Ricevi Aleteia tutti i giorni
Le notizie che non leggi altrove le trovi qui: inscriviti alla newsletter di Aleteia!
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Si scrive gravidanza condivisa, si legge eugenetica spinta

NEONATO, NUDO, NASCITA
Shutterstock
Condividi

È figlio di due donne, è stato fecondato in vitro, poi è passato dal grembo dell'una a quello dell'altra. Il tutto è costato poco più di 8 mila dollari.

La parola condivisione nel regno del concepimento naturale è il mistero per cui anche un padre porta il figlio che sua moglie ha in grembo. È identico per un marito e una moglie che portano assieme il dolore di non avere figli. Condividere non è possedere in parti uguali una “cosa” – figuriamoci una persona!

Quella volta io non avevo davvero bisogno che mio marito si facesse carico del travaglio; ho avuto bisogno di appoggiarmi senza ritegno alle sue braccia mentre soffrivo. Non è suddividendosi le parti di una gravidanza che si diventa genitori. Il marinaio condivide il medesimo viaggio col cuoco di bordo.

Ma sopratutto la gravidanza non è un fine, la maternità neppure. Più una donna sta di fronte all’accoglienza della vita, meno desideri e opzioni personali mette sul tavolo. In un mondo alla rovescia, si sta arrivando a idolatrare la premessa e non il contenuto, il trailer e non il film, la gravidanza e non il bambino.

Salomone 2.0

Apparentemente, la storia di Bliss e Ashleigh potrebbe sembrare un finale alternativo alla vicenda delle due madri che andarono dal re Salomone, giurando entrambe che un certo bambino fosse il loro. Il figlio è di entrambe le madri? In realtà, Salomone continua ad avere ragione: la madre resta una. Spostare il feto da una pancia all’altra è lacerante quanto l’ipotesi di dividere a metà il bambino. L’illusione ottica della retorica e dei convincimenti personali non cambia la verità.

NEWBORN,BABY,BIRTH
Alex Hockett | CC0

Come dicevo all’inizio, il vero assente di questa storia è il protagonista: Stetson, il figlio concepito artificialmente, passato di grembo in grembo e poi nato perché – fortunatamente – sano come un pesce. Questo essere umano ha viaggiato sul filo del rasoio di molti imperativi altrui. E lungo la strada nessuno ha prestato molta attenzione a curarsi del suo nudo esserci.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni