Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Al via la causa di beatificazione di Natuzza Evolo

Youtube
Natuzza pochi mesi prima di morire
Condividi

La Congregazione per la Dottrina della Fede ha sciolto positivamente la riserva! Ecco adesso cosa succederà

La Congregazione della Dottrina della Fede ha dato il via libera all’apertura della causa di beatificazione di Natuzza Evolo, la mistica calabrese morta nel giorno della festa di tutti i Santi del 2009.

Ad annunciarlo, davanti ai tanti fedeli che si sono radunati a migliaia alla Villa della Gioia, a Paravati di Mileto, in occasione del 25/mo anniversario dell’arrivo della statua della Madonna Cuore Immacolato di Maria Rifugio delle Anime, è stato il vescovo della diocesi di Mileto – Nicotera – Tropea monsignor Luigi Renzo nel corso dell’omelia tenuta per la funzione religiosa.

A Roma per concordare l’iter

Il presule ha anche riferito che, nei prossimi giorni, si recherà a Roma, in Vaticano, per incontrare il segretario della Congregazione dei Santi con cui si metterà d’accordo sulle procedure da seguire (Ansa, 12 novembre).

«Nei prossimi giorni incontrerò a Roma il segretario della Congregazione dei Santi con cui mi metterò d’accordo sulle procedure da seguire. Non vi pare che questa sia la più bella notizia che ormai tutti, trepidanti, da tempo aspettavamo? Spero che questo ci convinca tutti ad agire secondo Dio e ad operare insieme, uniti intorno a Mamma Natuzza, donna di Dio e donna della Chiesa».

Il postulatore

Nel 2014 – a cinque anni esatti dalla morte della mistica avvenuta nel 2009 – così come prescrive il diritto canonico, il pastore diocesano aveva già chiesto il via libera al Vaticano, nominando contestualmente il postulatore della relativa istruttoria nella figura di don Enzo Gabrieli, presbitero dell’Arcidiocesi di Cosenza-Bisignano, che ha già seguito altri processi di canonizzazione.

Qualche giorno dopo il relativo carteggio era stato portato direttamente alla Congregazione della Causa dei Santi. Ed oggi a distanza di quattro anni il parere favorevole tanto atteso è finalmente arrivato (Gazzetta del Sud, 12 novembre).

Prima venerabile, poi il miracolo

La notizia dell’avvio della causa diocesana è l’inizio di un lungo percorso che durerà diversi anni. Chiusa l’indagine, una commissione ristretta, esaminerà nel dettaglio il fascicolo e se il risultato sarà positivo si procederà al “decreto ufficiale sull’eroicità delle virtù” e la dichiarazione di “venerabile” della donna di fede, ultimo passo prima della beatificazione.

Per arrivare alla dichiarazione di beatificazione è necessario che venga riconosciuto un miracolo attribuito all’intercessione di Natuzza. Anche sulla valutazione del miracolo si svolgerà una inchiesta diocesana che una volta chiusa verrà trasmessa alla Congregazione per le cause dei santi.

Dopo una serie di rigide valutazioni da varie commissioni, alcune formate anche da esperti medici, si procederà o al riconoscimento del miracolo, nel qual caso il Papa (o un delegato) proclamerà la venerabile beata, o alla sua negazione, e allora il venerabile resterà tale. Infine, in caso di riconoscimento di un secondo miracolo, verificato con analoga procedura, il beato verrà proclamato santo. Un processo lungo e delicato per il quale adesso si è mosso solo il primo passo (Quotidiano del Sud, 11 novembre).

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.