Ricevi Aleteia tutti i giorni
Solo le storie che vale la pena leggere: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

3 rivelazioni sorprendenti su come i rapporti influiscono sulla nostra felicità

Condividi

1. I buoni rapporti ci rendono più felici e sani

I rapporti sociali ci fanno bene, è un dato di fatto. Se vogliamo essere più felici, dobbiamo apprezzare la nostra famiglia e i nostri amici. Rafforzare questi legami è fondamentale. Il denaro può offrirci molte cose, nessuno lo nega, ma alla fine quello che conta sono le persone che sono sempre lì. Chi vi dà una mano nei momenti difficili? Chi si offre di aiutarvi quando attraversate una crisi? Vi vogliono bene, vi chiamano e vi cercano solo quando avete denaro?

2. Non si tratta del numero di amici che si hanno, ma della qualità dei propri rapporti

Possiamo sentirci soli anche quando siamo circondati da mille persone. In una riunione familiare, in un’uscita con gli amici, anche nel matrimonio. Per questo non importa quanti amici abbiamo, ma la qualità di quei rapporti che danno veramente qualcosa alla nostra vita. Se in questo momento aveste dei problemi di salute, subiste un incidente o voleste semplicemente sfogarvi, chi chiamereste? Quanti dei vostri amici vi verrebbero incontro?

Non importa se 20, 30 o mille amici che avete su Facebook dicono di volervi bene e che saranno sempre lì per voi. Col passare del tempo e le sfide della vita, vedrete che i buoni e veri amici si contano sulle dita di una mano.

3. I buoni rapporti proteggono anche il nostro cervello

Lo studio ha dimostrato che le persone che a 50 anni dicono di essere soddisfatte dei loro rapporti sono quelle che a 80 resistono di più al dolore fisico. Chi ha vissuto isolato e in solitudine ha più rischi di non arrivare a quell’età o di sperimentare il dolore in modo molto più forte per l’assenza del sostegno emotivo.

I buoni rapporti agiscono come uno scudo che ci protegge a livello fisico ed emotivo. Avete questo tipo di rapporti nella vostra vita? Cosa ancor più importante, offrite questo aiuto agli altri o vi preoccupate solo delle vostre necessità? Le persone che arrivano a 80 anni dicendo di non avere nessuno su cui contare sono più propense a perdere la memoria.

Essendo umani vogliamo risposte rapide. Magari esistesse una pillola che sistema tutto, vero? Fortunatamente o sfortunatamente la vita non può essere così. Che senso avrebbe? I rapporti interpersonali saranno sempre complicati, ma nell’avventura di vivere scopriamo che senza quelle persone che amiamo la vita non sarebbe la stessa.

E voi? Avete buoni rapporti? Vi prendete cura di familiari e amici? Avete smesso di sforzarvi nel vostro rapporto di coppia? Oggi è il giorno adatto per parlare a quella persona a cui non rivolgete la parola da tempo, per perdonare, incontrarvi con gli amici, invitare il partner a uscire insieme o ricordare a chi amate quanto fa bene alla vostra vita.

Qui l’originale.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni