Ricevi Aleteia tutti i giorni
Solo le storie che vale la pena leggere: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

“Dio non ha promesso che sarebbe stato facile”, parola di cristiana in Pakistan

CROCIFISSO AL COLLO DI ZARISH NENO
Condividi

Abbiamo già avuto la grazia di incontrare Zarish Neno, via web, in occasione delle grandi battaglie per la vita, in un’intervista dedicata al suo Jeremiah Education Center e ora per il drammatico caso di Asia Bibi: ogni volta dai suoi occhi e dalle sue parole traspare una fede limpida, intera e coraggiosa.

Dio non ha mai promesso che sarebbe stato facile. Non ha mai detto che non avremmo mai avuto i fallimenti, la morte o il dolore. Non ha mai detto che le cose sarebbero andate sempre secondo il nostro modo, che avremmo sempre saputo dove andare, che la nostra strada sarebbe stata senza intoppi.

Ma quello che ha promesso è stato che sarebbe rimasto per sempre al nostro fianco, trasportandoci per sempre attraverso le strade difficili, sempre con le braccia tese verso di dentro. Quello che ha detto è che in ogni stagione della vita, specialmente quella più difficile, ci avrebbe portato speranza, forza e verità.

Non ci ha dato un percorso semplice. Ma ha promesso un piano perfetto, che si sta continuamente rivelando con ogni nostro passo, ogni respiro.

Leggi anche: Allerta massima dopo l’assoluzione di Asia Bibi. La testimonianza drammatica di una giovane cristiana (AUDIO)

Dio non ha promesso una vita facile, ma ha promesso che non avremmo mai dovuto combattere da soli. Ha promesso che non sarebbe mai stato più lontano di una preghiera e che quando abbiamo accettato la morte e la risurrezione di Suo figlio come redenzione e liberazione, saremmo per sempre vicini a Lui – fisicamente, spiritualmente, mentalmente, emotivamente e completamente.

Non siamo destinati ad avere vite perfette e senza dolore. Né dovremmo avere tutte le risposte su ogni piccola cosa.

Ha detto di non perdere la nostra fiducia per un momento perché questa vita non doveva essere facile, perché allora non ci sarebbe stato lo scopo.

Ci ha creati a sua immagine: vivere, amare, trovare il nostro significato individuale, onorarlo. Per sapere che saremo sfidati, scossi ed esausti dal peso del mondo. Ma non saremo mai soli.

Leggi anche: Due cose da fare se vi sentite impotenti di fronte alla piaga dei cristiani perseguitati

Quindi, non importa cosa combattiamo o affrontiamo, il Nostro Padre Celeste sarà sempre con noi.
E il suo amore incondizionato ci farà attraversare tutte le tempeste 

Foto: il crocifisso al mio collo.

QUI IL LINK ALL’ORIGINALE

Scopri altre storie come questa

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni