Aleteia
mercoledì 21 Ottobre |
Santa Maria Bertilla Boscardin
Chiesa

4 "esercizi" che un parroco può fare per rendere più efficace il proprio modo di comunicare

YOUTH SYNOD PREPARATION

© Mazur/catholicchurch.org.uk (CC BY-NC-SA 2.0)

Gelsomino Del Guercio - pubblicato il 08/11/18

Piccolo consiglio per i sacerdoti: un linguaggio troppo ecclesiale può creare non pochi problemi con i fedeli!

Un bravo parroco per essere anche un buon comunicatore non deve parlare in modo “ecclesiale”. InPoche chiacchiere! (Collana I PRATICI ELLEDICI)”Giorgio Agagliatispiega gli elementi di cui deve tener conto per lanciare messaggi efficaci ai suoi fedeli.

Ogni comunicatore cristiano è chiamato a sviluppare, accanto all’approfondimento della conoscenza, e dunque deve sapere bene di ciò che parla, un talento divulgativo alla Piero & Alberto Angela. 

I “pericoli” del gergo

Utilizzare un linguaggio troppo specialistico, ad esempio, dà l’impressione di un fastidioso snobismo intellettuale, di un inutile e un po’ vanesio sfoggio di cultura e, soprattutto, di una sorta di incomunicabilità, che certo non giova alla comunione dei fedeli e al senso di appartenenza alla comunità.

E’ opportuno e necessario, poi, che chi appartiene a un’esperienza particolare di Chiesa, come un’associazione o un movimento, impari a distinguere tra il proprio ambito di appartenenza e la comunità ecclesiale allargata.


YOUTH MEETING WITH PEDRO OPEKA

Leggi anche:
11 suggerimenti per essere dei bravi oratori nella vostra parrocchia

Fraintendimenti

Queste attenzioni valgono anche, e a maggior ragione, quando la Chiesa comunica verso l’esterno. Troppe volte i fraintendimenti nell’opinione pubblica nascono dal convergere di due errori: l’incapacità di esponenti della Chiesa di tradurre adeguatamente il proprio linguaggio e la forzatura operata dai media di impianto laicista.

La chiarezza di Francesco

POPE FRANCIS
Antoine Mekary | ALETEIA | I.MEDIA

Tra i grandissimi meriti di Papa Francesco, che è veramente anche maestro di comunicazione, c’è quello di parlare sempre la stessa lingua, sia dentro, sia fuori la Chiesa. Il suo è un parlare semplice e chiaro, non per questo meno profondo, anzi, profondo proprio per questo, perché è un parlare che raggiunge ogni mente e ogni cuore senza ambiguità.

La formazione che non funziona

Ma anche dove c’è una retta volontà e una pura intenzione, può accadere che l’ecclesialese prenda la mano per, diciamo così, deformazione professionale.

È in parte, come si è già detto, un problema di formazione: nei percorsi di preparazione al Ministero Ordinato (presbiteri e diaconi) si dà in genere pochissimo o nessuno spazio alle tecniche di comunicazione. Si tratta ampiamente della Comunicazione con la C maiuscola, cioè della dimensione teologica della relazione tra Dio e l’uomo. Ma la «cassetta degli attrezzi» non viene quasi mai fornita.


MEETING ROOM

Leggi anche:
7 regole per evitare che le riunioni nella vostra parrocchia siano scoccianti

Le 4 fasi

Qual è l’antidoto contro tutti questi rischi? È un procedimento, un “esercizio” in quattro fasi.

Prima fase: scrivo un articolo o una relazione, o preparo un intervento, una catechesi, un’omelia su un tema sul quale mi sento preparato, e uso il linguaggio che mi viene più spontaneo.

Seconda: cerco il ritorno, il feedback di un piccolo panel di persone che mi vogliono bene e perciò parlano chiaro e che, possibilmente, conoscono bene la comunità dei destinatari.

Terza: ascolto e leggo i migliori comunicatori cristiani (e do un’occhiata a questo manuale …).

Quarta: rivaluto ciò che ho preparato alla luce della seconda e della terza fase, e intervengo di conseguenza. Con quale criterio? Quello essenziale è che se il tasso di ecclesialese eccede il minimo fisiologico, bisogna correggersi.

Lo scopo dell’evangelizzazione e della pastorale è portare e far a restare a bordo tutti, non selezionare un equipaggio d’élite. I linguaggi della Chiesa, per conseguenza, non sono iniziatici, ma invogliano a iniziare e proseguire un cammino.


SUN,WOMAN

Leggi anche:
Come parlare di Dio oggi? Il contributo illuminante di un filosofo convertito

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Tags:
comunicazioneparroco
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Aleteia
Gli avvisi divertenti che si leggono nelle pa...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
DISNEY, CARTOONS
Annalisa Teggi
Arriva il bollino rosso per Dumbo, gli Aristo...
PADRE PIO
Philip Kosloski
Quando Padre Pio pregava per qualcuno recitav...
Domitille Farret d'Astiès
10 perle spirituali di Carlo Acutis
EUCHARIST
Philip Kosloski
Questa Ostia eucaristica è stata filmata ment...
ARCHANGEL MICHAEL
Gelsomino Del Guercio
La preghiera di protezione contro gli spiriti...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni