spettacolare del lavoro. I gesti, le canzoni, il gergo, la capacità di roteare l’impasto con sapiente abilità: tutto contribuisce a fare del lavoro del pizzaiolo un rito e una vera arte. I media, nel dare la notizia, hanno anche ricordato il valore economico di questo prodotto: ogni giorno i pizzaioli italiani sfornano una media di 8 milioni di pizze e tutto questo garantisce 200.000 posti di lavoro.

Oggi voglio però raccontarvi una bella storia che ha per protagonista un pizzaiolo napoletano, che gestisce un locale a Formia (Latina), il quale ha deciso di lanciare l’iniziativa della “pizza sospesa”.

Gennaro Licciardi, proprietario del locale Napul’è, offre ai suoi clienti la possibilità di lasciare qualche moneta in più, per pagare una pizza a chi non se la può permettere.


NAPLES QUEING

Leggi anche:
Lo tsunami di solidarietà per il piccolo Alessandro Maria

Ogni 3 euro che raccoglie, Gennaro regala una pizza a chi si presenta a chiedere aiuto. Se poi nessuno si presenta, quando anche l’ultimo cliente se ne è andato lui prepara qualche pizza, la mette nei caratteristici cartoni della consegna a domicilio, chiude il locale e comincia a girare per Formia alla ricerca dei senzatetto, ai quali consegna personalmente il pasto caldo appena sfornato.

Il pensiero corre subito al “caffè sospeso”, la bella abitudine di prendere un caffè al bar ma pagarne due, a beneficio di chi non può permettersi di pagare e può in tal modo sorseggiare una tazzina offerta da un generoso cliente sconosciuto. Beneficenza anonima, discreta, nobile e raffinata.

La pizza sospesa segue la stessa modalità, tipicamente partenopea, a cui si aggiunge il gesto generoso da parte del pizzaiolo, che a fine giornata va di persona a consegnare la pizza a chi ne ha bisogno.  Una notte un clochard incredulo, ricevuta la pizza, lo ha ringraziato dicendo: “Gli angeli esistono, lei è un angelo!”. Gennaro si è schermito: “Non sono un angelo, sono un pizzaiolo.”


TAVOLA, AMICI, ALLEGRIA

Leggi anche:
Abbiamo buttato le pantofole e apparecchiato la tavola: amici venite!

In conclusione: la pizza è patrimonio dell’Umanità, ma storie come quelle di Gennaro sono la dimostrazione che ci sono pizzaioli che sono maestri di umanità!

QUI IL LINK ALL’ARTICOLO ORIGINALE

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Tags:
cibonapolisolidarieta
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
i.Media per Aleteia
Il montaggio dietro alla discussa frase del p...
POPE FRANCIS AUDIENCE
Gelsomino Del Guercio
La fake news sul Papa che giustifica le union...
Gelsomino Del Guercio
Il Papa su coppie gay: serve una "legge di co...
Aleteia
Gli avvisi divertenti che si leggono nelle pa...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
WOMAN, NECKLACE, GOLD
Annalisa Teggi
Disoccupata con 4 figli paga il medico con un...
Gelsomino Del Guercio
6 frasi di Papa Francesco sulle persone omose...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni