Ricevi Aleteia tutti i giorni

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

4 “esercizi” che un parroco può fare per rendere più efficace il proprio modo di comunicare

YOUTH SYNOD PREPARATION
Condividi

Piccolo consiglio per i sacerdoti: un linguaggio troppo ecclesiale può creare non pochi problemi con i fedeli!

Un bravo parroco per essere anche un buon comunicatore non deve parlare in modo “ecclesiale”. In  Poche chiacchiere! (Collana I PRATICI ELLEDICI)” Giorgio Agagliati spiega gli elementi di cui deve tener conto per lanciare messaggi efficaci ai suoi fedeli.

Ogni comunicatore cristiano è chiamato a sviluppare, accanto all’approfondimento della conoscenza, e dunque deve sapere bene di ciò che parla, un talento divulgativo alla Piero & Alberto Angela. 

I “pericoli” del gergo

Utilizzare un linguaggio troppo specialistico, ad esempio, dà l’impressione di un fastidioso snobismo intellettuale, di un inutile e un po’ vanesio sfoggio di cultura e, soprattutto, di una sorta di incomunicabilità, che certo non giova alla comunione dei fedeli e al senso di appartenenza alla comunità.

E’ opportuno e necessario, poi, che chi appartiene a un’esperienza particolare di Chiesa, come un’associazione o un movimento, impari a distinguere tra il proprio ambito di appartenenza e la comunità ecclesiale allargata.

Fraintendimenti

Queste attenzioni valgono anche, e a maggior ragione, quando la Chiesa comunica verso l’esterno. Troppe volte i fraintendimenti nell’opinione pubblica nascono dal convergere di due errori: l’incapacità di esponenti della Chiesa di tradurre adeguatamente il proprio linguaggio e la forzatura operata dai media di impianto laicista.

La chiarezza di Francesco

POPE FRANCIS
Antoine Mekary | ALETEIA | I.MEDIA

Tra i grandissimi meriti di Papa Francesco, che è veramente anche maestro di comunicazione, c’è quello di parlare sempre la stessa lingua, sia dentro, sia fuori la Chiesa. Il suo è un parlare semplice e chiaro, non per questo meno profondo, anzi, profondo proprio per questo, perché è un parlare che raggiunge ogni mente e ogni cuore senza ambiguità.

La formazione che non funziona

Ma anche dove c’è una retta volontà e una pura intenzione, può accadere che l’ecclesialese prenda la mano per, diciamo così, deformazione professionale.

È in parte, come si è già detto, un problema di formazione: nei percorsi di preparazione al Ministero Ordinato (presbiteri e diaconi) si dà in genere pochissimo o nessuno spazio alle tecniche di comunicazione. Si tratta ampiamente della Comunicazione con la C maiuscola, cioè della dimensione teologica della relazione tra Dio e l’uomo. Ma la «cassetta degli attrezzi» non viene quasi mai fornita.

Le 4 fasi

Qual è l’antidoto contro tutti questi rischi? È un procedimento, un “esercizio” in quattro fasi.

Prima fase: scrivo un articolo o una relazione, o preparo un intervento, una catechesi, un’omelia su un tema sul quale mi sento preparato, e uso il linguaggio che mi viene più spontaneo.

Seconda: cerco il ritorno, il feedback di un piccolo panel di persone che mi vogliono bene e perciò parlano chiaro e che, possibilmente, conoscono bene la comunità dei destinatari.

Terza: ascolto e leggo i migliori comunicatori cristiani (e do un’occhiata a questo manuale …).

Quarta: rivaluto ciò che ho preparato alla luce della seconda e della terza fase, e intervengo di conseguenza. Con quale criterio? Quello essenziale è che se il tasso di ecclesialese eccede il minimo fisiologico, bisogna correggersi.

Lo scopo dell’evangelizzazione e della pastorale è portare e far a restare a bordo tutti, non selezionare un equipaggio d’élite. I linguaggi della Chiesa, per conseguenza, non sono iniziatici, ma invogliano a iniziare e proseguire un cammino.

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni