Ricevi Aleteia tutti i giorni
Solo le storie che vale la pena leggere: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Foto esclusive: esplorando la chiesa più antica del mondo

JORDAN,EXPLORE
Jeffrey Bruno | Aleteia
Condividi

L’intuizione di un archeologo ha portato a una scoperta incredibile

Clicca qui per aprire la galleria fotografica

La brezza marina soffia sull’antica città portuale di Aqaba, in Giordania, mentre il sole tramonta. Le grida gioiose dei bambini che giocano si levano dalle rovine di quella che è ritenuta la più antica chiesa del mondo, creando un curioso contrasto tra passato e presente.

Aqaba, in passato chiamata Elat e Aila, situata sulla punta nord-orientale del Mar Rosso sul Golfo di Aqaba, a est della penisola del Sinai e a ovest del territorio arabico, è stata per migliaia di anni un’importante città portuale. Viene menzionata anche nel primo Libro dei Re (9, 26): “Salomone costruì anche una flotta in Ezion-Gheber, cioè in Elat, sulla riva del Mare Rosso nella regione di Edom”. Anche la regina di Saba visitò la zona verso il X secolo a.C. Il suo ruolo nell’evoluzione del cristianesimo delle origini, tuttavia, è stato scoperto solo di recente.

Nel 1998, gli archeologi guidati dal professor S. Thomas Parker, della North Carolina State University, stavano conducendo dei lavori di esplorazione quando hanno scoperto una serie di mura e un gruppo di 24 tombe adiacenti ad esse. Continuando gli scavi, la simmetria è emersa in modo evidente. Avevano scoperto le rovine di una struttura, volta a oriente, a forma di basilica con una navata centrale fiancheggiata da corridoi laterali (Rose, 1998). C’erano delle porte ad arco, che si sospetta appartenessero a una navata a volta, e una scala di pietra che indicava l’esistenza in passato di un secondo piano. Le mura sono alte circa 4,5 metri e spesse quasi uno. Sono state effettuate anche altre scoperte con cui i cristiani moderni hanno familiarità: una sacrestia, un coro e un nartece.

Si crede che la chiesa sia stata la sede del vescovo di Aila (Aqaba), che partecipò al I Concilio di Nicea nel 325. Ciò indica l’importanza della comunità cristiana della zona.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.