Ricevi Aleteia tutti i giorni

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Cosa sono le Messe gregoriane per i defunti?

Condividi

Questa antica pratica onora i defunti per 30 giorni consecutivi

Nel VI secolo c’era un monaco di nome Giusto che morì nel monastero di Sant’Andrea a Roma, fondato da San Gregorio Magno. Gregorio racconta un evento miracoloso collegato a questo monaco nel suo libro intitolato Dialoghi.

San Gregorio iniziò a pensare a un modo per aiutare il monaco defunto affrettando il suo viaggio verso il Paradiso.

[Dopo la morte di Giusto] iniziai ad avere compassione di lui e [pensai] a cosa potesse aiutarlo. Chiamai quindi nuovamente Prezioso, priore del mio monastero, e con cuore pesante gli dissi: ‘È ormai passato un bel po’ di tempo da quando il nostro fratello defunto si trova nei tormenti del [Purgatorio], e quindi dobbiamo mostrare un po’ di carità nei suoi confronti e fare ciò che possiamo per liberarlo: assicurati quindi che per trenta giorni consecutivi [il sacrificio della Messa] venga offerto per lui.

Poi San Gregorio riferisce una visione che uno dei monaci ebbe di Giusto.

Essendo la mia mente impegnata in altre questioni, non ho fatto attenzione ai giorni che passavano. Una sera, il monaco defunto apparve al fratello Copioso, che vedendolo gli domandò del suo suo stato dicendo: ‘Cosa c’è, fratello? Come stai?’, al che questi rispose: ‘Finora sono stato in una situazione spiacevole, ma ora sto bene, perché oggi ho ricevuto la comunione [con Dio]”.

I monaci tornarono e contarono i giorni. Risultò che Giusto era apparso proprio dopo la celebrazione della 30ma Messa. Sulla base di questa storia si è diffusa una tradizione che consisteva nel celebrare 30 Messe consecutive per liberare un’anima in particolare dal Purgatorio.

Questa pratica è oggi chiamata delle “Messe gregoriane”, richiamando la sua origine nella vita di San Gregorio Magno. Se la maggior parte delle parrocchie non riesce a soddisfare queste richieste, vari monasteri e seminari del mondo riescono ad offrire 30 Messe consecutive.

È una splendida pratica, che onora i defunti con la più grande preghiera di tutti i tempi.

Un gruppo che riesce a offrire le Messe gregoriane è Aiuto alla Chiesa che Soffre. La donazione che permette ai sacerdoti di concentrarsi sulla vostra persona cara per 30 giorni consecutivi permette anche a questa organizzazione pontificia di servire la Chiesa perseguitata o quella in zone rurali e poco servite.

Per ottenere Messe gregoriane da Aiuto alla Chiesa che Soffre cliccate qui.

 

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni